Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Il Signore di Parigi

I Racconti di Repubblica n° 18

By Alexander Lernet-Holenia

(152)

| Paperback

Like Il Signore di Parigi ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

16 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Storia originale e interessante, ma scritto come fosse un fumettone di altri tempi.Letto in un paio d'ore e mi aspettavo molto di piu' da Lernet Holenia, deludente.

    Is this helpful?

    Chequers58 said on Oct 26, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Flebile tentativo di avvicinamento a Lernet-Holenia, autore austriaco di "grandi intrecci romanzeschi" come cita la quarta di copertina del libercolo Adelphi.
    Sinceramente niente di memorabile ma si tratta comunque di un racconto di una cinquantina d ...(continue)

    Flebile tentativo di avvicinamento a Lernet-Holenia, autore austriaco di "grandi intrecci romanzeschi" come cita la quarta di copertina del libercolo Adelphi.
    Sinceramente niente di memorabile ma si tratta comunque di un racconto di una cinquantina di pagine che si legge in una volata e lascia poco entusiasmo.
    Variazione di un racconto già scritto da altri, non ricordo chi, ambientato in piena Rivoluzione con una trama fatta di scambi identitari, travisamenti e travestimenti, ombre profetiche e terrori patibolari. Ben scritto, ben tutto, ma niente di speciale.
    Tenterò con altri romanzi magari più strutturati e vedremo

    Is this helpful?

    Massi said on Jun 27, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Il libro che non rivoluziona

    L'ho trovato troppo sbrigativo e banale... ammetto che è sempre affascinante leggere un adelphi e che lo sfondo parigino rivoluzionario non stufa mai... però qui si poteva costruire sopra le ottime fondamenta una storia più robusta e passionale...

    Is this helpful?

    Giacomoconcato said on Jun 26, 2013 | Add your feedback

  • 2 people find this helpful

    [… ] nessuno di loro fu realmente il Signore di Parigi. In verità, soltanto il boia regnò durante la Grande Rivoluzione.
    Il Signore di Parigi era la Morte.

    Ancora una volta Alexander Lernet-Holenia ci narra del destino.
    Siamo a Parigi, anno 1 ...(continue)

    [… ] nessuno di loro fu realmente il Signore di Parigi. In verità, soltanto il boia regnò durante la Grande Rivoluzione.
    Il Signore di Parigi era la Morte.

    Ancora una volta Alexander Lernet-Holenia ci narra del destino.
    Siamo a Parigi, anno 1788, la Rivoluzione è nell’aria, imminente. In una sala sono riuniti diversi nobili e artisti, quando uno scrittore, tale Cazotte, conosciuto anche per le sue profezie, annuncia la morte di molti dei presenti (lui compreso), sacrificati sull’altare della Dea Ragione. Solo due, fra i presenti, due giovani innamorati, si salveranno dalla grande e terribile macchina della Rivoluzione.
    Un racconto che mostra la nostra vulnerabilità e impotenza di fronte a eventi più grandi di noi, come anche al destino. Abbiamo già il destino segnato, senza la possibilità di poterlo conoscere in anticipo. Ma, ci dice l’autore, anche se così non fosse, anche se potessimo sapere cosa ci aspetta… non saremmo in grado di cambiarlo.
    Un libro meno divertente di altri che ho letto di questo autore, ma comunque sempre molto piacevole.
    È un raccontino, molto breve, si legge in un’oretta.
    Mi ha ricordato un po’ il racconto di Wilde, Il delitto di Lord Arthur Savile, con il povero Cazotte a condividere la sfortunata sorte del “mago” della storia.
    Carino, una lettura d’evasione.

    Is this helpful?

    Lucy said on Sep 19, 2012 | Add your feedback

  • 13 people find this helpful

    La cesta del boia

    Il Signore di Parigi è il boia cittadino, un affidabile artigiano, un serio professionista.
    Teste calde prerivoluzionarie, teste coronate postrivoluzionarie, per lui non fa differenza: finiscono tutte nel suo bel cestino di vimini (probabilmente, anc ...(continue)

    Il Signore di Parigi è il boia cittadino, un affidabile artigiano, un serio professionista.
    Teste calde prerivoluzionarie, teste coronate postrivoluzionarie, per lui non fa differenza: finiscono tutte nel suo bel cestino di vimini (probabilmente, anche le tricoteuses in prima fila erano, e sarebbero state di lì in poi, sempre le stesse, plaudenti davanti al boia di turno e ai suoi mandanti).

    Il reazionario Holenia piazza il cavalletto sulla Rive Droit (ci mancherebbe) e butta giù un acquerello un po' frettoloso della Parigi a cavallo del 1789, applicando alla tela idee non originalissime.
    Prende dal suo maestro Perutz un po' di Turlupin, tiene a mente il suo Sogno in rosso per il profeta di sventure (ma io preferisco il folle Ananchin al rassegnato Cazotte), l'amour fou (si scrive così?) tra i protagonisti viene dritto dallo Stendardo.

    Il gioco un po' fatuo e un un po' crudele del destino e lo scetticismo sulle magnifiche sorti e progressive invece sono marca ALH, vecchio borioso aristocratico che credeva solo all'Aquila Bicipite, o almeno a quello che significava per lui. Io lo adoro (anche per questo).
    Ma Il Signore di Parigi è la cosa sua più trascurabile che abbia letto finora.

    Is this helpful?

    Rosenkavalier70 (Goodreading) said on Aug 25, 2012 | 4 feedbacks

  • 1 person finds this helpful

    Piccolo volumetto che, in poche righe, ti trasporta nella Rivoluzione francese. Con una scrittura così efficace anche una piccola storia diventa apprezzabile.

    Is this helpful?

    mavi said on May 8, 2012 | Add your feedback

Book Details

  • Rating:
    (152)
    • 5 stars
    • 4 stars
    • 3 stars
    • 2 stars
  • Paperback 46 Pages
  • ISBN-10: A000024014
  • Publisher: Gruppo Editoriale L'Espresso
  • Publish date: 1997-01-01
  • Also available as: Softcover
Improve_data of this book