Roma, inizi di marzo del 44 a.C. Caio Giulio Cesare, il pontefice massimo, il dittatore perpetuo, l'invincibile capo militare che ha assoggettato il mondo alla legge romana, è un uomo di cinquantasei anni, solo in apparenza nel pieno della sua presta ...Continua
Davide009
Ha scritto il 27/08/17
Ho letto le Idi di Marzo di Valerio Manfredi. Ero titubante all'inizio; perchè leggere un libro del quale si conosce già il finale ? Invece mi è piaciuto molto, la storia comincia sette giorni prima del fatidico giorno, Manfredi prova a immaginarsi i...Continua
puccio
Ha scritto il 09/07/17
deluso
È il primo libro che leggo di valerio massimo manfredi e sono fortemente deluso. Non che i romanzi storici rappresentino il mio genere ideale, ma avevo sentito parlar così bene delle sue trame avventurose da non aspettarmi una specie di resoconto sto...Continua
Matteo
Ha scritto il 11/05/17
Bello
Un bel romanzo sulle note Idi di marzo e la scomparsa di uno dei più grandi personaggi della storia, Giulio Cesare. Una storia interessante, con i fedeli di Cesare che si battono e corrono al fine di evitare la congiura e la morte del pontefice massi...Continua
Alessandro Ferretti
Ha scritto il 20/03/17
Ottimo: la seconda lettura di Massimo Manfredi si rivela di ben altro spessore rispetto al recente Teutoburgo. Ritmo narrativo intenso; una storia che si dipana con colpi di scena con una abile alchimia tra personaggi reali , ispirati ed inventati. N...Continua
E'lir Kvothe
Ha scritto il 05/03/17
UROBORO
Ci sono rimasto molto male con questo libro mi ha veramente deluso. Questo è il mio secondo romanzo di Manfredi e dopo lo stupendo "Lo scudo di Talos" le aspettative erano alte. Più grande è l’aspettativa, più grande è la delusione si dice. Secondo...Continua

Nixar
Ha scritto il Jan 03, 2012, 15:16
<<Recuperare la verità storica dei fatti è impossibile. Non solo perché la memoria di ogni uomo ha diversa estensione, ma perché ciò che attrae l'attenzione di uno sfugge a quella dell'altro. Anche ammettendo la buona fede di ognuno, ciascuno r...Continua
Pag. 29
Nixar
Ha scritto il Jan 03, 2012, 15:10
<<La legge è una sola: "Guai ai vinti!">>
Pag. 23
Nixar
Ha scritto il Jan 03, 2012, 15:10
<<Le tradizioni... dovrebbero indicare valori da conservare e invece, per il solo fatto di essere antiche, rimandano a età arcaiche e primitive, a comunità selvatica e rozze, a costumi feroci>>
Pag. 23
Nixar
Ha scritto il Jan 03, 2012, 15:09
<<Non mi piace l'idea di andare in giro per la mia città con una guardia del corpo. Lo fanno i tiranni.>>
Pag. 19
Nixar
Ha scritto il Jan 03, 2012, 15:08
<<Sai perché ogni giorno bruciamo vittime sugli altari? Perché gli dei vedano il fumo che bruciamo dalle nostre città ed evitano di calpestarle, quando camminano invisibili sulla terra. E così, altrimenti ci schiaccerebbero come noi schiacciamo...Continua
Pag. 18

Lillyt
Ha scritto il Dec 15, 2017, 21:27
un salto nel mondo antico
un salto nel mondo antico

Intra Deruta...
Ha scritto il Jan 20, 2017, 14:49
853.917 MAN (INTRA)
Biblioteche...
Ha scritto il Apr 21, 2016, 08:17
853.92 MAN 15189 Letteratura Italiana

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi