Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

I ribelli dei 50 soli

Cosmo Oro 21

Di

Editore: Nord (Cosmo Oro. Classici della Fantascienza)

3.5
(159)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 220 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo , Francese , Polacco

Isbn-10: 8842903183 | Isbn-13: 9788842903185 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Riccardo Valla

Disponibile anche come: Tascabile economico , Paperback

Genere: Fiction & Literature , Science Fiction & Fantasy

Ti piace I ribelli dei 50 soli?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Nota:
il codice ISBN è stato assegnato a posteriori dalla casa editrice, a partire da giugno 1993, e si riferisce alla prima edizione e a tutte le successive ristampe.
Scegli la copertina della ristampa di tuo interesse dal menù “Modifica”
Ordina per
  • 4

    Un'avventura spaziale di A.E. Van Vogt

    Spazio, alcune decine di migliaia di anni nel futuro. In ricognizione nella Grande Nube di Magellano, l'incrociatore stellare della Terra Imperiale chiamato Sciame Stellare si imbatte in una scoperta a dir poco inaspettata: la galassia è popolata dai discendenti della razza umana, una popolazione ...continua

    Spazio, alcune decine di migliaia di anni nel futuro. In ricognizione nella Grande Nube di Magellano, l'incrociatore stellare della Terra Imperiale chiamato Sciame Stellare si imbatte in una scoperta a dir poco inaspettata: la galassia è popolata dai discendenti della razza umana, una popolazione che vive su 50 sistemi planetari nascosti tra milioni e non ha alcuna intenzione - almeno in apparenza - di sottostare al diktat di sottomissione diffuso nello spazio dal vascello invasore.

    Nato dall'accorpamento di storie in origine pubblicate singolarmente, I Ribelli dei 50 Soli descrive le vicende interconnesse di tre razze distinte ma dalla stessa progenitura umana - "robot" Delliani, non Delliani e Umanoidi - e le avventure che le porteranno a una conclusione magari scontata, ma mai anticipata da una narrazione ricca di avventure, intrighi, colpi di scena e sorprendenti capovolgimenti di fronti.

    Tra i migliori libri di Van Vogt che abbia letto sin'ora, siamo per intenderci (quasi) al livello di Crociera nell'Infinito con una commistione di avventura e sci-fi che si fa leggere ancora con piacere - e partecipazione - a più di 50 anni dalla pubblicazione originale. 4/5

    ha scritto il 

  • 4

    Davvero un bel libro di fantascienza.
    La trama è avvincente e i colpi di scena sono tanti.
    L'unica pecca è il finale, un po' troppo rapido, come se lo scrittore avesse fretta di concludere, lasciando così tante cose non spiegate se non superficialmente e frettolosamente.

    ha scritto il 

  • 2

    Se questo è uno dei classici della fantascienza, non stento a credere che molti considerino questo genere di serie B. L'idea è buona ma lo stile è pessimo, con dialoghi stracolmi di informazioni inutili e personaggi poco credibili.

    ha scritto il 

  • 4

    Non è il miglior Van Vogt, certamente pesano gli anni che il libro si porta dietro, molte idee sono certamente superate...
    eppure Van Vogt sa sempre divertire e stupire: sprizza sense of wonder da tutti i pori.
    L'idea della mega astronave che si scompone è geniale quanto splendidament ...continua

    Non è il miglior Van Vogt, certamente pesano gli anni che il libro si porta dietro, molte idee sono certamente superate...
    eppure Van Vogt sa sempre divertire e stupire: sprizza sense of wonder da tutti i pori.
    L'idea della mega astronave che si scompone è geniale quanto splendidamente immaginifica.
    Premio Hugo meritatissimo !!

    ha scritto il 

  • 2

    Ci sono autori che non resistono all'usura del tempo e, a mio parere, Van Vogt è uno di questi.
    Il libro in questione si fa ancora leggere, però, tenendo conto che si tratta di un racconto vincitore di un premio Hugo, la delusione è innegabile. Buona l'idea della mega nave spaziale che si s ...continua

    Ci sono autori che non resistono all'usura del tempo e, a mio parere, Van Vogt è uno di questi.
    Il libro in questione si fa ancora leggere, però, tenendo conto che si tratta di un racconto vincitore di un premio Hugo, la delusione è innegabile. Buona l'idea della mega nave spaziale che si scompone in centinaia di elementi autonomi e la descrizione dell'uragano cosmico.
    Accostarlo al ciclo della Fondazione di Asimov mi sembra invece una bestemmia: troppa la distanza qualitativa.

    ha scritto il 

  • 5

    Il triangolo si

    A mio avviso questo romanzo breve entra nel gruppo dei migliori 3 libri di Van Vogt; come sempre è l'aspetto psicologico il nodo sci-fi e, sotto questo profilo, il personaggio principale si trova coinvolto in una sciarada di relazioni, rapporti, dubbi e scontri interiori.

    ha scritto il 

  • 5

    Premetto, la fantascienza non è il mio genere, ma questo libro è sicuramente un capolavoro; ti porta e ti trascina facilmente in un mondo distante ma molto umano dove l'azione e l'avventura la fanno da padrone.

    ha scritto il 

  • 3

    Si tratta senza dubbio di una storia molto interessante, ma che purtroppo non esprime al massimo le sue potenzialità. I difetti principali sono una caratterizzazione dei personaggi non riesce a rendere al meglio i protagonisti e i frequenti salti temporali che si incontrano tra la fine di un capi ...continua

    Si tratta senza dubbio di una storia molto interessante, ma che purtroppo non esprime al massimo le sue potenzialità. I difetti principali sono una caratterizzazione dei personaggi non riesce a rendere al meglio i protagonisti e i frequenti salti temporali che si incontrano tra la fine di un capitolo e l'inizio del successivo (in pratica ogni volta che si inizia un capitolo si ha quasi l'impressione di essersi persi qualche pezzo).

    Il motivo principale di questi difetti è piuttosto semplice. In realtà questo I ribelli dei 50 soli (The Mixed Men) non è un romanzo vero e proprio, ma una serie di racconti pubblicati negli anni compresi tra il 1940 e il 1950 sulla rivista Astounding Science-Fiction e successivamente riadattati in un unico volume pubblicato nel 1952. Si tratta di un bellissimo esempio di fantascienza anni '40 ma che forse non vale il prezzo dell'edizione Elara.

    ha scritto il 

  • 2

    Che palle! (perdonate il francesismo) Parte bene, c'è la superpotenza galattica che incoccia in una colonia umana perduta e dotata di poteri molto particolari, ma poi... I personaggi sono tagliati con l'accetta, i dialoghi sono intriganti come quelli di High School Musical, l'azione sbrigativa. D ...continua

    Che palle! (perdonate il francesismo) Parte bene, c'è la superpotenza galattica che incoccia in una colonia umana perduta e dotata di poteri molto particolari, ma poi... I personaggi sono tagliati con l'accetta, i dialoghi sono intriganti come quelli di High School Musical, l'azione sbrigativa. Davvero molto adolescenziale.

    ha scritto il