Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

I vent'anni di Luz

Di

Editore: Mondolibri

4.4
(521)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 355 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Francese , Tedesco , Spagnolo

Isbn-10: A000085983 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Roberta Bovaia

Disponibile anche come: Paperback , Altri

Genere: Fiction & Literature , History , Political

Ti piace I vent'anni di Luz?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 3

    Potente e struggente storia di una ragazza argentina che cerca i propri genitori desaparecidos. Narrazione e scrittura non sono però al livello della storia. L'uso della polifonia del racconto è ...continua

    Potente e struggente storia di una ragazza argentina che cerca i propri genitori desaparecidos. Narrazione e scrittura non sono però al livello della storia. L'uso della polifonia del racconto è mutuata da Vargas Llosa ma non offre gli stessi risultati, lo stile della scrittura non essendo di pari livello. La narrazione è troppo frammentata e piena di racconti interiori che spesso sono poco coinvolgenti, al contrario della storia.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    4

    Finalmente Nora poté staccarsi dalla foto, guardò Delia e , con la voce più ferma : Questa notizia, così inaspettata, mi riempie di gioia. Non mi servono prove. Credo che Luz sia mia nipote. Non ...continua

    Finalmente Nora poté staccarsi dalla foto, guardò Delia e , con la voce più ferma : Questa notizia, così inaspettata, mi riempie di gioia. Non mi servono prove. Credo che Luz sia mia nipote. Non ne ho il minimo dubbio. Ma se crede che per lei possa essere importante, non ho nessun problema a fare le analisi. 'Ti posso abbracciare?' le chiese Delia. 'Sono molto emozionata. E' la prima volta che ritroviamo una Nonna.'

    ha scritto il 

  • 4

    Argentina anni ’70, un golpe affogato nel sangue. Tanto sangue. Sangue che non ha bagnato il suolo argentino, ma che è stato disperso nell’oceano: desaparecidos… Vite stroncate, prima ...continua

    Argentina anni ’70, un golpe affogato nel sangue. Tanto sangue. Sangue che non ha bagnato il suolo argentino, ma che è stato disperso nell’oceano: desaparecidos… Vite stroncate, prima fisicamente, poi psicologicamente, poi nell’intimo profondo dell’essere umano. Affogare tutto nell’odio. Qualsiasi cosa, sentimenti, ragione, vite, amori. Eppure l’Argentina ne è uscita. Tempo fa ho visto un servizio sulle manifestazioni pacifiche che si tengono in Venezuela e Colombia, dove gli studenti devono indossare giubbotti antiproiettile, perché queste manifestazioni vengono “fermate” sparando. Fa impressione, però, il comportamento dei popoli sudamericani che, passandone di tutti i colori (purtroppo subiscono frequenti dittature militari) non perdono la forza e il coraggio di ribellarsi, di protestare, di, come disse Jefferson: “Dissentire è la prima forma di patriottismo”.

    ha scritto il 

  • 5

    Un'odissea piena di dolore...

    Uno degli scopi dei libri è quello di "muovere" il lettore, di farlo commuovere. Devo ammettere che, leggendo le ultime pagine, non sono riuscita a trattenere le lacrime.

    Questo libro racconta ...continua

    Uno degli scopi dei libri è quello di "muovere" il lettore, di farlo commuovere. Devo ammettere che, leggendo le ultime pagine, non sono riuscita a trattenere le lacrime.

    Questo libro racconta un'odissea. L'odissea di una ragazza che è intenzionata a ritrovare le sue radici, una ragazza che sente di avere qualcosa che non va, qualcosa di sporco, ("Qualcosa nei geni" direbbe sua madre), e di cui non comprende l'origine. La storia di Luz è una storia che potrebbe benissimo essere vera, perchè i fatti narrati magistralmente dall'autrice non sono inventati. E devono essere raccontati, a gran voce anche, per fare in modo che non scompaiano anch'essi, come i loro protagonisti...

    ha scritto il 

  • 4

    Forchetta sulla lavagna

    IIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII. Non ti piace. Non può piacerti. E' scritto in maniera originale forse ma poco ortodossa e a volte ti fa perdere il filo della vicenda e confondere i personaggi. Fa male ...continua

    IIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII. Non ti piace. Non può piacerti. E' scritto in maniera originale forse ma poco ortodossa e a volte ti fa perdere il filo della vicenda e confondere i personaggi. Fa male alle orecchie e al cuore. Ti fa pensare che non è possibile che sia successa questa vicenda. Ne questa ne quella dei tanti appena sfiorati dalle parole di questo libro e finiti nel tritacarne e nel silenzio della storia. IIIIIIIIIII ancora quella forchetta calcata sulla superficie della lavagna. Ancora il dolore alle orecchie e al cuore.

    ha scritto il 

  • 4

    Bellissimo,intenso,avvincente.la storia di Luz e di tutta l'Argentina ti prende dalla prima pagina e alla fine hai tremato,hai pianto e sei fortunata ...si perché' a te non è successo. Un buco nero ...continua

    Bellissimo,intenso,avvincente.la storia di Luz e di tutta l'Argentina ti prende dalla prima pagina e alla fine hai tremato,hai pianto e sei fortunata ...si perché' a te non è successo. Un buco nero della storia dell'uomo e l'interrogativo è sempre lo stesso: ma cosa porta l'uomo a diventare un mostro?

    ha scritto il 

  • 0

    Ci sono libri che vorresti aver letto prima. Ci sono libri che vorresti aver scritto tu. Ci sono libri che vorresti vedere adottati nelle scuole, altro che Promessi sposi. E questo è uno di quei ...continua

    Ci sono libri che vorresti aver letto prima. Ci sono libri che vorresti aver scritto tu. Ci sono libri che vorresti vedere adottati nelle scuole, altro che Promessi sposi. E questo è uno di quei libri. Mi resterà appiccicato addosso per un bel pezzo, così come la nostalgia per Buenos Aires

    ha scritto il