Il Trecentonovelle

Di

Editore: UTET (Classici italiani)

3.8
(13)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 748 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Inglese

Isbn-10: 8802060568 | Isbn-13: 9788802060569 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Curatore: Davide Puccini

Disponibile anche come: Altri , Paperback

Genere: Narrativa & Letteratura , Storia , Umorismo

Ti piace Il Trecentonovelle?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
La più importante opera narrativa del XIV secolo dopo il "Decameron", il "Trecentonovelle", unisce alla gioiosa naturalezza dei dialoghi e agli effetti comici e bizzarri considerazioni morali e meditazioni più serie. Qualcosa in più di una risata legata a un motto di spirito, talvolta sguaiato e popolaresco, si accompagna alle piccole vicende ambientate a Firenze o nei luoghi d'Italia che il Sacchetti conobbe nel corso delle sue peregrinazioni. In un divertente mondo popolato di buffoni, giullari, artisti, monaci, imbroglioni, gentiluomini fiorentini, gli inganni inattesi, le zuffe e i parapiglia si fondono alle riflessioni sull'ingiustizia, sulla corruzione dei tempi, sulla fortuna, sui vizi e le virtù umani.
Ordina per
  • 4

    Sacchetti cerca di emulare Boccaccio e crea una raccolta di novelle dalla lunghezza generalmente inferiore a quelle boccaccesche e, al contrario di quest'ultime, spesso inserite negli eventi e tra i p ...continua

    Sacchetti cerca di emulare Boccaccio e crea una raccolta di novelle dalla lunghezza generalmente inferiore a quelle boccaccesche e, al contrario di quest'ultime, spesso inserite negli eventi e tra i protagonisti coevi all'Autore. Si sente la mancanza di una cornice narrativa simile a quella del Decameron; se non fosse per i menomi rimandi da una novella all'altra si potrebbe quasi dire che trattasi di un'elencazione di storie. Il linguaggio è molto più popolare e meno ricercato di quello di Boccaccio, ma il tutto rende l'insieme molto interessante per comprendere sociologicamente la vita quotidiana di certe fette della società toscana dell'epoca. Consigliabilissimo, spesso divertente. Un peccato non sia giunto integro.

    ha scritto il