I sommersi e i salvati

Voto medio di 2108
| 254 contributi totali di cui 194 recensioni , 60 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
"Se comprendere è impossibile, conoscere è necessario, perchè ciò che è accaduto può ritornare, le coscienze possono nuovamente essere sedotte ed oscurate: anche le nostre" (Primo Levi)Quali sono le strutture gerarchiche di un sistema
Ha scritto il 28/11/17
“La demolizione condotta a termine, l’opera compiuta, non l’ha raccontata nessuno, come nessuno è mai tornato a raccontare la sua morte. I sommersi, anche se avessero avuto carta e penna, non avrebbero testimoniato, perché la loro morte era ...Continua
  • 3 mi piace
Ha scritto il 24/04/17
Autentico capolavoro, scritto in modo sublime con ogni tassello al posto giusto. Brividi puri ed emozioni a non cessare.
  • 2 mi piace
Ha scritto il 02/04/17
Ci sono libri talmente saccheggiati dai citazionisti (me compreso) che quando li leggi poi per davvero ti sembra in realtà di averli già letti, a puntate, qua e là, nel corso degli anni. Sono libri dispersi, che contengono idee potenti capaci di ...Continua
  • 1 mi piace
Ha scritto il 29/01/17
Meraviglioso
Meraviglioso lo stile di scrittura essenziale, ma al contempo particolareggiato ed esauriente. Interessantissimo il procedere scientifico, seppur letterario, ordinato e preciso dell'esposizione dei fatti e delle conclusioni a cui giunge l'autore ...Continua
  • 3 mi piace
Ha scritto il 25/01/17
La dannazione degli offesi
Chi diventava Kapo? Occorre ancora una volta distinguere. In primo luogo, coloro a cui la possibilità veniva offerta, e cioè gli individui in cui il comandante del Lager o i suoi delegati (che spesso erano buoni psicologi) intravedevano la ...Continua
  • 8 mi piace

Ha scritto il Jan 31, 2014, 08:11
Era la prima volta che incappavo nell'avventura sempre scottante, mai gratuita, dell'essere tradotti, del vedere il proprio pensiero manomesso, rifatto, la propria parola passata al vaglio, trasformata, o mal intesa, o magari potenziata da qualche ...Continua
Pag. 165
Ha scritto il Jan 29, 2014, 08:57
...vorrei però ricordare che non si tratta di un fenomeno ristretto alla percezione del passato prossimo né delle tragedie storiche: è assai più generale, fa parte di una nostra difficoltà o incapacità di percepire le esperienze altrui, che ...Continua
Pag. 128
Ha scritto il Jan 29, 2014, 08:51
Parlano perché, a vari livelli di consapevolezza, ravvisano nella loro (anche se ormai lontana)prigionia il centro della loro vita, l'evento che nel bene e nel male ha segnato la loro esistenza intiera. Parlano perché sanno di essere testimoni di ...Continua
Pag. 121
Ha scritto il Jan 28, 2014, 22:30
La ragione, l'arte, la poesia, non aiutano a decifrare il luogo da cui esse sono bandite. Nella vita quotidiana di "laggiù", fatta di noia trapunta di orrore, era salutare dimenticarle, allo stesso modo come era salutare imparare a dimenticare la ...Continua
Pag. 115
Ha scritto il Jul 25, 2013, 19:12
Non esiste proporzionalità tra la pietà che proviamo e l'estensione del dolore da cui la pietà è suscitata: una singola Anna Frank desta più commozione delle miriadi che soffrono come lei, ma la cui immagine è rimasta in ombra. Forse è ...Continua
Pag. 42

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi