Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

I sentieri del cuore

Di

Editore: Montag (Anthology)

3.8
(4)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 232 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8896793262 | Isbn-13: 9788896793268 | Data di pubblicazione: 

Genere: Fiction & Literature

Ti piace I sentieri del cuore?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Un’antologia costruita sul cuore e per il cuore. Un mosaico di sentimenti e passioni in grado di attraversare ogni genere letterario; autori capaci di tagliare col loro talento la rappresentazione di ogni pulsione umana: dall’amore alla violenza, dalla bontà al cinismo. Ma sempre con i piedi e la penna ben saldi sui sentieri del cuore.
Ordina per
  • 0

    L'ho comprato solo perché hanno pubblicato un mio racconto, ma non so se val la pena leggerlo. A parte la carrettata di refusi (così è stato spedito il racconto, così è stato pubblicato, avessi pure s ...continua

    L'ho comprato solo perché hanno pubblicato un mio racconto, ma non so se val la pena leggerlo. A parte la carrettata di refusi (così è stato spedito il racconto, così è stato pubblicato, avessi pure scritto albero con l'acca me l'avrebbero passato per buono) in diecimila parole non si esprime niente di veramente significativo. Nessuno dei pubblicati è Hemingway, decisamente!

    ha scritto il 

  • 2

    l'idea è davvero ottima. il risultato, mi spiace dirlo, è ben sotto le aspettative. criticare il titolo, un po' troppo da collezione "harmony", è fin troppo facile. e nonostante sia un'antologia, prev ...continua

    l'idea è davvero ottima. il risultato, mi spiace dirlo, è ben sotto le aspettative. criticare il titolo, un po' troppo da collezione "harmony", è fin troppo facile. e nonostante sia un'antologia, prevalentemente sui buoni sentimenti, nella gran parte dei racconti manca il pepe e la curiosità. sono dell'idea che per rendere interessante e rilevante qualcosa che nello scritto è già meno interessante che nel parlato, ci voglia qualcosa in più della mera esposizione. e qui c'è un po' troppa banalità, un po' troppo sentimentalismo. e dal mio punto di vista, questo fa perdere spessore a molti di questi racconti che pur partendo da spunti buoni poi si perdono nei luoghi comuni più abusati.
    da questa sagra da "bigliettini in stile bacio perugina", personalmente si elevano i racconti di walter serra, luca preite, vanessa munari, laura poletti, miriam mastrovito, alba coglitore, eleonora lo iacono. superlativi secondo me risultano i racconti di euro carello (un bellissimo e ansioso ritratto di una situazione di emergenza), alessandra gallo (il suo è un ritratto di un tempo che forse non c'è più e se c'è ancora rimane comunque molto toccante) e roberta garavaglia (con le sue altalene dell'affetto raccontate divinamente). l'unico motivo che mi ha spinto a comprare questa antologia è la presenza del mio racconto, sul quale, per onestà, non mi pronuncio. ma sinceramente non mi sento di consigliare questo libro.

    ha scritto il 

  • 4

    Antologia in lettura, dove compare il mio racconto "La ruota del tempo"(Quarta pubblicazione dopo: "L'editoria parmense e il territorio", saggio pubblicato su Aurea Parma; "Doppio tempo" (romanzo, Bat ...continua

    Antologia in lettura, dove compare il mio racconto "La ruota del tempo"(Quarta pubblicazione dopo: "L'editoria parmense e il territorio", saggio pubblicato su Aurea Parma; "Doppio tempo" (romanzo, Battei, 2006); "Eterno ritorno" (romanzo, Montag, 2009).
    In preparazione: Avis Fidenza 1951 - 2011, 60° di Fondazione (uscita: 2011).

    ha scritto il 

  • 0

    E' un'antologia di brevi racconti di scrittori più o meno esordienti, uno spunto interessante per analizzare come la "decadenza" di una società corrisponda quasi sempre alla necessità di espressi ...continua

    E' un'antologia di brevi racconti di scrittori più o meno esordienti, uno spunto interessante per analizzare come la "decadenza" di una società corrisponda quasi sempre alla necessità di espressione letteraria.

    ha scritto il