Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

I ragazzi della via Pal

By Ferenc Molnár

(546)

| Paperback | 9788804480495

Like I ragazzi della via Pal ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

366 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Ho letto questa storia all’età di dieci anni. Era uno dei miei primi libri. Non riuscivo a capire in che periodo fosse ambientato il racconto e nemmeno quale fosse la città teatro della storia. Tuttavia ricordo perfettamente quei compagni di giuoco. ...(continue)

    Ho letto questa storia all’età di dieci anni. Era uno dei miei primi libri. Non riuscivo a capire in che periodo fosse ambientato il racconto e nemmeno quale fosse la città teatro della storia. Tuttavia ricordo perfettamente quei compagni di giuoco. Giovanni Boka era il leader che stimavo, l’amico che desideravo nella solitudine estiva di quegli anni in cui tutto era scoperta e voglia di conoscere. Forse in me c’era qualcosa del piccolo Ernesto Nemecsek, fragile e poco coraggioso. Non era necessario immaginare i luoghi di quelle appassionanti battaglie e di quelle pericolosissime missioni: quei posti li conoscevo bene, li vedevo, li frequentavo nei pomeriggi votati a qualche fantasioso passatempo con dei crudeli amici, che erano, sì cattivi e crudeli come la squadra delle famigerate Camicie Rosse, ma non così ingegnosi e geniali...

    http://www.associazionelibrido.it/libidolegendi/?p=697

    Is this helpful?

    LIBRidO said on Oct 23, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Una dolce lettura adolescenziale.Un'immersione nel mondo dei ragazzi....ragazzi che oggi non esistono più.Lottano per il loro campo giochi ma con lealtà.Rispettano il " nemico" con il quale si accordano per il tipo di armi da usare durante il comba ...(continue)

    Una dolce lettura adolescenziale.Un'immersione nel mondo dei ragazzi....ragazzi che oggi non esistono più.Lottano per il loro campo giochi ma con lealtà.Rispettano il " nemico" con il quale si accordano per il tipo di armi da usare durante il combattimento( impensabile adesso che il mondo è dei cosiddetti più furbi),hanno un codice di onore:" non si fanno soprusi ai più piccoli" perché sarebbe come rubare( tenerissimi).
    Bellissimo quando riconoscono il valore,il coraggio, di un loro nemico e gli rendono onore......
    Onesti,strategici anche nel loro preparar la lotta....ma sopratutto " ragazzi puliti" che si accontentano di cose semplici.Nemecek,amava il suo campetto,era coraggioso ,rispettava i suoi compagnied inoltre aveva un grande cuore,una grande umanità dimostrata verso il papà e l'amico traditore.
    Tutti saranno poi risvegliati alla realtà nel finale ed allora non esisteranno più nemici o compagni o campetto ma...una realtà che nessuno di loro potrà cambiare.
    Molto bello...da leggere per tutti piccoli e grandi....

    Is this helpful?

    EmmeM said on Oct 13, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    toccante e profondo,secondo me questa è una lettura molto utile, perché evidenzia il valore del coraggio, ma soprattutto dell’amicizia, una esperienza magnifica ed inspiegabile che la vita ci dona. Ho imparato che quando si è nel periodo dell’adolesc ...(continue)

    toccante e profondo,secondo me questa è una lettura molto utile, perché evidenzia il valore del coraggio, ma soprattutto dell’amicizia, una esperienza magnifica ed inspiegabile che la vita ci dona. Ho imparato che quando si è nel periodo dell’adolescenza si vivono delle avventure fantastiche ed uniche, ma anche momenti di tristezza e di solitudine.

    Is this helpful?

    Robby Vett said on Oct 11, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    "Una vita che ci costringe a lottare come fossimo ai suoi ordini."

    La banda della via Pal è un piccolo microcosmo, simbolo del forte militarismo e del grande valore culturale/morale che ne deriva. Il campo è una patria in miniatura.

    Un piccolo romanzo di formazione, potrei definirlo, che termina con la consapevolez ...(continue)

    La banda della via Pal è un piccolo microcosmo, simbolo del forte militarismo e del grande valore culturale/morale che ne deriva. Il campo è una patria in miniatura.

    Un piccolo romanzo di formazione, potrei definirlo, che termina con la consapevolezza, in un certo senso disfattista, del significato dell'uomo e della sua lotta alla stabilità.

    Non ci sono ragazzi, qui, ma vivaci piccole parodie di "grandi" uomini di battaglia, che pertanto risultano essere anche ridicole, a tratti.

    Si lotta per il campo (estens. per patria), per tenerlo assoggettato alla Società dello Stucco, per evitare che finisca nelle mani delle Camicie Rosse, che lo agognano per "poterci giocare". E, infine, questo è il significato del romanzo per ragazzi: la guerra è un gioco per bambini che hanno bisogno di dare significato a qualcosa.

    Ce ne sono di tutti i tipi: Boka, il generale dell'esercito, fiero, pragmatico, deciso, intelligente, giusto; Geréb, il traditore pentito; Kolnay e Barabás, in costante battibecco tra di loro; e poi il dolce e piccolo Nemecsek, biondo, innocente, vittima del gioco di guerra e della fastosità dei gradi.

    E' un mondo piccolo, un mondo che manda messaggi antimilitaristici senza remore. Una parodia di un gioco troppo violento, quanto inutile. Anche se, a volte, necessario.

    Is this helpful?

    Manuel said on Sep 21, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Mi spiace non averlo letto quando mi fu regalato tanti anni fa.

    Is this helpful?

    Vandebeers said on Sep 15, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Gereb però non era ancora soddisfatto dello spettacolo. Avrebbe voluto renderlo lui più attraente. Pensava di acquistare prestigio mostrandosi crudele... Si piantò davanti a Nemecsek con un sorriso beffardo sulle labbra e gli chiese ironicamente:
    - B ...(continue)

    Gereb però non era ancora soddisfatto dello spettacolo. Avrebbe voluto renderlo lui più attraente. Pensava di acquistare prestigio mostrandosi crudele... Si piantò davanti a Nemecsek con un sorriso beffardo sulle labbra e gli chiese ironicamente:
    - Buona l'acqua?
    - È meglio del nemico - gli rispose il soldatino della via Pal, fissandolo bene in viso. - In ogni caso è meglio che restare a sghignazzare sulla riva. Preferirei rimanere nello stagno fino all'anno venturo piuttosto che allearmi con i miei nemici! Io ho fatto un bagno, e allora? Già sere fa ero caduto nell'acqua; ti avevo già visto, Gereb, nell'isola con i nemici. Portatore di moccoli! Voi avreste ben potuto continuare, lusingarmi con promesse e regali: io non sarei mai venuto dalla vostra parte. E quand'anche mi gettaste ancora una volta, ancora cento, nello stagno, ritornerei qui domani, dopodomani, tutti i giorni. Voi non mi prendereste mai perché sarei così cauto che ve la farei in tutti i modi sotto il vostro naso. Nessuno di voi mi fa paura: se verrete da noi sul campo, mi troverete là. Potete venire quando volete: non sarete più in dieci contro uno e sapremo rispondervi a tono. Con me voi avete giocato, è stato un gioco buttarmi nell'acqua. Bella forza! Ci vuole del fegato per due grossi gorilla come i Pasztor portar via le biglie a un ragazzino come me! Volete continuare il divertimento? Volete picchiarmi? Se avessi voluto non avrei fatto questo bagno, ma ho preferito non passare dalla vostra parte. Strangolatemi anche, se volete, ma io non sarò mai un rinnegato come quello…

    in un mare di lacrime

    Is this helpful?

    Beatrix Kiddo said on Sep 10, 2014 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book