I peccati di Peyton Place

Voto medio di 863
| 100 contributi totali di cui 92 recensioni , 7 citazioni , 0 immagini , 1 nota , 0 video
Lodovicoc
Ha scritto il 03/05/18
La prima parte, di circa centocinquanta pagine, è noisa, non presenta avvenimenti di rilievo e la psicologia dei personaggi non convince. Nella seconda parte tutto si ribalta, accadono disgrazie di vario tipo e l'autrice esprime con precisione le var...Continua
Ilary
Ha scritto il 08/04/18

Ho preso questo libro a caso, senza sapere che è un best seller da più di sessant'anni: mi è piaciuto molto e mi hanno intrigato tutte le storie dei numerosi personaggi. Mi ha incuriosito e affascinato anche la storia dell'autrice.

Miyu
Ha scritto il 19/04/16

Mi piace lo stridente contrasto tra il compassato ambiente anni 50, il linguaggio vagamente datato e la scabrosità delle storie raccontate. Desperate Housewives in salsa Doris Day. I like it!

Francesco
Ha scritto il 02/02/16

La Vera (sì, con la V maiuscola), unica e prima Soap opera. Se Las Vegas è la città del peccato, Peyton Place cos'è?.
Consiglio: attenzione a dove lo leggete, alcune parti sono esilaranti e potreste disturbare il vostro vicino.

Ainda
Ha scritto il 17/05/15

La provincia americana scandagliata dall'autrice in modo un po' soft,niente a che vedere con Steinbeck o Faulkner ovviamente ma comunque questa saga era abbastanza godibile e scritta non male.


Francesca78
Ha scritto il Apr 26, 2010, 10:48
«Bisogna ricordare l'amore, Allison», disse Tom, «e non tormentarsi per quello che si è perduto»
Pag. 475
Francesca78
Ha scritto il Apr 26, 2010, 10:46
«Non è vero. Esiste l'amore che non sa affrontare delle prove, ma questo non significa che non sia stato amore all'inizio. L'amore non è statico. Cambia e fluttua: a volte cresce o diminuisce oppure scompare del tutto. Ma non trovo giusto non essere...Continua
Pag. 474
Francesca78
Ha scritto il Apr 26, 2010, 10:41
Se non era giusto essere tanto felice, pensava Selena, desiderava sbagliare per tutta la vita.
Pag. 236
Francesca78
Ha scritto il Apr 26, 2010, 10:40
La baciò dolcemente, senza toccarla, prendendole il viso tra le due mani. I ranuncoli accarezzarono i loro visi come velluto.
Pag. 188
Chiara
Ha scritto il Apr 08, 2010, 07:40
“L’estate indiana è come una donna: morbida, calda, appassionata, ma incostante. Va e viene come e quando le pare e nessuno sa se arriverà davvero né per quanto si tratterrà. Nel New England settentrionale l’estate indiana tarda un poco l’avanzare de...Continua
Pag. 3

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

Intra Deruta...
Ha scritto il May 20, 2017, 08:47

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi