Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Ice limit

Di ,

Editore: Sonzogno

3.7
(270)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 448 | Formato: Altri | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo , Francese , Tedesco , Olandese

Isbn-10: 8845422348 | Isbn-13: 9788845422348 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: A. C. Cappi

Disponibile anche come: Copertina rigida

Genere: Fiction & Literature , Mystery & Thrillers , Science Fiction & Fantasy

Ti piace Ice limit?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
A Isla Desolacion, terra inospitale al largo di Capo Horn, viene localizzatoun gigantesco meteorite. Un eccentrico miliardario americano vuole a tutti icosti quel reperto e finanzia una spedizione navale di "recupero". Lamissione diventa presto una sfida pericolosa, ai gelidi confini dell'Antartide,sotto il tiro della Marina cilena decisa a impedire con ogni mezzo che ilmeteorite venga sottratto al governo sudamericano. E bisogna risolverel'enigma sull'origine e la natura dell'ingombrante carico, un enigmache va risolto al più presto se si vuole salvare la vita.
Ordina per
  • 4

    Finale un po' eccessivo, ma nel complesso un romanzo godibile

    Datemi un libro con un grosso mezzo di trasporto che va sull'acqua, nell'aria o nello spazio e io mi divertirò di sicuro. Questo libro di Douglas Preston e Lincoln Child non fa altro che confermare tale fatto, tanto più che alla nave si aggiungono le difficoltà di portarla in un ambiente estremo ...continua

    Datemi un libro con un grosso mezzo di trasporto che va sull'acqua, nell'aria o nello spazio e io mi divertirò di sicuro. Questo libro di Douglas Preston e Lincoln Child non fa altro che confermare tale fatto, tanto più che alla nave si aggiungono le difficoltà di portarla in un ambiente estremo come l'Oceano Antartico. Di fronte a tutti questi elementi messi insieme, non potevo che leggere decidere di leggere un romanzo del genere e devo dire che le buone premesse della trama sono state mantenute.
    I due autori sono davvero riusciti a portarmi in mezzo ai ghiacci, a trasmettermi l'angoscia di una nave che rischia di affondare nel gelido nulla tra la Patagonia e l'Antartide.
    La premessa del meteorite gigante è intrigante, ma è ancora meglio lo sviluppo stesso della storia. La costante sensazione di pericolo emerge dalle pagine, veicolata da personaggi perfettamente in linea con ciò che ci si aspetta da un libro di avventura. Alcuni sono un po' sopra le righe, ma la situazione narrata lo consente, anzi direi che lo esige.
    La parte scientifica è altrettanto interessante, alla fine della lettura sapevo di certo qualcosa di più sulla geologia planetaria (una disciplina di cui non conoscevo neppure il nome) e su come si dovrebbe comandare una petroliera tra gli iceberg, se si è inseguiti da una nave da guerra. Ovviamente si tratta di finzione e molte delle cose spiegate non sono reali, ma tutto ciò ha poca importanza. Quello che conta veramente è che ha stimolato la mia fantasia e sicuramente sarà da spunto per qualche nuova idea futura.
    Insomma una lettura divertente che consiglio a chiunque.
    L'unica cosa che non mi è piaciuta è il finale, che ritengo un po' eccessivo e dalle premesse catastrofiche. E io odio le storie catastrofiche. Gli autori hanno deciso di giocare sporco, gettando il sasso e nascondendo la mano. Hanno terminato la storia con una scoperta terribile, sulla quale hanno chiuso il libro. Un po' troppo comodo, no? Per questo mi sono fermata a 4 stelline.
    Comunque sia ho deciso di ignorare questo difetto, in modo da non guastare il bel ricordo che ho del libro.

    ha scritto il 

  • 2

    Il più brutto romanzo del duo Preston - Child. Una trama che attrae ma una storia che non tarda a deludere. Ci vogliono circa cento pagine per risvegliare un pizzico d'interesse per un'avventura pensata per il thriller, passata poi per una semplice e poco interessante avventura.
    Un meteorit ...continua

    Il più brutto romanzo del duo Preston - Child. Una trama che attrae ma una storia che non tarda a deludere. Ci vogliono circa cento pagine per risvegliare un pizzico d'interesse per un'avventura pensata per il thriller, passata poi per una semplice e poco interessante avventura.
    Un meteorite, un miliardario americano al quale tutto è concesso, uno scienziatto considerato fuori di testa, un capitano di marina caduto in disgrazia e un personaggio a capo di una società ingegneristica capace di tutto.
    Un romanzo troppo lungo, incapace di trattenere l'attenzione di chi lo legge. Pochi colpi di scena se noin quelli di routine. Ma niente fino all'ultima riga.
    Ma per un libro che delude ce ne sono tanti altri che meritano tantissimo. Ho appena iniziato un altro loro libro "La mano tagliata"

    ha scritto il 

  • 3

    NOTE TO OTHERS

    **NOTE TO FELLOW READERS**
    As you can tell this book does not have the basic "chapter" whatever stated. Instead, it's got different places and dates, so you can keep up with the book. For me, that bothered me just because I like to know how many chapters there are, and how many days I can ...continua

    **NOTE TO FELLOW READERS**
    As you can tell this book does not have the basic "chapter" whatever stated. Instead, it's got different places and dates, so you can keep up with the book. For me, that bothered me just because I like to know how many chapters there are, and how many days I can actually finish the book. The book does have 87 chapters. And yes, some are shorter then others, but still. 87, chapters. Other then that, the book was alright. Could have been a bit better.

    ha scritto il 

  • 3

    Missione impossibile, ingegneria estrema ineguimento e lotta con nemici e tempeste. Avvincente, anche se in qualche occasione non così coinvolgente e un pò scontato

    ha scritto il 

  • 5

    Ottima lettura!

    Partiamo da un presupposto: per gli amanti del genere, la coppia Preston/Child è una garanzia. Ho letti molti dei loro libri, e sono uno più bello dell'altro! Questo non fa eccezione.
    Lungo "il giusto" (no tomi da 1000 pagine né libercoli da 150...), con un ritmo a dir poco incalzante, stor ...continua

    Partiamo da un presupposto: per gli amanti del genere, la coppia Preston/Child è una garanzia. Ho letti molti dei loro libri, e sono uno più bello dell'altro! Questo non fa eccezione.
    Lungo "il giusto" (no tomi da 1000 pagine né libercoli da 150...), con un ritmo a dir poco incalzante, storia plausibilissima.
    E' piaciuto così tanto che i lettori americani hanno chiesto un epilogo, qualcosa che spiegasse (o continuasse) il finale, e così è stato! Sul sito dei due autori è infatti presente un "webilog" (un epilogo web, occhio che è in inglese) composto da articoli tratti da diversi giornali nei quali si spiegano alcuni eventi successivi. Si trova qui: http://www.prestonchild.com/books/icelimit/W-E-B-I-L-O-G-U-E;art47,67

    Di solito sonorestio a dare le 5 stellette, ma con questi due si può fare uno strappo alla regola!

    ha scritto il 

  • 4

    Il webilogo c'è!

    Eli Glinn, presidente della Effective Engineering Solutions, Inc. (Glinn appare anche in altri romanzi di Douglas Preston & Lincoln Child) organizza su ordine del miliardario americano Palmer un eccezionale operazione di recupero: un meteorite del peso di migliaia di tonnellate precipitato su di ...continua

    Eli Glinn, presidente della Effective Engineering Solutions, Inc. (Glinn appare anche in altri romanzi di Douglas Preston & Lincoln Child) organizza su ordine del miliardario americano Palmer un eccezionale operazione di recupero: un meteorite del peso di migliaia di tonnellate precipitato su di un'isola vicino a Capo Horn. Il team include: Rachel Amira, matematica; Manuel Garza, ingegnere strutturista; Sam McFarlane, cacciatore di meteoriti; Sally Britton, bella capitano di superpetroliere (per inciso se non fossi già promesso a Viola Maskelene potrei innamorarmi...). L'operazione rappresenta una sfida ingegneristica non da poco: si tratta infatti di estrarre il più pesante oggetto mai esistito, di portarlo su di una nave e di condurlo dall'altra parte del mondo. Il tutto durante l'inverno australe. Beh a me è piaciuto, in particolare l'ambientazione in un luogo a me caro: l'arcipelago della Terra del Fuoco e ai confini con la Barriera di Ghiaccio. La narrazione è quella classica (qualche refuso sulla consistenza dimensionale del meteorite), serrata ed accattivante. Un vero e proprio techno-thriller in cui l'ingegneria la fa da padrona,avendo cura di non farsi ossessionare.

    Un paio di curiosità:
    in la Danza della morte abbiamo un riferimento ad un possibile sequel: Ice Limit III: Ritorno a Cape Horn.

    Gli autori, su richiesta di diversi lettori, hanno pubblicato sul loro sito (pagina http://www.prestonchild.com/books/icelimit/W-E-B-I-L-O-G-U-E;art47,67) un webilogo del libro sotto forma di articoli di giornale in cui oltre a risolvere un problema in sospeso, si menziona il fantomatico ritorno a Capo Horn

    ha scritto il 

  • 4

    Creo que esta es la 4ª novela que leo de estos dos escritores, me engancharon con los asesinatos de Manhattan y desde entonces han pasado por mis manos otros 3 y pienso seguir leyendo más de sus obras.


    En general es un libro para pasar el rato, si conoces a los escritores no esperes una gr ...continua

    Creo que esta es la 4ª novela que leo de estos dos escritores, me engancharon con los asesinatos de Manhattan y desde entonces han pasado por mis manos otros 3 y pienso seguir leyendo más de sus obras.

    En general es un libro para pasar el rato, si conoces a los escritores no esperes una gran obra literaria, es simplemente una novela de aventuras, meteoritos, barcos, millonarios... todo junto y revuelto.

    Lo mejor: la historia es entretenida, no se hace nada pesada y, al menos a mi, me dejó con ganas de saber algo más.

    Lo peor: tampoco esperes un novelón, es solo para pasar el rato, escrita directa y sin florituras, como una película.

    ¿La recomiendo? Sí

    ha scritto il 

  • 4

    Lasciatevi coinvolgere nella caccia al meteorite!

    Thriller tecnologico/scientifico dal buon ritmo e piuttosto intrigante, con un finale ad alta tensione di tutto rispetto. Buona l'idea di base, la caccia a un meteorite, e la caratterizzazione di alcuni personaggi, in particolare il capo dell'EES Eli Glinn. Non adatto a chi cerca l'attendibilità ...continua

    Thriller tecnologico/scientifico dal buon ritmo e piuttosto intrigante, con un finale ad alta tensione di tutto rispetto. Buona l'idea di base, la caccia a un meteorite, e la caratterizzazione di alcuni personaggi, in particolare il capo dell'EES Eli Glinn. Non adatto a chi cerca l'attendibilità scientifica o l'assoluta credibilità negli eventi. Due autori che non annoiano mai se ci si lascia coinvolgere e trasportare nelle loro avventure.

    ha scritto il