Il Signore delle Mosche

Di

Editore: Mondadori

4.0
(14193)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 241 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Chi tradizionale , Spagnolo , Tedesco , Chi semplificata , Francese , Polacco , Russo , Catalano , Svedese , Portoghese , Giapponese , Greco , Galego , Ceco , Farsi , Coreano , Olandese , Estonian

Isbn-10: A000101012 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Altri , Copertina rigida , Tascabile economico , Rilegato in pelle

Genere: Narrativa & Letteratura , Scienze Sociali , Adolescenti

Ti piace Il Signore delle Mosche?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 0

    IL SIGNORE DELLE MOSCHE

    Un gruppo di ragazzi precipita con un aereo su un'isola deserta; non si sa bene il perché, forse per salvarli da qualcosa di pericoloso.
    I ragazzi, capitanati da Ralph e Jack, si accorgono dell'assenz ...continua

    Un gruppo di ragazzi precipita con un aereo su un'isola deserta; non si sa bene il perché, forse per salvarli da qualcosa di pericoloso.
    I ragazzi, capitanati da Ralph e Jack, si accorgono dell'assenza di adulti sull'isola e decidono di organizzarsi in una piccola società dove ognuno svolge il proprio incarico. Tutti quanti hanno un obbiettivo comune: quello di essere salvati; proprio per questo si ostinano a tenere acceso, a turni; un fuoco. Ben presto, però, finiscono in conflitto tra di loro, lasciandosi andare agli istinti più primordiali e perdendo ogni senso di civiltà.
    Questo romanzo è molto realistico e spiega la crudeltà dell'animo umano.

    ha scritto il 

  • 3

    "Da una parte c'era il mondo brillante della caccia, della tattica, dei giochi feroci e pieni di destrezza; dall'altra il mondo del senso comune con le sue aspirazioni e con le sue delusioni."

    Un areo pieno di bambini e di adolescenti precipita su un'isola deserta, non si sa bene né come, né perché. Forse il mondo fuori dell'isola non esiste più, o forse si sta combattendo una guerra all'ul ...continua

    Un areo pieno di bambini e di adolescenti precipita su un'isola deserta, non si sa bene né come, né perché. Forse il mondo fuori dell'isola non esiste più, o forse si sta combattendo una guerra all'ultimo sangue, e quel posto è l'unico angolo di pace e di serenità. I ragazzi, capitanati da Ralph, calmo, buono e razionale e da Jack. molto più "selvaggio", cattivo e istintivo, dovrebbero solo cercare di sopravvivere fino a che qualcuno, guidati da un fuoco che Ralph si ostina a volere tenere acceso, arriverà sicuramente a salvarli. All'inizio tutto sembra filare liscio, per loro è quasi un gioco vivere e cavarsela senza "grandi", mangiano, fanno il bagno e esplorano l'isola. Ma ad un certo punto gli equilibri cominciano a vacillare. Ralph e Jack, quelli tenuti a mantenere l'ordine e la pace cominciano a cercare di prevalere uno sull'altro, senza preoccuparsi delle conseguenze. Romanzo terribile e angosciante, ma molto realistico, ci fa vedere in faccia la dura realtà:in condizioni estreme diventiamo tutti selvaggi perdendo ogni conoscenza e ogni senso civico. E pensare che sono soltanto bambini e adolescenti...credo che se su quell'isola ci fossero stati degli uomini, il romanzo e quindi la vita sull'isola sarebbero durati molto meno. Affascinante e spaventoso.

    ha scritto il 

  • 2

    Non il mio stile

    Per quanto apprezzabile l'allegoria e il messaggio che l'autore vuole far passare, lo stile di Golding non è esattamente pane per i miei denti. Nel tentativo di fare una topografia dell'isola si perde ...continua

    Per quanto apprezzabile l'allegoria e il messaggio che l'autore vuole far passare, lo stile di Golding non è esattamente pane per i miei denti. Nel tentativo di fare una topografia dell'isola si perde in descrizioni a volte inutili e che portano confusioni, lasciando la caratterizzazione dei bambini e le loro interazioni a un livello prettamente funzionale allo sviluppo della trama, tendendo a non approfondire i loro rapporti se non nell'ottica di quelle due o tre situazioni critiche portate avanti per l'intero romanzo.

    ha scritto il 

  • 3

    il male è intrinseco nella natura umana, e questo romanzo che pare quasi un racconto d'avventura per ragazzi, lo mostra in tutte le sue sfaccettatura. interessante notare che tra i bimbi e adolescenti ...continua

    il male è intrinseco nella natura umana, e questo romanzo che pare quasi un racconto d'avventura per ragazzi, lo mostra in tutte le sue sfaccettatura. interessante notare che tra i bimbi e adolescenti non sia presente alcuna femmina: forse introducendo delle figure femminili la trama avrebbe svelato troppe variabili?

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    4

    Bel classico

    Romanzo fantastico dal forte valore allegorico e per questo aperto a vari tipi di interpretazioni. Personalmente, anche considerando l'esperienza di Golding durante la Seconda guerra mondiale, penso c ...continua

    Romanzo fantastico dal forte valore allegorico e per questo aperto a vari tipi di interpretazioni. Personalmente, anche considerando l'esperienza di Golding durante la Seconda guerra mondiale, penso che l'autore abbia voluto restiruire al lettore una rappresentazione di questo stesso conflitto. Ci sono molti aspetti negli atteggiamenti di Jack che possono essere interpretati come delle citazioni della storia del partito nazista e di come questo rischiò di avere il sopravvento sulle forze democratiche rappresentate invece da Ralph e i suoi compagni. Infine la scena conclusiva mi ha ricordato molto lo stupore e l'incredulitá dei soldati che scoprirono campi di sterminio, e successivamente l'umanità si domandò fino a che punto si potesse spingere la lucida follia della guerra.

    ha scritto il 

  • 5

    Il signore delle mosche di William Golding

    Le prime due parole che mi vengono in mente per definire questo romanzo sono affascinante e complesso.
    Complesso come l'animo umano fatto da mille sfaccettat ...continua

    Il signore delle mosche di William Golding

    Le prime due parole che mi vengono in mente per definire questo romanzo sono affascinante e complesso.
    Complesso come l'animo umano fatto da mille sfaccettature e sottoposto a continui stimoli da parte del mondo esterno. Ma l'animo umano è qualcosa di fragile si sa, specialmente quello dei bambini che guardano il mondo con occhio innocente. E allora quando il mondo è così brutto cosa succede all'animo? La risposta a questa domanda ci viene data proprio da questo romanzo. Golding analizza il disfacimento dell'innocenza e dell'animo di questi ragazzi precipitati su un'isola a seguito di un incidente aereo dopo che sono stati evacuati durante un attacco di bombe. E proprio in questa condizione estrema si assiste al mutamento dell'animo nell'eterna lotta ragione e istinto, cervello e cuore. Questo contrasto principalmente si nota nell'antagonismo tra Ralph e Jack due dei protagonisti. Uno è la ragione, l'altro l'istinto... Come finirà lo scontro?
    Affascinante è l'altro aggettivo che ho usato. Questo perchè il degrado e la regressione dell'uomo sono descritte in maniera magistrale con l'uso di simboli molto forti e con quella tensione emotiva sempre accesa. il tutto accentuato dal fatto che si tratta di ragazzi e bambini. Paesaggio e personaggi descritti molto bene e molto in dettaglio catapultano il lettore tra le foglie della foresta e in mezzo ai ragazzi. Impossibile non affezionarsi ad alcuni di loro oppure a detestarli e a me quando un romanzo suscita questa cosa è un romanzo che è valso la pena di essere letto.

    ha scritto il 

  • 2

    Empecé a leerlo porque me lo habían recomendado y no me ha gustado nada. Me ha parecido bastante sádico por decirlo de algún modo, que unos niños tan pequeños sean capaces de hacer lo que hacen. ...continua

    Empecé a leerlo porque me lo habían recomendado y no me ha gustado nada. Me ha parecido bastante sádico por decirlo de algún modo, que unos niños tan pequeños sean capaces de hacer lo que hacen.

    ha scritto il 

  • 4

    Speranza di un futuro, certezza del presente. Fidarsi della lancia o delle parole e di regole. Lavorare insieme, escludere gli inutili.
    Tante contraddizioni su un'isola deserta. La grande contraddizio ...continua

    Speranza di un futuro, certezza del presente. Fidarsi della lancia o delle parole e di regole. Lavorare insieme, escludere gli inutili.
    Tante contraddizioni su un'isola deserta. La grande contraddizione tra fumo e carne, tra essere o avere.

    ha scritto il 

  • 2

    Così così

    Sarà che conoscevo già la trama e la conseguente allegoria, sarà che lo stile non mi è affine e mi ha reso la lettura poco scorrevole...questo romanzo non mi ha entusiasmata, mi aspettavo di trovare d ...continua

    Sarà che conoscevo già la trama e la conseguente allegoria, sarà che lo stile non mi è affine e mi ha reso la lettura poco scorrevole...questo romanzo non mi ha entusiasmata, mi aspettavo di trovare delle cose in più rispetto a quelle che già conoscevo. Non è stato così quindi per me è sufficiente, niente di più.

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per
Ordina per