I sotterranei della Cattedrale

Di

Editore: Newton Compton Editori

3.0
(793)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 125 | Formato: Tascabile economico

Isbn-10: 8854151505 | Isbn-13: 9788854151505 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Disponibile anche come: eBook

Genere: Narrativa & Letteratura , Storia , Mistero & Gialli

Ti piace I sotterranei della Cattedrale?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Urbino, 1789. Il cadavere del professor Lamberti, docenti di filosofia all'università, viene ritrovato all'interno della cattedrale. L'ipotesi è che sia precipitato dalle impalcature erette per la ricostruzione della cupola, distrutta da un terremoto. Ma Vitale Federici, il suo allievo più brillante, intuisce subito che dietro quella morte si cela qualcosa di poco chiaro. Inizia dunque la sua personale indagine sugli ultimi giorni di via del Lamberti, finché viene a conoscenza di un fatto sconcertante: l'uomo era sulle tracce di un antico tempio dedicato alle Ninfe, nascosto nel sottosuolo della città. Vitale si appassiona immediatamente al mistero, ma la sua ricerca lo porta ben preso di fronte a un'inquietante verità: il Lamberti deve essere stato assassinato. Ma da chi? Tanti sono i sospettati, e tutti hanno interesse a tenere Vitale lontano da un segreto che non deve essere rivelato...
Ordina per
  • 2

    Difficile far rendere una storia in così poche pagine e difatti a mio parere Simoni non ci riesce. Personaggi abbozzati, eventi troppo rapidi e persino il periodo storico in cui la vicenda è ambientat ...continua

    Difficile far rendere una storia in così poche pagine e difatti a mio parere Simoni non ci riesce. Personaggi abbozzati, eventi troppo rapidi e persino il periodo storico in cui la vicenda è ambientata non è reso al meglio, tant'è che spesso mi veniva da pensare che fosse ambientato nel XIII-XIV secolo invece che nel XVIII.
    Nonostante tutto però vorrei concedere un'altra chance all'autore ma con un romanzo di lunghezza "normale" per poter meglio giudicarlo. Questo libro in particolare è stato insipido.

    ha scritto il 

  • 2

    Non so, sinceramente: amo molto i trhilelr in generale e quelli ambientati in simili contesti in particolare, eppure, nonostante l'abbia trovata una lettura gradevole, ci sono alcuni elementi che mi l ...continua

    Non so, sinceramente: amo molto i trhilelr in generale e quelli ambientati in simili contesti in particolare, eppure, nonostante l'abbia trovata una lettura gradevole, ci sono alcuni elementi che mi lasciano perplessa: il classico personaggio alla Holmes, che con un'occhiata nota tutto, per esempio e l'assoluto piattume delle descrizioni dei personaggi principali e secondari, dovuto, probabilmente, al fatto che si tratti di un romanzo breve. Eppure, mi lascia comunque la sensazione di un abbozzo, una speciel di riassunto molto lungo di un romanzo che poteva essere molto più ampio e meglio descritto.
    E poi, le atmosfere: nonostante i riferimenti storici chiaramente Settecenteschi, nella mia mente non riuscivo a non pensare che sarebbe stato meglio ambientarlo nel Trecento-Quattrocento )con tutte le modifiche del caso, s'intende).

    ha scritto il 

  • 2

    mediocrità adatta al grande pubblico.

    libricino mediocre. il contesto storico non è minimamente approfondito per non dire che il romanzo non è contestualizzato affatti.è inutile dire che i personaggi non sono caratterizzati dal punto di v ...continua

    libricino mediocre. il contesto storico non è minimamente approfondito per non dire che il romanzo non è contestualizzato affatti.è inutile dire che i personaggi non sono caratterizzati dal punto di vista psicologico. romanzo quindi di puro intrattenimento : lo salva una trama abbastanza avvincente e la mole insignificante, due componenti che attirano inesorabilmente il grande pubblico.

    ha scritto il 

  • 1

    I sotterranei dell'approssimazione

    "Perchè darsi tanta pena?"

    Libro mediocre e approssimativo, che non rende giustizia al genere storico nè tantomeno al thriller. Ho trovato la vicenda non particolarmente degna di nota e senza alcun ve ...continua

    "Perchè darsi tanta pena?"

    Libro mediocre e approssimativo, che non rende giustizia al genere storico nè tantomeno al thriller. Ho trovato la vicenda non particolarmente degna di nota e senza alcun vero climax, con passaggi affrettati e altri semplicemente senza nè capo nè coda, i personaggi non avevano alcuna personalità propria. Come se ciò non bastasse sono presenti anche dei refusi che rendono la lettura singhiozzante.

    ha scritto il 

  • 3

    Bel thriller storico

    La storia raccontata da Simoni in questo libro è accattivante e ben scritta, ricca di riferimenti storici, con la giusta aggiunta di fantasia.
    Devo anche ammettere che a metà della storia, mi ero fatt ...continua

    La storia raccontata da Simoni in questo libro è accattivante e ben scritta, ricca di riferimenti storici, con la giusta aggiunta di fantasia.
    Devo anche ammettere che a metà della storia, mi ero fatto un'idea diversa, pensavo fosse qualcun altro l'assassino.
    Se siete alla ricerca di un thriller breve e rapido da leggere, ve lo consiglio. L'ho letto in pochissime ore.

    ha scritto il