Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

I postromantici

Stagione uno

Di

Editore: TEA

2.5
(13)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 256 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8850219156 | Isbn-13: 9788850219155 | Data di pubblicazione: 

Genere: Fiction & Literature

Ti piace I postromantici?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 3

    mah che dire...
    matteo, giovanni, luca e marco, 4 ragazzi belli e ricchi, snob e sofisticati, amici di infanzia sono i protagonisti di questo romanzo in cui amore, amicizia, potere e sesso si incrociano in un lungo week end di fuoco.
    trovo che sia facile sparare su un libro così, perchè personagg ...continua

    mah che dire... matteo, giovanni, luca e marco, 4 ragazzi belli e ricchi, snob e sofisticati, amici di infanzia sono i protagonisti di questo romanzo in cui amore, amicizia, potere e sesso si incrociano in un lungo week end di fuoco. trovo che sia facile sparare su un libro così, perchè personaggi e situazioni sono insopportabilmente (ma purtroppo anche realmente) antipatici e ammetto che i dialoghi siano spesso inspiegabilmente (ed inutilmente) esageratamente irreali, quasi a voler creare una scrittura diversa e non convenzionale. credo anche, come ho avuto modo di leggere in alcune recensioni, che se al posto di un'ambientazione e un autore italiani ce ne fosse stata una americana con un autore come Brett Easton Ellis un libro come questo sarebbe stato considerato capolavoro assoluto, per la capacità di raffigurare il degenero della società odierna. E' per questo motivo che pur non considerando questo libro un capolavoro ritengo comunque sia in parte interessante, per il coraggio di dipingere personaggi quasi tutti negativi, senza speranza, capaci di vivere il loro stato di ricchezza e benessere in una apparenza di felicità che nasconde solo solitudine. E' impossibile non provare antipatia profonda per uno dei personaggi almeno una volta ma allo stesso tempo è consolatorio sapere che "anche i ricchi piangono", tanto per citare la famosa soap opera. E in fondo questo libro è un sorta di soap, un beautiful che incontra dirty sexy money, gli anni 80-90 che incontrano i giorni nostri, la finzione che incontra tragicamente la realtà e che un pochino finisce per appassionare, un "dirty plesure" che fa leva sul lato perverso che c'è in ognuno di noi. (però devo smettere di farmi abbindolare da copertine e titoli accattivanti)

    ha scritto il 

  • 2

    NON L'HO CAPITO! LA STORIA DI PER SE NON E' MALE ANCHE SE UN PO' TROPPO ESAGERATA MA PROPRIO NON CAPIVO I DIALOGHI, NON SI CAPISCE DI CHI O COSA PARLANO. MAH!!!!!!!!!!!

    ha scritto il