Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

I ragazzi del massacro

Noir italiano n. 06

By Giorgio Scerbanenco

(180)

| Hardcover

Like I ragazzi del massacro ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Un'aula scolastica, una lavagna piena di parolacce e disegni osceni e il cadavere di una giovane donna completamente nuda, orrendamente massacrata di botte, i suoi abiti sparsi dappertutto. La vittima è Matilde Crescenzaghi, fragile e delicata signor Continue

Un'aula scolastica, una lavagna piena di parolacce e disegni osceni e il cadavere di una giovane donna completamente nuda, orrendamente massacrata di botte, i suoi abiti sparsi dappertutto. La vittima è Matilde Crescenzaghi, fragile e delicata signorina della piccola borghesia dell'Alta Italia, "insegnante di varie materie e anche buona educazione" nella scuola serale Andrea e Maria Fustagni. Un ambiente non molto raccomandabile, visto che spesso gli studenti sono già passati per il riformatorio o vengono da famiglie difficili. A risolvere il caso sarà un personaggio di culto come Duca Lamberti, medico e investigatore, alle prese questa volta con un ambiente insolito, morboso, feroce.

153 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Cinque stelle alla saga

    Il libro, sempre molto bello, merita le quattro stelle che ho già dato agli altri tre capitoli della saga di Duca Lamberti ("Venere privata", "Traditori di tutti" e il successivo "I milanesi ammazzano il sabato").
    Tuttavia l'insieme della saga merita ...(continue)

    Il libro, sempre molto bello, merita le quattro stelle che ho già dato agli altri tre capitoli della saga di Duca Lamberti ("Venere privata", "Traditori di tutti" e il successivo "I milanesi ammazzano il sabato").
    Tuttavia l'insieme della saga merita, per la sua credibilità narrativa e per le emozioni che regala, una quinta stella ad honorem.
    Belle sono le trame dei singoli noir e interessante anche la storia trasversale tra Duca e Livia, con la sorella e con il severo capo Càrrua.
    L'unico punto che ho maldigerito è stata l'ossessivo disprezzo ripetutamente rivolto da Scerbanenco agli omosessuali, chiamati invertiti o anormali e oggetto delle peggio abitudini.
    E' vero che si parla di libri scritti e ambientati negli anni Sessanta, epoca certamente meno tollerante verso l'omosessualità rispetto a questi anni.
    Tuttavia il fatto che questo tono si ripeta in quasi tutti i libri risulta molto oneroso e sarebbe probabilmente inaccettabile per un lettore gay.
    Forse questo è uno dei motivi che giustificano l'oblio di un talento noir come Scerbanenco, negli ultimi anni praticamente scomparso dal panorama editoriale italiano.
    Personalmente ci sono arrivato per caso, incuriosito dal titolo "I milanesi ammazzano il sabato", e ne è davvero valsa la pena.

    Is this helpful?

    Chiagia said on Apr 28, 2014 | Add your feedback

  • 2 people find this helpful

    Straordinariamente attuale, nonostante l'uso di aggettivi e la descrizione di alcune situazioni che appartengono ad una società che non esiste più.

    Is this helpful?

    Aida said on Apr 24, 2014 | 1 feedback

  • 1 person finds this helpful

    buon noir italiano, ben scritto, nonostante siano passati quasi 50 anni

    Is this helpful?

    Lorenzo said on Apr 21, 2014 | Add your feedback

  • 2 people find this helpful

    Il colore di un noir

    Questo è un noir bianco lattescente. Bianco lattescente è il liquore dall'odore forte dell'anice, è la nebbia che riempie l’aperto e pare scaldare la fredda Milano, è il velo che offusca gli occhi dei ragazzi sfasciati della storia. E pare il colore ...(continue)

    Questo è un noir bianco lattescente. Bianco lattescente è il liquore dall'odore forte dell'anice, è la nebbia che riempie l’aperto e pare scaldare la fredda Milano, è il velo che offusca gli occhi dei ragazzi sfasciati della storia. E pare il colore del dolore silenzioso per la morte della bimbetta, figlia della sorella di Duca Lamberti: traccia che si affianca discreta e umanizza questa storia altrimenti nerissima e disperata.
    Che poi, a voler essere pignoli, quando Scerbanenco l'ha scritto questo libro, nel 1968, non era un noir, ma un giallo bianco lattescente.

    Is this helpful?

    Lapaladini said on Apr 6, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    abituarsi al buio...

    ecco, a me i gialli di scerbanenco fanno venire in mente questo: entrare in una stanza completamente al buio (il ritrovamento del morto) e piano piano come se entrasse un filo di luce, abituarsi e vedere tutto (il risolvimento del caso). e poi mi pia ...(continue)

    ecco, a me i gialli di scerbanenco fanno venire in mente questo: entrare in una stanza completamente al buio (il ritrovamento del morto) e piano piano come se entrasse un filo di luce, abituarsi e vedere tutto (il risolvimento del caso). e poi mi piace Milano: quella di una volta, con i malavitosi non troppo buoni come inei libri diCarlotto. da leggere tutto d'un fiato!

    Is this helpful?

    Stefano Protomartire Leroy said on Feb 21, 2014 | Add your feedback

  • 3 people find this helpful

    Una maestra massacrata da una classe e un'omertà impenetrabile, che rende quasi impossibile scoprire il vero colpevole; e poi, che sarà mai, una povera maestra che insegnava a dei poco di buono, una manciata di ragazzi delinquenti già da piccoli, si ...(continue)

    Una maestra massacrata da una classe e un'omertà impenetrabile, che rende quasi impossibile scoprire il vero colpevole; e poi, che sarà mai, una povera maestra che insegnava a dei poco di buono, una manciata di ragazzi delinquenti già da piccoli, si capisce che poteva capitare, la polizia ha casi be più importanti da seguire.
    Per fortuna Duca Lamberti non la pensa così: riesce a scindere ogni ragazzo dalla massa e a vederlo da solo, col suo passato doloroso alle spalle. Li intervista uno per uno, segue qualche intuizione, si impegna e infine risolve il caso. Tutto questo in una Milano degli anni Sessanta grigia e nebbiosa, dove lui stesso per primo è alle prese coi traumi della propria vita: per questo è così sensibile e così in gamba a capire l'animo degli altri.

    Is this helpful?

    Cicely said on Feb 3, 2014 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book