Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

I primi sette anni e altri racconti

Racconti d'autore, 16

Di

Editore: Il Sole 24 Ore

3.8
(100)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 79 | Formato: Paperback

Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Prefazione: Vincenzo Mantovani

Genere: Fiction & Literature

Ti piace I primi sette anni e altri racconti?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Un ciabattino polacco sogna un futuro migliore per la sua unica figlia; uno scrittore in crisi incontra l'autrice di un racconto che lo ossessiona; un sarto ebreo ritrova la fede grazie alla visita di un angelo; un allievo rabbino si affida a un sensale per trovare moglie. Tra ironia e dramma, quattro racconti fedeli a un'umanità marginale eppure ostinatamente aggrappata alle proprie speranze.
Ordina per
  • 2

    Sciapo

    E' un insieme di racconti sciapi, insipidi. Alcuni sembrano inconcludenti, altri senza spessore. Stupire con la semplicità non è facile, e Malamud ha cercato di farlo, invano.


    Alcuni autori non sono portati per la semplicità, frutto di un gioco sottile tra consapevolezza della propria gra ...continua

    E' un insieme di racconti sciapi, insipidi. Alcuni sembrano inconcludenti, altri senza spessore. Stupire con la semplicità non è facile, e Malamud ha cercato di farlo, invano.

    Alcuni autori non sono portati per la semplicità, frutto di un gioco sottile tra consapevolezza della propria grandezza e della voglia di non essere artificiosi. Legame che è difficile mantenere in equilibrio. Anche per Malamud. Soprattutto per Malamud.

    ha scritto il 

  • 3

    Non me ne vorrà Malamud, con il suo premio Nobel, se gli preferisco i fumetti di Will Eisner, che parlano delle stesse cose con più ironia (ma no, Bernard, che non ti giudico da quattro raccontini, sì, tranquillo, non ti agitare, avrai un'altra chance...).

    ha scritto il 

  • 5

    Malinconia, fiaba, umorismo, poesia, tenerezza, un briciolo di surrealismo.
    Quattro brevi storie d'amore, apparentemente semplicissime, ma perfette e assolutamente incantevoli.
    Tra Isaac Singer e Woody Allen, Leo Perutz e Philip Roth.
    Entusiasta di aver scoperto (grazie ai vicini anobiani) Malamu ...continua

    Malinconia, fiaba, umorismo, poesia, tenerezza, un briciolo di surrealismo. Quattro brevi storie d'amore, apparentemente semplicissime, ma perfette e assolutamente incantevoli. Tra Isaac Singer e Woody Allen, Leo Perutz e Philip Roth. Entusiasta di aver scoperto (grazie ai vicini anobiani) Malamud.

    ha scritto il 

  • 4

    Felice di avere scovato per caso questo libro e di avere conosciuto questo autore: quattro racconti permeati di un'atmosfera particolare, quello che mi ha colpita di più nel mio immaginario è il secondo,il terzo invece mi è piaciuto meno degli altri tre, comunque il mio giudizio globale è ok

    ha scritto il 

  • 4

    Racconti tenerissimi che hanno per soggetto momenti piuttosto tristi e bui di persone povere, umili e incerte, ritratte in momenti che paiono tra i più difficili. Eppure resta sempre la speranza nel domani e nella forza dei sentimenti (specialmente nell'amore).
    E' come se la chiavetta d'avviament ...continua

    Racconti tenerissimi che hanno per soggetto momenti piuttosto tristi e bui di persone povere, umili e incerte, ritratte in momenti che paiono tra i più difficili. Eppure resta sempre la speranza nel domani e nella forza dei sentimenti (specialmente nell'amore). E' come se la chiavetta d'avviamento fosse già inserita, basta uno sforzo per girarla e il motore della vita si riavvierà; magari al minimo, ma si riavvierà.

    ha scritto il 

  • 5

    Quattro stelle e mezzo.

    Credo di aver davvero amato i racconti di Malamud. Mi duole ammettere che certi autori non li avrei mai conosciuti se non grazie a queste raccolte, e Bernard è uno di questi.
    Dei racconti delicati, a metà fra la quotidianità e la fede. Personaggi caratterizzati alla perfezione, colmi di quell'uma ...continua

    Credo di aver davvero amato i racconti di Malamud. Mi duole ammettere che certi autori non li avrei mai conosciuti se non grazie a queste raccolte, e Bernard è uno di questi. Dei racconti delicati, a metà fra la quotidianità e la fede. Personaggi caratterizzati alla perfezione, colmi di quell'umanità e veridicità che non sempre è possibile trovare in racconti di poche pagine appena dove l'autore si è destreggiato alla perfezione. Deliziosissimo!

    ha scritto il 

Ordina per