Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Idi di Marzo

By Valerio Massimo Manfredi

(896)

| Mass Market Paperback | 9788804592716

Like Idi di Marzo ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

276 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    dimenticabilissimo

    C'è la solita accurata ricostruzione storica...per il resto se ne può fare a meno. Ma questo secondo me vale per il 90% dei libri di Manfredi...che continuo a leggere solo perchè continuano a prestarmeli!

    Is this helpful?

    Anubis said on Sep 8, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Nonostante si sappia cosa è successo nelle Idi di Marzo del 44 a.C., l'autore ha la capacità di creare un intreccio interessante, unito ad una scrittura convincente e piacevole da leggere.

    Is this helpful?

    Marco Zen said on Aug 9, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Ho letto diversi libri di Manfredi e ho acquistato questo romanzo senza preoccuparmi molto della trama perché pensavo che fosse un’avventura entusiasmante e ricca di mistero, come la maggior parte delle altre. In realtà dopo qualche capitolo mi sono ...(continue)

    Ho letto diversi libri di Manfredi e ho acquistato questo romanzo senza preoccuparmi molto della trama perché pensavo che fosse un’avventura entusiasmante e ricca di mistero, come la maggior parte delle altre. In realtà dopo qualche capitolo mi sono resa conto che era un libro diverso, senza molta suspance ma carico di intrighi politici, con informazioni svelate solo in parte, come pezzi di un puzzle appartenenti ad un disegno più grande, che avrebbe cambiato il mondo per sempre.
    La storia la conoscono tutti: il grande generale, console e dittatore Giulio Cesare che, dopo essere tornato a Roma in seguito ad una vittoriosa campagna militare, viene assassinato durante una seduta del senato nel giorno delle idi di marzo, cioè il 15 del mese. Manfredi, nel suo libro, racconta i giorni precedenti il fatidico appuntamento con il destino. Durante il romanzo assistiamo agli sforzi degli amici di Cesare per impedire la congiura e scoprire chi sono gli artefici e gli organizzatori dell’atto. Nello stesso tempo seguiamo i progressi e le drastiche decisioni che sono costretti a prendere i congiurati per distogliere ogni sospetto da loro e compiere la loro missione. Un particolare che mi ha colpito profondamente è il fatto che i nemici di Cesare non agiscono per scopi personali o per odio verso il dittatore, ma desiderano porre fine alla vita del console per salvare la Repubblica, così da rendere di nuovo liberi i romani. Avevano un ideale, uno scopo più grande di loro, volevano liberare il popolo dal giogo della tirannia e dal potere di un solo uomo, inconcepibile per l’idea di libertà e di governo romano.
    Il Giulio Cesare illustrato dall’autore è molto complesso. È principalmente un uomo, con le sue debolezze, i suoi punti di forza, la paura di non sapere di chi fidarsi, le incertezze tipiche della politica e il timore di compiere l’azione sbagliata condannando a morte tanti valorosi soldati. Mi è piaciuto molto come protagonista perché non raffigurava solo il grande comandante che portò Roma alla vittoria in Gallia, Spagna e Britannia, ma aveva delle incertezze, dei dubbi che lo portavano a ragionare, a mettersi in discussione e a migliorarsi sempre di più.
    L’unica pecca del romanzo, che è un aspetto negativo solo dal mio punto di vista, è che il libro era poco scorrevole, ho fatto veramente molta fatica per arrivare alla fine. Però, essendo un thriller politico, penso che sia normale dilungarsi in digressioni politiche e lunghe descrizioni delle azioni dei congiurati ma, non essendoci abituata, ho trovato molte parti noiose. Spesso perdevo il filo del discorso e non riuscivo a capire di quale personaggio era il pov in quel preciso momento, dato che in ogni capitolo cambiava spesso sia il luogo che il protagonista dell’azione.

    Is this helpful?

    Faith F said on Jun 19, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Poi Silvio Salvidieno osservò in mezzo all'eccitazione generale

    lo sguardo di Cesare. I suoi occhi grigi, illuminati da una luce stanca, quasi intermittente, esprimevano solo fatica di vivere, uno sforzo ormai insopportabile. Occhi di un uomo che poteva muovere i suoi passi solo verso l'impossibile o verso la mor ...(continue)

    lo sguardo di Cesare. I suoi occhi grigi, illuminati da una luce stanca, quasi intermittente, esprimevano solo fatica di vivere, uno sforzo ormai insopportabile. Occhi di un uomo che poteva muovere i suoi passi solo verso l'impossibile o verso la morte.

    Is this helpful?

    Claudette said on May 3, 2014 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book