Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

I veri nomi

Di

Editore: Mondadori (Con CD Audio)

3.2
(1054)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 381 | Formato: Altri

Isbn-10: 880451017X | Isbn-13: 9788804510178 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Copertina rigida , Paperback

Genere: Fiction & Literature

Ti piace I veri nomi?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Alberto Scarzi e Raimondo Vaiastri hanno venduto all'editore DamianoDiamantini un meraviglioso libro intervista con una grande rockstar americana.Il libro esplode, diventa un successo straordinario e l'editore vuole altreinterviste a divi sempre più importanti. E allora il gioco continua: Alberto eRaimondo continuano a sfornare interviste rigorosamente... false. Fatte aregola d'arte, con tanto di ricerche d'archivio, ma assolutamente inventate,mai frutto di un reale incontro con i divi "intervistati". Allegato al libroc'è un CD Audio con brani musicali composti dallo stesso De Carlo, interpretatidal suo gruppo e registrati "live" nel maggio del 2002.
Ordina per
  • 0

    È la storia di due amici, Alberto e Raimondo, che per sfuggire alla noia e alla mancanza di prospettive delle loro esistenze da giovani milanesi senza una vera occupazione, si inventano una serie di interviste con alcuni famosissimi personaggi della scena rock, e riescono a venderle a uno sprovve ...continua

    È la storia di due amici, Alberto e Raimondo, che per sfuggire alla noia e alla mancanza di prospettive delle loro esistenze da giovani milanesi senza una vera occupazione, si inventano una serie di interviste con alcuni famosissimi personaggi della scena rock, e riescono a venderle a uno sprovveduto quanto presuntuoso editore. Da qui nascono anche le occasioni per diversi viaggi. Anche se c'è una storia in realtà non si tratta di un racconto lineare ma spesso è intervallato anche dalla corrispondenza tra i due. Sinceramente non posso dire se mi è piaciuto oppure no.

    ha scritto il 

  • 3

    Quel cavolo di nostra Italietta tutta rigida e chiusa
    dove non trovi un varco neanche a piangere
    a meno di non voler fare il ladro o l'imbroglione professionista
    o entrare in politica che è poi la stessa cosa
    per il resto potresti anche spararti prima di avere uno straccio ...continua

    Quel cavolo di nostra Italietta tutta rigida e chiusa
    dove non trovi un varco neanche a piangere
    a meno di non voler fare il ladro o l'imbroglione professionista
    o entrare in politica che è poi la stessa cosa
    per il resto potresti anche spararti prima di avere uno straccio di occasione

    Andrea DeCarlo, "I veri nomi"

    ha scritto il 

  • 4

    Cosa dire; è attualmente l'unico romanziere italiano degno di tale nome. La sua capacità di scrivere storie, belle storie, si è affinata nel tempo. Ha forse perso un po’ del giovanile entusiasmo e aria di novità e freschezza ma ha sicuramente guadagnato in stile e tecnica. Unica pecca forse è l'i ...continua

    Cosa dire; è attualmente l'unico romanziere italiano degno di tale nome. La sua capacità di scrivere storie, belle storie, si è affinata nel tempo. Ha forse perso un po’ del giovanile entusiasmo e aria di novità e freschezza ma ha sicuramente guadagnato in stile e tecnica. Unica pecca forse è l'insistenza nel tornare a storie di amici giovani negli anni 70. In questo libro i due amici sono fotgrafati/filmati in due momenti /fasi cruciali delle loro vite di alienati alla vita, di incapaci di scegliere buoni solo a farsi portare dagli eventi che però sono loro a costruire. La fine li vede cresciuti ma non maturati.Comunque un buon libro; promosso.

    ha scritto il 

  • 3

    Tre cose sui libri di Andrea De Carlo che avrei voluto dirgli di persona quella volta che ci ho scambiato due parole a una presentazione – e lui era così gentile bello disponibile e autentico come solo i grandi sanno essere – tre cose che mi piacciono dei suoi libri, al di là dei titoli più o me ...continua

    Tre cose sui libri di Andrea De Carlo che avrei voluto dirgli di persona quella volta che ci ho scambiato due parole a una presentazione – e lui era così gentile bello disponibile e autentico come solo i grandi sanno essere – tre cose che mi piacciono dei suoi libri, al di là dei titoli più o meno riusciti:

    1. I protagonisti hanno sempre uno spirito rock che li distingue dalla massa. Difficile definire cosa sia, ma se ce l'hai lo sai e riconosci quelli come te;

    2. le cose che racconta sembrano sempre vissute in prima persona: o quest'uomo ne ha fatte di ogni, o ha un grande talento nel rendere realistica ogni circostanza;

    3. impossibile non identificarsi con almeno un personaggio, una situazione, un meccanismo psicologico. Ci svela ciò che già sappiamo e tuttavia ci stupisce.

    Aggiungo poi un respiro esistenziale anche nel più – apparentemente - leggero dei suoi romanzi, come può essere questo. Per tutte le ragioni sopra gli perdono il fatto di tratteggiare personaggi fotocopia e di non saper dare un vero finale, come gli rimproverano anche i suoi detrattori, che non si capacitano del suo successo.
    Ma fatevene una ragione: lui è rock e voi siete lenti.

    ha scritto il 

  • 0

    Oblomov 3a edizione 5-7 maggio 2011

    L'autore sarà presente alla terza edizione di Oblomov, il festival dei narratori, il 7 maggio 2011. Per maggiori informazioni visitate il sito www.bibliotecagardonevaltrompia.it.

    ha scritto il 

  • 4

    La vita è molto strana,ma,come diceva qualcuno,"strana rispetto a cosa?". Cit.

    Ci mette un poco,a decollare,questo lavoro di De Carlo,ma,quando lo fa,diventa esilarante.
    Chi ama l'autore,ritrova la scrittura così distintiva,l'uso del passato prossimo(che,se da un lato non risulta corretto,dall'altro dona immediatezza visiva a tutto il romanzo),le famose "e" sostituti ...continua

    Ci mette un poco,a decollare,questo lavoro di De Carlo,ma,quando lo fa,diventa esilarante.
    Chi ama l'autore,ritrova la scrittura così distintiva,l'uso del passato prossimo(che,se da un lato non risulta corretto,dall'altro dona immediatezza visiva a tutto il romanzo),le famose "e" sostitutive delle virgole,l'abbondanza di aggettivi.
    Alberto Scarzi e Raimondo Vaiastri,amici dall'età di 23 anni,intraprendono un'attività farlocca,ma sfacciatamente geniale:il primo inizia a scrivere finte ed accuratissime interviste a famosissime rockstar;il secondo le "spaccia" fingendosi un giornalista,mezza rockstar a sua volta.
    Come prevedibile,il meccanismo porta fama,ricchezza,ma non può reggere all'infinito.
    Il romanzo di De Carlo prende strade principali,deviazioni secondarie,attraversa tre continenti,trent'anni e fa allegria. I due protagonisti sono,alternativamente,adorabili imbroglioni e vittime delle circostanze,si fanno amare per come sono e,nonostante le loro vite siano basate sulla menzogna,risultano di una verità e onestà sconcertanti.Dopo tutto,un grande elogio dell'amicizia vera,quella che si costruisce in giovane età e che non finirà mai.

    ha scritto il