Il Principe Caspian - Le Cronache Di Narnia

Di

Editore: Mondadori (Collana "I Grandi")

3.6
(240)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 217 | Formato: Tascabile economico

Isbn-10: 8804579722 | Isbn-13: 9788804579724 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Disponibile anche come: Paperback , Altri

Genere: Bambini , Narrativa & Letteratura , Fantascienza & Fantasy

Ti piace Il Principe Caspian - Le Cronache Di Narnia?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Ordina per
  • 3

    Secondo romanzo della serie Cronache di Narnia ma quarto in ordine cronologico .Per i quattro fratelli Pevensie sta per ricominciare la scuola. Ma mentre si dirigono a prendere il treno, vengono rich ...continua

    Secondo romanzo della serie Cronache di Narnia ma quarto in ordine cronologico .Per i quattro fratelli Pevensie sta per ricominciare la scuola. Ma mentre si dirigono a prendere il treno, vengono richiamati a Narnia.
    Giungono nientemeno che alle rovine di Cair Paravel, il castello nel quale avevano regnato nell'Età d'Oro di Narnia, e scoprono così che sono passati più di mille anni dal loro regno. In questo lungo arco di tempo, molta della vecchia magia è scomparsa. Ciò è avvenuto in seguito alla conquista di Narnia da parte dei Telmarini: gli animali parlanti e le creature magiche di quella terra sono stati sterminati e i pochi rimasti sono costretti a vivere nascosti.
    Ma Caspian, nipote del perfido Re Miraz (un Telmarino e sovrano attuale di Narnia), ascoltando dal suo tutore dei racconti sulla Vecchia Narnia, ne è affascinato. Dopo che Miraz ha avuto un erede, Caspian è costretto a scappare dal castello, viene inseguito dai soldati incaricati dal Re di ucciderlo e, trovandosi in grave pericolo, suona il corno di Susan (appunto in questo modo i fratelli vengono richiamati), cerca di ritrovare, nei boschi, le poche creature magiche rimaste dall'Età d'Oro e di unirsi ad esse per tentare di riportare quella terra al suo antico splendore e di cacciare Re Miraz, e quindi i Telmarini, da Narnia.

    Mi è piaciuto meno del primo aveva una storia piu intrigante e piu complessa da costruire ma è risultato molto lento e il finale troppo breve non mi ha fatto assaporare tutto ciò che di buono si era costruito anche con fatica da parte dell'autore con una parte centrale lenta e macchinosa speriamo che il terzo migliori

    ha scritto il 

  • 3

    Distrazioni.

    Ebbene sì, ho usato la seconda puntata delle Cronache di Narnia per evadere dalla sessione degli esami universitari! Sono stata una specie di Alice che scappa nel Paese delle Meraviglie..! È stata una ...continua

    Ebbene sì, ho usato la seconda puntata delle Cronache di Narnia per evadere dalla sessione degli esami universitari! Sono stata una specie di Alice che scappa nel Paese delle Meraviglie..! È stata una lettura piacevole e molto scorrevole, proprio quello che desideravo! E che dire..una storia carina ma forse troppo lenta e troppo realizzata con l'espediente del flashback. Ma sono riuscita a rilassarmi quindi...missione compiuta!

    ha scritto il 

  • 4

    Le prime pagine di questo libro mi avevano fatto sperare che il racconto fosse più lungo e dettagliato. Invece sempre delle solite 200 pagine circa è composto. La prima parte del libro scorre con quel ...continua

    Le prime pagine di questo libro mi avevano fatto sperare che il racconto fosse più lungo e dettagliato. Invece sempre delle solite 200 pagine circa è composto. La prima parte del libro scorre con quello che io definisco ''il tempo giusto'' di narrativa. Purtroppo però, la parte centrale, quella fondamentale, quella dell'azione, si riduce a pochissime pagine, per poi riprendere un ritmo più lento nella parte finale. Questo racconto mi è piaciuto molto, mentre lo leggevo pensavo che sarebbe stato il mio preferito della serie, però questo incostante ritmo mi ha fatto desistere dal dargli cinque stelline. Avrei preferito che fosse durato il doppio e che fosse un po' più lento. Avrei voluto più dialogo tra Caspian e gli altri re.

    ha scritto il 

  • 4

    Mi sembra che Lewis, nella semplicità del linguaggio e degli intrecci e nel recupero di figure mitologiche greche e nordiche, sia ancora superiore alla maggior parte del fantasy attuale, per valore le ...continua

    Mi sembra che Lewis, nella semplicità del linguaggio e degli intrecci e nel recupero di figure mitologiche greche e nordiche, sia ancora superiore alla maggior parte del fantasy attuale, per valore letterario e profondità di contenuti.
    Mi pare ben riuscito anche questo caspitolo.

    ha scritto il 

  • 4

    Quarto capitolo della saga delle Cronache di Narnia che segna il ritorno dei quattro giovani re e l'affacciarsi di nuovi valorosi e leali personaggi in difesa del regno in serie difficoltà. Molto bell ...continua

    Quarto capitolo della saga delle Cronache di Narnia che segna il ritorno dei quattro giovani re e l'affacciarsi di nuovi valorosi e leali personaggi in difesa del regno in serie difficoltà. Molto bello!

    ha scritto il 

  • 4

    Recensione comune a tutti i libri della serie "Le Cronache di Narnia"

    Questa serie è bellissima! Trasporta con piacevolezza verso un mondo non sempre facile ma di sicuro dove ogni cosa è possibile. E' possibile che un armadio sia in realtà una porta verso un mondo magic ...continua

    Questa serie è bellissima! Trasporta con piacevolezza verso un mondo non sempre facile ma di sicuro dove ogni cosa è possibile. E' possibile che un armadio sia in realtà una porta verso un mondo magico, che un topino parli e sia un gran condottiero, che un leone sia un saggio maestro di vita, che passino anni e anni a Narnia mentre nella realtà non passi un minuto...
    Non c'è la magia alla Harry Potter, con incantesimi e pozioni. Qui gli animali parlano, piante e fiori sono vive e c'è sempre un'eterna lotta tra Bene e Male.
    Io li ho letti nell'ordine di pubblicazione (quello che vedete qui inserito): da "Il leone, la strega e l'armadio" fino a "Il nipote del mago" ma se ancora non avete cominciato la lettura di questi libri vi suggerisco di iniziare partendo dal mio ultimo e tornando indietro.
    L'ordine interno (ossia quello cronologico della storia raccontata) sarebbe questo:
    Il nipote del mago
    Il leone, la strega e l'armadio
    Il cavallo e il ragazzo
    Il principe Caspian
    Il viaggio del veliero
    La sedia d'argento
    L'ultima battaglia
    In questo modo capirete come e nata Narnia, perchè e potrete seguire la sua storia in modo un po' più lineare.
    Comunque in qualunque modo li si legga posso affermare che sono storie fantastiche, che fanno staccare per un po' il contatto con il mondo reale attaverso descrizioni e immagini che rapiscono.
    E' vero, sono libri per bambini ma rileggerli da adulti è sempre e comunque piacevole.

    ha scritto il 

  • 4

    Le cronache di Narnia. Il principe Caspian di C.S. Lewis

    Questo è il quarto volume della saga Le cronache di Narnia. Qui ritroviamo i quattro fratelli Pevensie: Peter, Susan, Edmund e Lucy. Nel secondo volume arrivano a Narnia tramite un armadio e regnano s ...continua

    Questo è il quarto volume della saga Le cronache di Narnia. Qui ritroviamo i quattro fratelli Pevensie: Peter, Susan, Edmund e Lucy. Nel secondo volume arrivano a Narnia tramite un armadio e regnano su essa per lunghi anni. Furono anni di pace e tranquillità ricordati come L'Età d'Oro di Narnia fin quando ritorneranno indietro. Dopo un anno circa i ragazzi sono alla stazione del treno per ritornare a scuola e ricordano ancora Narnia con nostalgia. A Narnia le cose sono cambiate e anche il tempo e passato. Infatti il tempo a Narnia scorre velocemente dal nostro mondo e li sono trascorsi mille anni. Narnia è stata conquistata dai telmarini distruggendo tutta la bellezza di essa costringendo le creature magiche di Narnia a vivere nascoste. Così i quattro fratelli saranno richiamati nel mondo di Narnia da Caspian per cercare di ristabilire la pace e la tranquillità.

    Trovate la scheda anche su:
    http://www.ilclubdellibro.it

    ha scritto il