Il Signore degli Anelli

Di

Editore: Rusconi

4.6
(21563)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 1366 | Formato: Cofanetto | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Chi tradizionale , Chi semplificata , Spagnolo , Tedesco , Francese , Catalano , Polacco , Svedese , Finlandese , Olandese , Portoghese , Russo , Ungherese , Sloveno , Norvegese , Greco , Danese

Isbn-10: 8818123211 | Isbn-13: 9788818123210 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Vicky Alliata di Villafranca ; Curatore: Quirino Principe ; Contributi: Elémire Zolla ; Illustrazione di copertina: Piero Crida

Disponibile anche come: Paperback , Copertina rigida , Rilegato in pelle , Altri , Copertina morbida e spillati , eBook

Genere: Narrativa & Letteratura , Fantascienza & Fantasy , Viaggi

Ti piace Il Signore degli Anelli?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Edizione rilegata con custodia (cofanetto).
Ordina per
  • 5

    Più che un libro, un pezzo di vita: una delle letture più avvincenti, complesse ed emozionanti in assoluto. Non lasciatevi ingannare, questo romanzo epico è incantevole anche per chi non ama il genere ...continua

    Più che un libro, un pezzo di vita: una delle letture più avvincenti, complesse ed emozionanti in assoluto. Non lasciatevi ingannare, questo romanzo epico è incantevole anche per chi non ama il genere fantasy

    ha scritto il 

  • 0

    Troppo breve

    Ecco, davvero non capisco la smania di concludere di certi autori.
    Non arrivo a capire come si possa troncare così frettolosamente una storia così avvincente e ricca di colpi di scena.
    Ci sarebbero vo ...continua

    Ecco, davvero non capisco la smania di concludere di certi autori.
    Non arrivo a capire come si possa troncare così frettolosamente una storia così avvincente e ricca di colpi di scena.
    Ci sarebbero volute almeno altre 792 pagine per arricchire e portare a un senso narrativo compiuto le gesta di Frodo e compagnia; dunque, almeno un altro volume e mezzo.

    Insomma, il Tolkien scrive bene, ha un bel po' di fantasia, e ciò nessuno glielo nega; ma va anche detto che non sempre la sintesi è un dono, come spesso si è soliti affermare.

    ha scritto il 

  • 5

    Una seconda Bibbia

    Questo, per me, è ed è stato molto più di un libro. E' un compagno d'avventure, un dispensatore di consigli, una carezza nei giorni difficili ed uno sprono a fare meglio, a lottare per ciò che è giust ...continua

    Questo, per me, è ed è stato molto più di un libro. E' un compagno d'avventure, un dispensatore di consigli, una carezza nei giorni difficili ed uno sprono a fare meglio, a lottare per ciò che è giusto.
    Lo tengo sempre qui, sul comodino, non si sa mai dovessi averne bisogno... :)

    PS: la versione illustrata pesa troppo e la tengo nella libreria

    ha scritto il 

  • 5

    Un Universo da esplorare

    Libro di lettura scorrevole seppur dettagliata. Storia non sempre molto dinamica,in certi punti del libro si hanno svariati momenti di staticità, causa le varie descrizioni di personaggi e sopratutto ...continua

    Libro di lettura scorrevole seppur dettagliata. Storia non sempre molto dinamica,in certi punti del libro si hanno svariati momenti di staticità, causa le varie descrizioni di personaggi e sopratutto dei luoghi.
    Per chi non è appassionato dell'universo Tolkeniano è di difficile accesso: vi sono molte situazioni, personaggi e frasi spiegabili solo se si conosce un minimo la storia antecedente.
    Invito ad approfondire su qualche vicenda della Terra di Mezzo, se no per voi resterà "un mattone solo per pazzi nerd fanatici".

    ha scritto il 

  • 4

    In complesso Il signore degli anelli di Tolkien è una lettura difficile e sicuramente la lunghezza non è dalla sua parte. L'autore merita ampi riconoscimenti per il mondo che ha creato e per lo stile ...continua

    In complesso Il signore degli anelli di Tolkien è una lettura difficile e sicuramente la lunghezza non è dalla sua parte. L'autore merita ampi riconoscimenti per il mondo che ha creato e per lo stile di scrittura: le descrizioni sono meravigliose, i personaggi complessi e tridimensionali, tutti nessuno escluso, la trama sa come stupire e tenere il lettore incollato alle pagine. Il vero problema di questo romanzo sono le pagine dove la trama non c'è: lunghi capitoli in cui ci si perde a citare personaggi che non hanno nessun ruolo, canzoni e poemi lunghissimi, dialoghi infiniti ed articolati. Forse, sfoltendo un po' di queste parti sarei potuto arrivare alla fine della trilogia, chiudere il libro e avere la sensazione spiacevole di aver abbandonato amici e luoghi cari (come mi era successo con Lo Hobbit), invece la scintilla non è scattata.
    Per essere un po' più dettagliato il mio libro preferito è sicuramente quello conclusivo: Il ritorno del re dove la battaglia dei campi del Pelennor la fa da padrona facendo venir fuori la parte più epica e descrittiva del romanzo. Le due torri invece è il fanalino di coda, perchè si alterna ad una prima parte ricca di colpi di scena e avventura, una seconda noiosa ed interminabile. Per quanto riguarda La compagnia dell'anello l'ho trovato molto simile al già citato Lo Hobbit e quindi interessante per la costruzione del mondo tolkeniano e piacevole nella sua linearità.
    Insomma rimane un pilastro del fantasy e della letteratura in generale, che, nonostante non mi abbia conquistato appieno è riuscito a regalarmi quindici giorni di emozioni e piacevole compagnia.

    ha scritto il 

  • 5

    Epico romanzo delle avventure di Frodo, che poi è la continuazione del precedente Lo Hobbit... Molta suspense, elettrizzante e da gustare. In certi punti può risultare un po' statico, soprattutto dove ...continua

    Epico romanzo delle avventure di Frodo, che poi è la continuazione del precedente Lo Hobbit... Molta suspense, elettrizzante e da gustare. In certi punti può risultare un po' statico, soprattutto dove descrive luoghi o cita poesie. Per il resto resta un capolavoro del genere fantasy ed epico, insuperabile!

    ha scritto il 

  • 4

    Leggenda

    Mi sembra inutile tentare di scrivere una recensione di questa opera, troppo importante per la letteratura mondiale per essere giudicata da un modesto lettore come me, troppo poi è già stato scritto. ...continua

    Mi sembra inutile tentare di scrivere una recensione di questa opera, troppo importante per la letteratura mondiale per essere giudicata da un modesto lettore come me, troppo poi è già stato scritto. Affronto per la seconda volta la lettura di questo romanzo, nella prima mi sono fermato a meno di metà, avevo poco più di 10 anni (era appena uscito il primo film della trilogia di Jackson, andava di moda cimentarsi con questo libro e io certo non mi tirai indietro). L'ho trovato molto più scorrevole rispetto ad allora (maddai!!) e mi è piaciuto molto nonostante il fantasy non sia certo il mio genere preferito. Ho trovato noioso solo il capitolo con Tom Bombadil ma ho letto in giro che non sono stato il solo. Leggerò prossimamente anche "Lo Hobbit" che ho già acquistato, anche se narrando avvenimenti precedenti al Signore degli Anelli andava letto prima. Un libro che consiglio a tutti coloro che hanno voglia di sognare un po', staccandosi dalla monotonia della nostra realtà.

    ha scritto il 

  • 0

    Troppo breve

    Ecco, davvero non capisco la smania di concludere di certi autori.
    Non arrivo a capire come si possa troncare così frettolosamente una storia così avvincente e ricca di colpi di scena.
    Ci sarebbero vo ...continua

    Ecco, davvero non capisco la smania di concludere di certi autori.
    Non arrivo a capire come si possa troncare così frettolosamente una storia così avvincente e ricca di colpi di scena.
    Ci sarebbero volute almeno altre 792 pagine per arricchire e portare a un senso narrativo compiuto le gesta di Frodo e compagnia; dunque, almeno un altro volume e mezzo.

    Insomma, il Tolkien scrive bene, ha un bel po' di fantasia, e ciò nessuno glielo nega; ma va anche detto che non sempre la sintesi è un dono, come spesso si è soliti affermare.

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per
Ordina per
Ordina per