Il Conciliatore

Di

Editore: Fanucci

4.3
(235)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 683 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Tedesco , Polacco , Ceco

Isbn-10: 8834719301 | Isbn-13: 9788834719305 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Gabriele Giorgi

Genere: Narrativa & Letteratura , Politica , Fantascienza & Fantasy

Ti piace Il Conciliatore?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Da ormai trecento anni il regno di Hallandren è governato dagli dèi Ritornati, uomini morti in modo esemplare e tornati a nuova vita dall’aldilà, e dal loro sovrano assoluto, il Re Dio. La vecchia dinastia reale, fuggita durante la Pluriguerra, si è ritirata nell’enclave di Idris, un territorio impervio e montagnoso che però consente loro di controllare i valichi settentrionali. Per ricomporre le differenze e riunificare i due stati, una principessa idrisiana dovrà andare in sposa al Re Dio e generare con lui un erede; ma nella Corte degli Dèi, luogo di intrighi, complotti e sotterfugi, qualcunosta tramando nell’ombra. Nella cornice della variopinta città di T’Telir, dove colori e Soffio vitale possono donare vita agli oggetti inanimati, un gruppo composito di personaggi, giovani principesse, mercenari esuberanti, divinità svogliate, altezzosi sacerdoti, soldati Senzavita, loschi figuri e spade parlanti, cercheranno di fomentare una guerra... o di sventarla prima che sia troppo tardi.
Ordina per
  • 5

    Colori e soffio, una storia mozzafiato :)

    Questo libro mi ha davvero stregato. L'autore è stato capace una volta ancora di ricostruire un mondo complesso, con le sue regole e i suoi miti, con la sua magia e di popolarlo di personaggi davvero ...continua

    Questo libro mi ha davvero stregato. L'autore è stato capace una volta ancora di ricostruire un mondo complesso, con le sue regole e i suoi miti, con la sua magia e di popolarlo di personaggi davvero belli, su cui secondo me spicca in maniera incontrastata la figura di Lievecanto L'audace, Ritornato che prende la sua nuova vita di divinità in maniera molto stravagante :)

    Stupendi sono anche l'umorismo da mercenari (ci sono alcuni passaggi che ho letto a voce alta per apprezzarli) e Sanguenotte, terribile spada dotata di una personalità per lo meno eccentrica (se non ai limiti della follia).

    La magia questa volta si basa sul soffio, l'energia che ogni vivente ha e che può donare agli altri. La vita senza soffio continua, solo un po' meno vivida e con i colori meno accessi... più soffi una persona ha, più recepisce i colori e l'ambiente circostante.

    I colori fanno anche da catalizzare per le magie, infatti infondendo uno o più soffi della propria riserva in un oggetto si più animare, a patto di donare un po' di colore, oppure si possono fare delle cose stravaganti :)

    Nel mezzo ci sono i ritornati, persone che sono tornate dalla morte con uno scopo (che però hanno dimenticato ritornando al mondo) che hanno un soffio speciale, in grado di sanare ogni tipo di malattia su un essere umano, e che senza un soffio normale alla settimana muoiono.

    Nella città di Hallandren vengono adorati come divinità e ci sono file di supplicanti che chiedono ai Ritornati il loro soffio per poter guarire, nel frattempo queste pseudo divinità se la passano alla grande (anche se Lievecanto spesso si annoia...)

    I punti di vista di questi libri sono:

    - quello delle due sorelle, figlie del legittimo Re di Hallandren, che vive in esilio in una piccola cittadina molto grigia, Siri, la più giovane, cresciuta in piena fase di ribellione, senza uno scopo nella vita, e Vivenna, la maggiore, cresciuta per diventare la sposa del Dio Re, un ritornato che non ha mai respirato una sola volta nella sua vita.

    Il re per punire Siri, e per non perdere Vivenna a cui è affezionato manda Siri a sposare il Dio Re e tiene Vivenna con se, scatenando però in quest'ultima la volontà di salvare la sorellina, scappando di casa insieme al suo fidato amico e cercando in città di intessere una rete di intrighi per salvare la sorelle ed evitare una guerra sanguinosa per il suo regno, incappando in diversi personaggi tra cui mercenari con il senso dell'umorismo, viandanti mal vestiti con un passato oscuro e spade parlanti.

    Siri dal canto suo si ritrova catapultata in un mondo molto strano, costretta a sposare il Dio Re, con il suo alone di potere e mistero, e di far scandire la sua vita dai suoi sacerdoti e scrivani, e come suo solito ribalta le regole e le tradizione dando vita a un bel po' di casino.

    - Lievecanto l'audace, dio del coraggio, che cerca in ogni modo di ricordarsi del suo passato e di non annoiarsi troppo, insieme al suo sacerdote Llarimar, detto Svicolo. Lievecanto non crede nella sua natura divina e cerca di convincere di ciò tutti, dal suo clero, ai suoi fedeli, alle altre divinità.
    Senza mai prendersi sul serio, gigioneggiando all'interno della Corte degli Dei tra spettacoli in suo onore, Offerte e l'ascolto delle Suppliche dei fedeli, continua a scervellarsi sul perché dopo essere morto è divenuto un Ritornato, rimandato indietro dai Toni Iridescenti per compiere una missione che gli è oscura, di cui riesce a percepirne solamente l'ombra attraverso i suoi sogni.

    - Il quarto e ultimo punto di vista, meno corposo degli altri è quello di Vasher, tipo molto cupo e molto strano, che nasconde un passato non proprio normale e si porta dietro una spada nera con un pessimo carattere (la spada, ma anche lui non è proprio da meno)

    Questi personaggi e molti altri danno vita a una girandola di eventi e di colpi di scena, di voltagabbana e grandi rivelazioni che Sanderson, con un ritmo in continuo crescendo gioca uno dopo l'altro fino alla fine, fino all'ultimo geniale rimescolamento di carte che porta il libro alla sua conclusione, lasciando però aperta la porta a un seguito (capiamoci la storia ha una fine di per se, ma alcuni personaggi si muovono verso nuove stravaganti avventure).

    È uno dei libri fantasy più freschi e divertenti che ho letto negli ultimi tempi e spero che l'autore vorrà continuare a parlare di questa storia :)

    ha scritto il 

  • 3

    Buona lettura fantasy ma...

    Sanderson è sicuramente bravo a dare vita a mondi fantastici e gli piace osare. Non si accontenta di creare un semplice mondo vagamente medievalistico con qualche spruzzata di magia casuale, ma anzi c ...continua

    Sanderson è sicuramente bravo a dare vita a mondi fantastici e gli piace osare. Non si accontenta di creare un semplice mondo vagamente medievalistico con qualche spruzzata di magia casuale, ma anzi crea un sistema magico originale e ben studiato (l'idea dei colori e dei soffi è veramente molto bella).
    Detto questo, "il Conciliatore" è sicuramente un buon libro, ma non così bello come i giudizi mi avevano fatto sperare. L'indulgere di Sanderson al continuo colpo di scena, soprattutto alla fine, è fastidioso, e il romanzo è inutilmente verboso. Pagine e pagine sono puramente riempitive e usate per dare "spessore fisico" al libro, inutili però dal punto di vista della storia. Per quanto poi lo svolgimento è lento, così il finale è troppo veloce e sconclusionato, poco chiaro e per nulla esplicativo.

    ha scritto il 

  • 5

    Semplicemente bellissimo! era tempo che non leggevo un cosi' bel romanzo, appassionante, avvincente, fantastico. Il sistema delle magie di questo libro e' ben pensato e strutturato. I personaggi sono ...continua

    Semplicemente bellissimo! era tempo che non leggevo un cosi' bel romanzo, appassionante, avvincente, fantastico. Il sistema delle magie di questo libro e' ben pensato e strutturato. I personaggi sono uno meglio degli altri. Inutile dire che il miglior personaggio fra tutti e' Lievecanto, dio scanzonatissimo, fannullone e svogliato, ma veramente stupendo. Pienamente soddisfatto.

    ha scritto il 

  • 5

    Sanderson no delude mai e questo è il migliore fra quelli che ho letto. L'ambientazione fantasy è ottima, la trama, che si alterna fra i tre personaggi principali, convincente e avvincente, i personag ...continua

    Sanderson no delude mai e questo è il migliore fra quelli che ho letto. L'ambientazione fantasy è ottima, la trama, che si alterna fra i tre personaggi principali, convincente e avvincente, i personaggi coinvolgenti e molto ben descritti: fantastico Lievecanto il dio riluttante.
    Consigliato

    ha scritto il 

  • 4

    Il mio primo libro di Sanderson; dopo molti consigli ho deciso di leggere un romanzo di questo autore e ho cominciato con un libro 'singolo' dato che partire con una trilogia mi era sembrato un po' az ...continua

    Il mio primo libro di Sanderson; dopo molti consigli ho deciso di leggere un romanzo di questo autore e ho cominciato con un libro 'singolo' dato che partire con una trilogia mi era sembrato un po' azzardato per via del poco tempo a disposizione per la lettura (io non mollo mai i libri che comincio, quindi leggere una trilogia poco ispirata mi avrebbe seccato parecchio).
    Ecco, ora sono dispiaciuto che questo libro non sia in realtà l'inizio di una trilogia!
    Lo stile è molto scorrevole, il libro si fa leggere e non si vorrebbe mai smettere, complice una storia interessante, anche se abbastanza lineare, ma non mancheranno dei colpi di scena, soprattutto nel finale del libro, dove si scoprirà che "non tutto a palazzo è ciò che sembra".
    La parte del leone però la fa un 'sistema di magia' davvero unico, originale e ben studiato basato sui colori. Non avevo mai letto nulla di simile e devo dire che mi ha impressionato per la semplicità ed allo stesso tempo per la profondità di una soluzione simile.
    Alcuni personaggi sono un po' sottotono a dire il vero o forse avrebbero meritato più spazio per essere meglio approfonditi, chissà; altri invece sono semplicemente fantastici (Lievecanto su tutti).
    Stranamente mi hanno lasciato un po' perplesso proprio i due personaggi delle principesse: durante lo svolgimento della storia il loro carattere subisce un cambiamento radicale forse un po' troppo forzato e repentino considerate le premesse. Ecco, questo l'ho trovato poco credibile. Probabilmente, anche in questo caso, una suddivisione della storia in più libri avrebbe giovato.
    In conclusione non posso fare altro che consigliare questo libro. Per quanto mi riguarda ho già messo in coda di lettura altri libri di Sanderson.

    ha scritto il 

  • 5

    oh, colori!

    Fino ad ora ho letto ogni suo libro pensando: "wow, che bella idea ha avuto!".
    Come sempre ci sono religione, politica, magia, un'ottima tecnica narrativa e una struttura che impedisce di capire cosa ...continua

    Fino ad ora ho letto ogni suo libro pensando: "wow, che bella idea ha avuto!".
    Come sempre ci sono religione, politica, magia, un'ottima tecnica narrativa e una struttura che impedisce di capire cosa succederà in seguito.
    I Soffi migliorano i sensi e la percezione, possono essere infusi in un corpo deceduto o un oggetto inanimato per permettergli di muoversi seguendo il comando del creatore.
    Particolarmente bella la storia degli dei e dei re dei, con Lievecanto, per me, come miglior punto di vista tra i personaggi narranti.
    Qualcuno ha detto che questo libro è tra i suoi meno interessanti. Ma dico, stiamo impazzendo? Io leggerei subito il seguito se ci fosse! Fantastico come sempre e consigliatissimo.

    ha scritto il 

  • 5

    Solo alla fine capisci davvero tutto... GENIALE!

    Questo titolo era in lista da tantissimo tempo e sono stata felicissima di averlo letto. Non capisci chi è il protagonista fin quando non arrivi alle ultime pagine. Non sai quali sono i personaggi pos ...continua

    Questo titolo era in lista da tantissimo tempo e sono stata felicissima di averlo letto. Non capisci chi è il protagonista fin quando non arrivi alle ultime pagine. Non sai quali sono i personaggi positivi e quelli negativi, ognuno di loro ha più sfaccettature. Lievecanto è quello a cui mi sono maggiormente affezionata, Vasher, Vivenna, Siri e lo stesso Susebron sono stati una continua evoluzione e una continua scoperta.
    All'inizio il ritmo era un po' lento ma non è stato per niente faticoso leggerlo. Il ritmo incalza verso il quarantesimo capitolo, piano piano tutti i nodi vengono al pettine e il lettore resta a bocca aperta fino all'ultima pagina.
    Grazie Sanderson! Un libro non scontato, tratti profondi e scritto in modo egregio. Consigliatissimo!

    http://lettriceconfusa.blogspot.it/2017/01/voto-55-consigliato-agli-amanti-del.html

    ha scritto il 

  • 4

    Molto originale l'organizzazione del "sistema magico" dei soffi.
    Lettura un'pò lenta in cui non ho potuto fare a meno di notare, con un senso di leggero fastidio, la volontà di Sanderson di cercare il ...continua

    Molto originale l'organizzazione del "sistema magico" dei soffi.
    Lettura un'pò lenta in cui non ho potuto fare a meno di notare, con un senso di leggero fastidio, la volontà di Sanderson di cercare il colpo di scena a tutti i costi.

    ha scritto il 

  • 4

    Calibrato

    Una gradita lettura, questa di Sanderson, che mi ha rivelato un autore cui non manca la fantasia né la capacità di dosarla attraverso le pagine, trattandola con rispetto e senza svilirla con personagg ...continua

    Una gradita lettura, questa di Sanderson, che mi ha rivelato un autore cui non manca la fantasia né la capacità di dosarla attraverso le pagine, trattandola con rispetto e senza svilirla con personaggi caricaturali o circensi effetti speciali; ambientazione calibrata ma affascinante, al pari dello stile di scrittura, che seppur avaro di passionalità riesce a incanalare nell'essenzialità la sua forza.

    Meglio i personaggi maschili, in grado di emergere con poche pennellate — Vasher su tutti —, che quelli femminili, psicologicamente più approfonditi ma meno incisivi.
    Il finale non mi ha soddisfatto, più raccontato che mostrato, ma l'intero volume vale la pena di essere letto.

    ha scritto il