I nomi che diamo alle cose

Voto medio di 70
| 21 contributi totali di cui 12 recensioni , 9 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
Spesso quando si desidera distrattamente qualcosa si finisce per ottenerlo senza sapere che farsene. È quello che scopre Anna, quarant’anni, un passato prossimo doloroso e irrisolto, un presente di lavoro-passione e leggerezza forzata, quando Iride B ...Continua
MONTAG
Ha scritto il 08/04/18
"Se non siamo capaci di vivere all'inferno ci toccherà abitare il paradiso"
Mi colpisce l'uso che Beatrice Masini fa delle parole, intrecciate come se dovessero cantarla la storia di questa donna che scriveva storie per bambini e di tutto quello che la sua assenza provoca in quelli che rimangono. Il libro racconta di omiss...Continua
Vale
Ha scritto il 27/07/17
PER ME E' NO!

Criptico.Pesante.Noioso. Si salva il modo poetico con cui è stato scritto.

dashiell
Ha scritto il 27/12/16
Una scrittura precisa, che non lascia spazi bianchi, ti circonda di emozioni e di descrizioni che, nella loro vaghezza, ti fanno vedere tutto il suo mondo.A stringere la storia non è una di quelle su cui imbastire chi sa cosa, ma la Masini è una di q...Continua
Kafman
Ha scritto il 23/12/16
Beatrice Masini ha una scrittura molto raffinata, bella, precisa e lineare. Riesce ad evocare stati d'animo e sensazioni. Si legge veramente con piacere, La storia non è così originale e rimane un po' sospesa, irrisolta (come la vita d'altronde); alc...Continua
Arwen
Ha scritto il 04/11/16
Tanti hanno detto di questo romanzo. Io aggiungo la sensazione di familiarità che ti avvolge nello scorrere della storia. Ti muovi tra le pagine che raccontano di questa crescita interiore, di questa scoperta di sé come se fosse la tua vita, e quando...Continua

Sidner
Ha scritto il Feb 05, 2016, 21:37
Nemmeno i libri, nemmeno le storie ci migliorano: si limitano a dirci chi siamo. La bontà non si impara, però si può osservarla, ascoltarla, riconoscerla, e provare il dispiacere di non possederla. Se cominceremo a non considerarla un difetto sarà pu...Continua
Pag. 202
Sidner
Ha scritto il Feb 05, 2016, 21:35
Più il tempo passa più mi piacciono le parole semplici, elementari, lisce come sassi su una riva. Bello, buono, pane, cielo, bene, male, cosa. Ci vuole coraggio, suppongo, a farne uso.
Pag. 200
Sidner
Ha scritto il Feb 05, 2016, 21:34
Forse essere a casa è questo, non avere il bisogno e nemmeno la pretesa di vedere tutto bello. Guardare le cose come sono, vederle intere, senza offenderle.
Pag. 186
Sidner
Ha scritto il Feb 05, 2016, 21:33
Tu sei il pane e sei la fame.
Pag. 105
Sidner
Ha scritto il Feb 05, 2016, 21:33
Cominciava a pensare che la letteratura non mente, dopotutto; niente è troppo strano per essere vero.

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi