Il GGG

Di

Editore: Einaudi Scuola

4.3
(3582)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 160 | Formato: Altri | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo , Francese , Tedesco , Olandese , Catalano , Norvegese , Greco , Gallese

Isbn-10: 8828607564 | Isbn-13: 9788828607564 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Copertina rigida , Paperback

Genere: Bambini , Narrativa & Letteratura , Fantascienza & Fantasy

Ti piace Il GGG?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Ordina per
  • 5

    Mi è piaciuto perché parla di questo gigante che parla in modo strano, ma che fa amicizia con una ragazzina che abita in una città in cui si intrufula il gigante. La ragazzina sentendo dei rumori si ...continua

    Mi è piaciuto perché parla di questo gigante che parla in modo strano, ma che fa amicizia con una ragazzina che abita in una città in cui si intrufula il gigante. La ragazzina sentendo dei rumori si svegliò e il gigante la vide e quindi decise di prenderla e portarla a casa sua. Facendo amicizia dopo una bella chiacchierata il gigante gli fece vedere la terra dei giganti e lei disse che era straordinaria.

    ha scritto il 

  • 5

    Un piccolo libriccino straripante di avventure. Chi conosce Roald Dahl sa bene con quale immediatezza sia in grado rendere le sensazioni più complete e le descrizioni più magiche, terrorizzando e addo ...continua

    Un piccolo libriccino straripante di avventure. Chi conosce Roald Dahl sa bene con quale immediatezza sia in grado rendere le sensazioni più complete e le descrizioni più magiche, terrorizzando e addolcendo, ma anche costruendo divertentissimi siparietti. Di recente adattato per lo schermo da Steven Spielberg, si è ben conservato, anche grazie alla mediazione delle illustrazioni di Quentin Blake.
    http://athenaenoctua2013.blogspot.it/2017/01/dal-libro-al-film-il-ggg.html

    ha scritto il 

  • 0

    Dahl è sempre una piacevole compagnia!
    GGG, il Grande Gigante Gentile, con il suo parlare strano, vorresti proprio averlo come amico... Mi incuriosisce vedere il film che ne hanno tratto. ...continua

    Dahl è sempre una piacevole compagnia!
    GGG, il Grande Gigante Gentile, con il suo parlare strano, vorresti proprio averlo come amico... Mi incuriosisce vedere il film che ne hanno tratto.

    ha scritto il 

  • 2

    Questa volta la storia non mi ha colpita in modo particolare. Forse in inglese i giochi di parole sono resi meglio e la parlata de GGG risulta divertente, in italiano è solo fastidiosa.

    ha scritto il 

  • 4

    Per fortuna esistono i giganti buoni!

    Ho conosciuto Roald Dahl con "La fabbrica di cioccolato" ma non avevo mai letto nulla di lui. Fino al giorno in cui ho regalato alla mia cara cuginetta il romanzo del già citato film e ovviamente ho d ...continua

    Ho conosciuto Roald Dahl con "La fabbrica di cioccolato" ma non avevo mai letto nulla di lui. Fino al giorno in cui ho regalato alla mia cara cuginetta il romanzo del già citato film e ovviamente ho dato una rapida sbirciatina alla storia... Che dire? Fenomenale! Scrittore di alto umorismo, grande narratore per bambini. Brevemente ecco una sua veloce biografia: Roald Dahl è considerato uno dei più grandi scrittori di libri per bambini mai esistito. Nato nel 1916 da una famiglia di origini norvegesi, si trasferì ben presto in Gran Bretagna dove partecipò alla seconda guerra mondiale come pilota. Nel 1943 scrisse il suo primo libro per bambini, The Gremlins, da cui la Disney trasse un soggetto per un'animazione mai realizzata e a cui si ispirò Chris Columbus nel 1984 per il film che rese famose queste creature. Nel 1961 Dahl inizia la vera e propria carriera di scrittore per l'infanzia con James e la pesca gigante, seguito dai conosciutissimi La fabbrica di cioccolato, Il grande ascensore di cristallo (che ne è il seguito), Gli Sporcelli, La magica medicina, Il GGG, Le Streghe, Matilde e molti altri libri di successo. Le sue opere sono tradotte in trentaquattro lingue, hanno venduto milioni di copie nel mondo e vinto premi prestigiosi. È morto nel 1990 ma ogni anno si celebra il Roald Dahl Day in occasione del giorno del suo compleanno.

    Il GGG è un gigante buono, anzi l'unico buono tra gli altri suoi consimili che invece preferiscono mangiare bambini e popolli (così chiamano gli esseri umani) e si divertono a farsi grandi scorpacciate. Ma il GGG è vegetariano, mangia solo centrionzoli (di sapore pessimo) e raccoglie i sogni col retino per poi soffiarli, di notte, ai bambini. E proprio una notte la piccola Sofia lo vede e viene portata nella sua tana, piena zeppa di contenitori di sogni con tanto di targhetta per distinguerli. Da qui nasce la dolce amicizia fra la bimba e il gigante buono, fino all'epilogo punitivo verso i cattivi mangiatori di bambini.

    Un romanzo dolcissimo, semplice ma appassionante, dallo stile inconfondibile. Un libro che ha fatto storia, amato dai grandi e dai piccini, un’opera che non può mancare nelle vostre librerie.

    Ah, il GGG significa Grande Gigante Gentile.

    ha scritto il 

  • 5

    Beeeeeellllo!

    Gran bella lettura, piacevole, fantasiosa, magica e scorrevole. Una grande idea, sviluppata molto bene. Una lettura per tutte le età. L'ho letto iin previsione dell'uscita del film di Spielberg. Trovo ...continua

    Gran bella lettura, piacevole, fantasiosa, magica e scorrevole. Una grande idea, sviluppata molto bene. Una lettura per tutte le età. L'ho letto iin previsione dell'uscita del film di Spielberg. Trovo molto curioso e in parte noiso come un libro tutt'altro che cupo, buio, spettrale possa poi venir rappresentato come si vede nel trailer.

    ha scritto il 

  • 5

    Un classico senza tempo della letteratura inglese per bambini, che purtroppo non ho potuto amare da piccola. Anche in questo romanzo, Roald Dahl ha unito la magia e la fantasia con la realtà, a volte ...continua

    Un classico senza tempo della letteratura inglese per bambini, che purtroppo non ho potuto amare da piccola. Anche in questo romanzo, Roald Dahl ha unito la magia e la fantasia con la realtà, a volte dura, del mondo degli umani, ma con la quale i bambini devono entrare in contatto. Ammiro la visione dell'autore: il messaggio che mi ha lasciato è che le future generazioni non devono vivere sotto una campana di vetro, protetti da tutto e da tutti; al mondo ci sono persone che non vogliono sempre il loro bene, ma queste persone si possono affrontare con intelligenza.
    Da leggere anche da adulti, perché, dall'alto del nostro presunto sapere, spesso ci dimentichiamo cosa significa essere semplici e puri.
    Book challenge 2016: un libro che sarà presto trasformato in un film.

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per