I pesci non hanno gambe

Voto medio di 203
| 140 contributi totali di cui 63 recensioni , 76 citazioni , 1 immagine , 0 note , 0 video
Tutto comincia con l’amore, questa «esplosione solare che ti distrugge la vita e rende abitabili i deserti», ma che con il tempo può raffreddarsi diventando un banale martedì. È allora che Ari, poeta di vocazione ed editore di successo, manda tutto i ...Continua
cloudbuster
Ha scritto il 30/03/18
"In nessun altro luogo nell’intero paese il popolo dimora in tale prossimità con la morte"
E’ il secondo romanzo di Jon Kalman Stansson che leggo dopo l’affascinante Paradiso ed Inferno. La sua scrittura si conferma bellissima, evocativa, originale e mai banale. Il senso del romanzo è riassunto in questo brano che compare nelle prime pagin...Continua
Willie the Coyote
Ha scritto il 21/01/18
Amore, sogni, giovinezza, maturità (maturità?), condizionamenti sociali e culturali, incomunicabilità, poesia, il mare, politica, desiderio, routine, morte. C'è un po' di tutto in questo romanzo ben scritto, intriso di solitudine e della difficoltà d...Continua
LelaCosini
Ha scritto il 14/10/17
pescatori
Molto bello, anche se non quanto Luce d'estate che è incredibilmente poetico e nostalgico. Anche qui la scrittura è splendida e ci sono storie presenti e passate che si intrecciano nei vari capitoli, ma personalmente mi è pesata tanto la tristezza di...Continua
Laura
Ha scritto il 16/07/17
"...come può qualcosa di così grande sparire senza che il mondo sbandi, senza che la terra si confonda nella sua rotazione e si lasci sfuggire la luna?" Perché succede che ogni singolo evento del passato, piccolo o grande, orribile o bello, una risat...Continua
Robinia B.
Ha scritto il 11/05/17
Famiglie di Islanda
In pesci non hanno gambe è un pugno allo stomaco mentre qualcuno ti sussurra poesie e la neve fiocca placida. La speranza, che senti ai margini delle parole, della pagina in fondo alle righe, quando l'occhio arriva nei vuoti, c'è ma la puoi raggiunge...Continua

Mighè legge cose
Ha scritto il Sep 27, 2016, 09:02
La vita dell’uomo diventa al massimo qualche nota isolata che non forma alcuna melodia, un suono casuale invece di una musica – è per questo che ci siamo rivolti a te con questa storia centenaria, un racconto di generazioni, o un pianeta, una stella...Continua
Sandroman
Ha scritto il Feb 22, 2016, 17:35
Moriamo quando il dolore diventa più grande della vita
Sandroman
Ha scritto il Feb 22, 2016, 17:35
Perché non è sufficiente essere amati, ma cosa vogliamo di più, per quale motivo l’amore non rimargina le ferite, o non le rende curabili, com’è possibile rovinare la cosa più importante, sai che sono nuda sotto il vestito, i monti un salmo rivolto a...Continua
Sandroman
Ha scritto il Feb 22, 2016, 17:35
non è forse una delle maggiori sventure del genere umano, che sia più facile dimenticare che ricordare, sicuramente perché è più comodo, la vita diventa meno drammatica, la quotidianità più accettabile. Per questo reprimiamo tante cose dentro di noi...Continua
Sandroman
Ha scritto il Feb 22, 2016, 17:34
Com’è possibile competere con chi è morto giovane, chi riposa per sempre nel ricordo, e diventa più bello e migliore ogni anno che passa, mentre noi altri invecchiamo, ingrassiamo, i seni cadono, l’andatura si irrigidisce, lo sguardo si offusca, i pe...Continua


- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi