Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

I newyorkesi

Di

Editore: Mondadori

3.3
(856)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 270 | Formato: Altri | In altre lingue: (altre lingue) Inglese

Isbn-10: 8804572566 | Isbn-13: 9788804572565 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Copertina rigida , Tascabile economico

Genere: Fiction & Literature , Pets , Romance

Ti piace I newyorkesi?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
New York! New York! Al riparo dal traffico e dal trambusto cittadino dell'Upper West Side c'è un piccolo quartiere tranquillo vicino a Central Park dove, tra gli altri, abitano alcuni proprietari di cani. Vivere in un posto come questo, con un cane al guinzaglio, è come vivere in un piccolo villaggio. Persone spesso sole, riservate, talvolta un po' eccentriche, persone che mai si sarebbero incontrate altrimenti, si conoscono, stringono amicizia o si innamorano, a volte si lasciano. Succede anche a Jody, signora quasi quarantenne, di conoscere l'amore grazie al suo cane, un grosso pit bull femmina di nome Beatrice che lei adora. Perché i cani fungono da veri e propri cupidi, obbligando i loro padroni a legare con altri esseri umani, a superare timidezze e inibizioni in un lieve e romantico minuetto. Con uno stile elegante e sofisticato, soffuso da una lieve vena malinconica, Cathleen Schine ha scritto il suo più bel romanzo.
Ordina per
  • 5

    gioiellino!!

    dalla trama mi aspettavo che mi sarebbe piaciuto e infatti anche meglio delle aspettative iniziali! scorre via benissimo, passando lieve da un punto di vista di un personaggio a quello di un altro. Vite comuni, all'apparenza ordinarie, ma ben riempite dalla penna dell'autrice (non la conoscevo, n ...continua

    dalla trama mi aspettavo che mi sarebbe piaciuto e infatti anche meglio delle aspettative iniziali! scorre via benissimo, passando lieve da un punto di vista di un personaggio a quello di un altro. Vite comuni, all'apparenza ordinarie, ma ben riempite dalla penna dell'autrice (non la conoscevo, ne avevo solo sentito parlare, ma vale la pena leggere qualche altro suo libro). E poi che inno d'amore all'esistenza dei cani... un amore di libro, fa venire voglia di correre a New York a conoscere tutti i personaggi e a visitare i posti :)

    ha scritto il 

  • 3

    ho una figlia New York

    Da più di un anno mia figlia vive a NYC così, trovato in giro per casa questo libro, non ho resistito alla lettura.
    Un po' per NYC, un po' per le storie di cani protagonisti l'ho letto fino alla fine. Non succede nulla di particolare, la vita scorre per circa un anno e il quartiere di NYC i ...continua

    Da più di un anno mia figlia vive a NYC così, trovato in giro per casa questo libro, non ho resistito alla lettura.
    Un po' per NYC, un po' per le storie di cani protagonisti l'ho letto fino alla fine. Non succede nulla di particolare, la vita scorre per circa un anno e il quartiere di NYC in cui si svolge assomiglia molto a quella di un qualsiasi paese della periferia milanese dove vivo io. Scorrevole e ben scritto. Non un capolavoro.

    ha scritto il 

  • 2

    un paio di mesi prima di volare a New York mi sono lasciato attrarre dal titolo, nonostante la quarta di copertina non nascondesse che si tratta di un romanzo tendente al rosa. ecco, tendente non è il termine corretto, è un romanzo rosa e, di conseguenza, non è il mio genere.

    ha scritto il 

  • 4

    Mi è piaciuto molto. Mi è sembrato di vivere a New York, nell'Upper West side e osservare da una finestra i vari personaggi e i loro amici a quattro zampe. Scorci di vite che si intrecciano tra di loro. Semplice e delicato. Il mio personaggio preferito del romanzo: Beatrice ❤❤❤!!

    ha scritto il 

  • 2

    boh..

    forse sono l'unica a non aver proprio capito sto libro..
    preso con tutto l'entusiasmo, l'ho trovato da subito noioso e senza senso..
    lo lascio a qualcun altro..

    ha scritto il 

  • 5

    Lo lessi qualche tempo fa ma lo ricordo ancora molto bene.
    Sullo sfondo la magica New York ed in primo piano le storie di persone comuni che vivono nello stesso quartiere e che sono accomunate dall'amore per i loro cani.
    Molto bello!

    ha scritto il 

  • 4

    I Newyorkesi di Cathleen Schine - voto da 1 a 10: 8

    Ricordo ancora quando nel lontano 1996 acquistai un libro intitolato “La Lettera d’Amore” di una certa Cathleen Schine, scrittrice a me sconosciuta.
    Mi piacque, e notai un modo particolare di scrivere, dove la storia non era soltanto una, ma erano una serie di storie di vari personaggi che ...continua

    Ricordo ancora quando nel lontano 1996 acquistai un libro intitolato “La Lettera d’Amore” di una certa Cathleen Schine, scrittrice a me sconosciuta.
    Mi piacque, e notai un modo particolare di scrivere, dove la storia non era soltanto una, ma erano una serie di storie di vari personaggi che si intrecciavano fra di loro, come i colori di un caleidoscopio. Purtroppo non ritrovai lo stesso fascino nei due libri successivi e quindi non lessi più nulla di suo.
    Quando ho acquistato questo libro, oltre che dalla copertina e dal fatto che si parlasse di cani, sono stata attirata dall’autrice che conoscevo e che mi sembrava di intravedere nella trama riportata sulla quarta di copertina.
    È vero che io sono di parte quando si parla di animali, però a me questo libro è piaciuto.
    Se dovessi paragonarlo a qualcosa probabilmente lo paragonerei ad una tazza di tè o ad una cioccolata calda, quindi sicuramente qualcosa di piacevole e che ti lascia una traccia di vaga malinconia.
    I protagonisti di questo libro sono gli abitanti di un quartiere molto tranquillo dell’Upper West Side vicino a Central Park, ma sono anche i loro cani con cui condividono le loro esistenze tra passeggiate e solitudine.
    Ne emerge un ritratto della Grande Mela un po’ diverso da quello che vediamo di solito della metropoli frenetica e pulsante di vita.
    Il quartiere diventa in qualche modo un piccolo villaggio dove giorno dopo giorno queste persone si incrociano e nelle loro solitudini finiscono per trovare una sorta di serenità proprio nei gesti di tutti i giorni, a volte monotoni ed altre invece assolutamente spontanei, come quello di Everett che si ritrova ad acquistare un mazzo di tulipani gialli senza un reale motivo per poi farne dono a Jody che vede passare con il suo cane al guinzaglio.
    Le esistenze dei protagonisti e dei loro cani si intrecciano fino a dare vita ad una serie di situazioni che per certi versi cambieranno il loro modus vivendi e porteranno a decisioni definitive.
    Una lettura che consiglio anche a chi non possiede animali, in quanto aiuta a capire il rapporto che si crea tra umano e animale nel momento in cui diventano un nucleo famigliare, perché è questo che sono: membri di una famiglia.

    ha scritto il 

Ordina per