Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

I pascoli del cielo

Di

Editore: Bompiani

4.0
(704)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 208 | Formato: eBook | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Tedesco , Spagnolo , Francese

Isbn-10: 8858704533 | Isbn-13: 9788858704530 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Elio Vittorini

Disponibile anche come: Paperback , Altri , Rilegato in pelle , Tascabile economico , Copertina morbida e spillati

Genere: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Humor

Ti piace I pascoli del cielo?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Venti famiglie. Un piccolo villaggio, all’inizio del ’900, in una fertile vallata della California centrale. È lo scenario del primo libro importante di John Steinbeck, I pascoli del cielo, che fu pubblicato nel 1932 e tradotto da Elio Vittorini nel 1940. Si compone di dodici capitoli ma non è propriamente un romanzo perché a tenere insieme le diverse vicende, ciascuna conchiusa in sé, di questo piccolo capolavoro non sono i personaggi ma l’ambientazione – il rapporto dei contadini con la natura circostante – e, soprattutto, il tema del misterioso insinuarsi del male in un luogo che all’occhio umano appare come l’ingannevole replica del Giardino dell’Eden.
Ordina per
  • 4

    Una bella raccolta di storie, tutte appena sussurrate, che però portano un profondo messaggio. Un po' come immagino faccia il vento nella valle chiamata appunto i pascoli del cielo.

    ha scritto il 

  • 5

    Romanzo a racconti

    Che dire ? Steinbeck è sempre Steinbeck, anche quando si tratta del suo primo libro "importante", come spiegano le note al volume, per cui ci si potrebbe aspettare un'opera non ancora a fuoco o non ancora a livello dei capolavori.
    E invece no, il libro è perfettamente equilibrato, nella sua ...continua

    Che dire ? Steinbeck è sempre Steinbeck, anche quando si tratta del suo primo libro "importante", come spiegano le note al volume, per cui ci si potrebbe aspettare un'opera non ancora a fuoco o non ancora a livello dei capolavori.
    E invece no, il libro è perfettamente equilibrato, nella sua formula di "romanzo a racconti" (formula inventata da me seduta stante), in cui, attorno a un tema centrale, quello della vallata, della casa "maledetta" e delle famiglie che vi si avvicendano, si susseguono una dozzina circa di racconti legati tra loro non da una trama unica che si svolge da inizio a fine libro, ma dagli elementi detti prima e dai rimandi a personaggi già incontrati nei racconti (che poi sono capitoli, anche nella nomenclatura), precedenti.
    A questo punto importa poco se si tratti di romanzo a capitoli o di raccolta di racconti, perchè quello che conta è la bellezza della scrittura, dell'ambientazione, dei personaggi, dei temi affrontati (indimenticabile l'episodio sulla pena di morte, il punto più alto di tutto il libro).
    Un grande Steinbeck.

    ha scritto il 

  • 4

    Una serie di racconti ambientati nella stessa valle (i pascoli del cielo appunto) con rimandi l'uno all'altro e personaggi che da secondari nel primo diventano via via i protagonisti dei successivi dando il senso di un romanzo unico a più voci. Il tutto con la maestria di Steinbeck nel parlare de ...continua

    Una serie di racconti ambientati nella stessa valle (i pascoli del cielo appunto) con rimandi l'uno all'altro e personaggi che da secondari nel primo diventano via via i protagonisti dei successivi dando il senso di un romanzo unico a più voci. Il tutto con la maestria di Steinbeck nel parlare delle piccole cose, nell'esporre i sentimenti e le abitudini nascoste nei gesti minimi. Bello, come può essere bello ogni libro di Steinbeck

    ha scritto il 

  • 4

    Leggere Stainbeck dopo aver visto la California

    O durante. Ma è un must. Perchè gli spazi, le cornici, anche se viste e riviste in qualche film in tv non hanno niente a che vedere con l'originale. E questo libro, sebbene la scrittura sia obsoleta (eh sì a volte anche la scrittura può risultare obsoleta per quanto un'opera sia bella), senza la ...continua

    O durante. Ma è un must. Perchè gli spazi, le cornici, anche se viste e riviste in qualche film in tv non hanno niente a che vedere con l'originale. E questo libro, sebbene la scrittura sia obsoleta (eh sì a volte anche la scrittura può risultare obsoleta per quanto un'opera sia bella), senza la cornice reale da immaginare è un po' meno, un po' monca. Geniale l'idea delle storie che s'intrecciano fra i pascoli del cielo, e senza dubbio perfetta l'idea di sentimento comune che comunicano.... Un bel libro, da leggere con attenzione.

    ha scritto il 

  • 4

    Passò la festa del Rendimento di Grazie …

    Questi libri fanno bene all’umanità.
    «Che stavi leggendo, John?»
    «Ecco, stavo leggendo Virgilio e mi è venuta voglia di provarmi a scrivere un verso … Non si riesce a leggere una cosa bella senza aver voglia di fare una cosa bella anche noi.»

    Grazie Laramelie …

    ha scritto il 

Ordina per