Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Il Maestro e Margherita

Di

Editore: Einaudi (Gli struzzi, 1)

4.4
(14823)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 390 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Russo , Spagnolo , Francese , Tedesco , Svedese , Ungherese , Sloveno , Portoghese , Farsi , Greco , Polacco

Isbn-10: A000017566 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Vera Driso

Disponibile anche come: Altri , Tascabile economico , Copertina rigida , eBook

Genere: Fiction & Literature , Religion & Spirituality , Science Fiction & Fantasy

Ti piace Il Maestro e Margherita?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Michail Bulgakov (1891-1940) è al centro del più clamoroso "caso letterario" di questi anni. Rimasto inedito sino al 1967, il Maestro e Margherita ha rivelato uno scrittore degno della grande tradizione del romanzo russo. A Mosca, negli anni trenta, giunge Satana in persona, sotto le spoglie di un esperto di magia nera, e accende una girandola di tragicomici imprevisti, con cui Bulgakov si prende una esilarante vendetta postuma sulle "anime morte" del suo tempo.Filosofico e fantastico, lirico e bilioso, il romanzo intreccia su diversi piani narrativi una complessa tematica. Come ha scritto Montale, "un miracolo che ognuno deve salutare con commozione".

Questo libro in questa edizione non ha ISBN

Ordina per
  • 3

    Pur riconoscendone la genialità, a partire da diversi piani narrativi e con una serie pressoché illimitata di spunti interpretativi, in primis quello critico verso il realismo socialista, non sono riu ...continua

    Pur riconoscendone la genialità, a partire da diversi piani narrativi e con una serie pressoché illimitata di spunti interpretativi, in primis quello critico verso il realismo socialista, non sono riuscito ad apprezzare l'ampiezza di questo che a mio parere, presentandosi come saggio sul bene e sul male, chiede infaustamente in prestito gli strumenti della narrazione, con un altissimo e nobilissimo scopo: una dimostrazione di come il diavolo possa servire, spesso, se non a ristabilire il giusto ordine delle cose, almeno a riportare la giustizia.

    ha scritto il 

  • 0

    eccezionale

    La trama si interroga sulla fascinazione del diavolo. Un inseguimento continuo sulle ali della fantasia più sfrenata e disinibita, il sovrapporsi sfacciato del piano reale e di quello onirico, mantene ...continua

    La trama si interroga sulla fascinazione del diavolo. Un inseguimento continuo sulle ali della fantasia più sfrenata e disinibita, il sovrapporsi sfacciato del piano reale e di quello onirico, mantenendo un'ironia che poco alla volta diventa sarcasmo. Una lettura eccezionale che dovrebbe essere resa obbligatoria nelle scuole.

    ha scritto il 

  • 5

    Pagina 85

    «Eh, Nikanor Ivanovič!», esclamò con cordialità lo sconosciuto. «Che cosa significa ufficiale o non ufficiale? Tutto dipende dal punto di vista dal quale osserviamo l'oggetto; tutto questo, Nikanor Iv ...continua

    «Eh, Nikanor Ivanovič!», esclamò con cordialità lo sconosciuto. «Che cosa significa ufficiale o non ufficiale? Tutto dipende dal punto di vista dal quale osserviamo l'oggetto; tutto questo, Nikanor Ivanovič, è convenzionale e fluttuante. Oggi sono in veste non ufficiale, ma domani, eccomi, in veste ufficiale! E accade anche l'inverso, Nikanor Ivanovič. E come se capita!»
    Questo ragionamento non soddisfece minimamente il presidente dell'amministrazione del caseggiato. Sospettoso di natura, egli dedusse che il cittadino che stava blaterando davanti a lui era appunto un personaggio non ufficiale, e probabilmente uno sfaccendato.

    ha scritto il 

  • 4

    Pag 285
    - Chiedo vivamente che mi venga rilasciato un certificati in merito al luogo dove ho trascorso quest'ultima notte, - disse Nikolaj Ivanovič, guardandosi timidamente attorno, ma con grande insi ...continua

    Pag 285
    - Chiedo vivamente che mi venga rilasciato un certificati in merito al luogo dove ho trascorso quest'ultima notte, - disse Nikolaj Ivanovič, guardandosi timidamente attorno, ma con grande insistenza.
    -Per quals uso? - domandò con severità il gatto.
    -Per esibirlo alla polizia e alla mia consorte, - rispose con fermezza Nikolaj Ivanović.
    -Di solito non rilasciamo certificato, - rispose il gatto con aria burbera, - ma pazienza, per lei faremo un'eccezione.
    E prima che Nikolaj Ivanovič si fosse riavuto, Hella, ignuda, sedeva già alla macchina da scrivere, e il gatto le stava dettando.
    -Si attesta che il latore del presente certificato, Nikolaj Ivanovič, ha trascorso la detta notte al ballo in casa di Satana, essendo stato quivi comandato in qualità di mezzo di trasporto... parentesi, Hella, e fra le parentesi scrivi "verro".Firmato Behemoth.

    ha scritto il 

  • 5

    E' stato piacevole farsi sorprendere e incantare dalla storia così originale, suggestiva e visionaria, dall'intreccio di vicende, epoche e personaggi indimenticabili.
    Ho amato il misterioso e accattiv ...continua

    E' stato piacevole farsi sorprendere e incantare dalla storia così originale, suggestiva e visionaria, dall'intreccio di vicende, epoche e personaggi indimenticabili.
    Ho amato il misterioso e accattivante Woland e il suo grottesco e sgangherato seguito di demoni, dispettosi e divertenti, il bizzarro Korov'ev, l'inquietante Azazello e il simpatico Behemoth, gattone nero parlante, arrogante e petulante.
    Sublime il volo notturno lento e fluttuante di Margherita, nuda e invisibile sulla scopa.

    ha scritto il 

  • 0

    Fusione e confusione tra male e bene

    Non penso sia possibile riassumere un racconto così pieno di suggestioni ed invenzioni. Inverosimili storie di personaggi inverosimili. Talmente inverosimili da essere credibili proprio perché riconos ...continua

    Non penso sia possibile riassumere un racconto così pieno di suggestioni ed invenzioni. Inverosimili storie di personaggi inverosimili. Talmente inverosimili da essere credibili proprio perché riconoscibili nel nostro immaginario... O forse sono la causa quasi atavica del nostro immaginario? Tutto sembra scritto e preordinato dal destino ... allora dov'è il senso del tutto? In noi naturalmente. Buona lettura ;)

    ha scritto il 

  • 5

    Un capolavoro. Un turbine di immagini, di storie, di piani narrativi che si intrecciano e si sviluppano via via, lasciando il lettore estasiato a riflettere sui mille significati di un'opera concettua ...continua

    Un capolavoro. Un turbine di immagini, di storie, di piani narrativi che si intrecciano e si sviluppano via via, lasciando il lettore estasiato a riflettere sui mille significati di un'opera concettualmente densissima.

    ha scritto il 

  • 5

    Una sorta di geniale giudizio universale a Mosca (una cittá, in fondo, può diventare l'universo).
    Il peccato di viltá di Ponzio Pilato.
    L'amore eterno tra il Maestro e Margherita.
    Il male che suo malg ...continua

    Una sorta di geniale giudizio universale a Mosca (una cittá, in fondo, può diventare l'universo).
    Il peccato di viltá di Ponzio Pilato.
    L'amore eterno tra il Maestro e Margherita.
    Il male che suo malgrado opera il bene.
    E poi il primo capitolo...

    La letteratura russa è immensa.

    ha scritto il 

  • 0

    Letto a 16 anni e odiato. Ma poiché a quell'età vivevo tutto in modo assoluto (poi nel tempo non sono cambiato molto, il che potrebbe essere un pregio ma anche un grande difetto), ho deciso di ricompr ...continua

    Letto a 16 anni e odiato. Ma poiché a quell'età vivevo tutto in modo assoluto (poi nel tempo non sono cambiato molto, il che potrebbe essere un pregio ma anche un grande difetto), ho deciso di ricomprarlo, cambiare edizione, dare aria alle pagine e rileggerlo.
    In generale, ogni volta che qualcuno parla del diavolo nei libri fuggo a gambe levate. Il diavolo, persino nel Faust di Goethe, appare come una macchietta, un personaggio colorito, quasi da farsa. Per sentire tutto il terribile che la parola diavolo evoca, bisogna affidarsi alle descrizioni di Dio, da quella biblica a quelle dei poeti. Ricordo infatti questi versi del poeta americano E.E.Cummings:
    God's terrible face, brighter than a spoon, 
    collects the image of one fatal word...

    (La faccia terribile di Dio, risplendente più di un cucchiaio,
    raccoglie l'immagine di una parola fatale)
    Qui c'è l'immagine del volto di Dio che raccoglie come in un cucchiaio tutto quel che succede attorno, ma in questo spazio così stretto la realtà si deforma, diventa mostruosa. Ah, quanto sarebbe stato bello vedere al posto di Dio la faccia di Satana raccogliere la realtà come un cucchiaio. Invece qui lo troviamo che si beve uno Spritz su una panchina. A 16 anni, lo disprezzai.
    Ritentar non nuoce.
    Che Dio (non certo Woland) me la mandi buona.

    ha scritto il 

Ordina per