Il Pianeta di Mr. Sammler

Voto medio di 118
| 25 contributi totali di cui 20 recensioni , 5 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
Un tempo i saggi abitavano le solitudini del deserto; oggi, forse abitano le solitudini della città. Un tempo comunicavano in stile oracolare; oggi usano le tecniche pudiche dell'insinuazione e dell'allusione. Non hanno né compiti né statuti ... Continua
Ha scritto il 04/09/16
Un'isola meditativa sull'isola di Manhattan. (p. 68)
"Dunque: una specie pazza? Sì, forse. Sebbene la pazzia sia anch'essa una mascherata, la proiezione di un motivo più profondo, un risultato della disperazione che ci coglie dinanzi alle infinità e alle eternità." (p. 131)
  • 1 mi piace
Ha scritto il 28/08/16
Chiedi alla polvere (1971)
A causa del mio inveterato vizio di leggere qualche giorno fa mi sono immerso nella soffitta della vecchia casa di campagna di mia nonna tra le colline del Valdarno, in cerca di vecchi libri. Lì è cresciuta mia madre. Li ho iniziato a leggere i ...Continua
  • 40 mi piace
  • 20 commenti
Ha scritto il 25/08/16
Una finestra aperta su una città, NYC, ritratta come il covo del male e della perdizione e quindi incredibilmente affascinante.Una città attraversata da un uomo reso cinico e distaccato da una vita difficile, ma al contempo molto attento alle ...Continua
Ha scritto il 21/05/14
Abbandonarsi
Ero giovane quando lo lessi, ero al mare e andavo a letto presto, con un libro. Ricordo una lettura faticosa con un bisogno di lasciarsi andare, di abbandonarsi alle pagine, senza porsi troppi perchè. Le stesse sensazioni che ho provato più ...Continua
  • 4 mi piace
Ha scritto il 10/12/13
Il pianeta di Mr.Sammler naturalmente è la terra, luogo che rischia di diventare sempre più inospitale, per cui secondo alcuni (come per il Dr. Govinda Lal che segue le orme di H.G. Wells) presto potrebbe essere abbandonato per la luna. Il pianeta ...Continua
  • 10 mi piace
  • 3 commenti

Ha scritto il Jun 13, 2010, 07:16
Durante la guerra non avevo alcun credo, e non mi erano mai piaciute le pratiche degli ortodossi. Vedevo che a Dio non faceva alcun effetto la morte. L’inferno era la sua indifferenza.
Pag. 235
Ha scritto il Jun 13, 2010, 07:16
Ma quello che si nota di più è una peculiare rappresentazione di sé, una maniera elaborata e a volte assai artistica di presentare se stesso come individuo e uno strano desiderio di originalità, distinzione e interesse…..ma l’uomo moderno, ...Continua
Pag. 228
Ha scritto il Jun 13, 2010, 07:16
follia è il tentativo di libertà compiuto da individui che si sentono soverchiati da forze gigantesche di controllo organizzato. Alla ricerca della magia degli estremi”
Pag. 146
Ha scritto il Jun 13, 2010, 07:15
Accetta e concedi che la felicità consiste nel fare ciò che la maggioranza degli altri fa. Allora devi incarnare ciò che incarnano gli altri. Se si tratta di preconcetti, il preconcetto. Se la furia, che sia la furia. Se è sesso, allora sesso. ...Continua
Pag. 73
Ha scritto il Jun 13, 2010, 07:15
Una società di massa non produce grandi criminali. E questo lo si deve alla divisione del lavoro in tutta la società, che ha distrutto radicalmente l’idea della responsabilità collettiva. E’ stato il lavoro sminuzzato di tante piccole parti a ...Continua
Pag. 16

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi