Il Vajont dopo il Vajont (1963-2000)

Editore: Marsilio

4.3
(4)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: | Formato: Altri

Isbn-10: 8831796593 | Isbn-13: 9788831796590 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: I. Mattozzi , M. Reberschak

Ti piace Il Vajont dopo il Vajont (1963-2000)?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Ordina per
  • 5

    doveroso

    Non bellissimo...DOVEROSO!
    Ieri 16 Febbraio 2010, nell'aggiungere il mio primo libro alla biblioteca di aNobii - Taccuino Tedesco di Fabrizia Ramondino - notavo, con dispiacere, l'ennesimo sproloquio ...continua

    Non bellissimo...DOVEROSO!
    Ieri 16 Febbraio 2010, nell'aggiungere il mio primo libro alla biblioteca di aNobii - Taccuino Tedesco di Fabrizia Ramondino - notavo, con dispiacere, l'ennesimo sproloquio sul tema Vajont a firma vajont2003. Punzecchiato dall'"Anobium Punctatum" pensavo, scegliendo aNobii, di non trovare il solito clima dei più blasonati social network, dove "cianciare" è di casa...
    Tide 55, portavoce del neonato e "in crescita" http://www.mementoloci.altervista.org, invita ad una lettura "neutra" sull'argomento.
    (mi scuso con l'occasionale lettore di questa mia esternazione)

    ha scritto il 

  • 0

    ERGA OMNES....

    COSTOSISSIMO, rifrittura di testi precedenti, e costosa *cagata* - a detta di chi lo ha scorso tra i Sopravvissuti longaronesi degni di fede che conosco - che recensirò ADEGUATAMENTE appena mi sarà po ...continua

    COSTOSISSIMO, rifrittura di testi precedenti, e costosa *cagata* - a detta di chi lo ha scorso tra i Sopravvissuti longaronesi degni di fede che conosco - che recensirò ADEGUATAMENTE appena mi sarà possibile.
    Si tratta a naso di un'opera di cui non (NON) si sentiva il bisogno, dato anche che è stata raffazzonata e confezionata su ordine/supervisione del mandante Comune Mafioso Longaronese, in questo frangente schermato da 'studiosi' che servono da alibi e da foglia di fico, comunque compromettendoli.

    Anche l'alto co$to NON E' casuale: più costa, e meno si diffonde e viene letto, esorcizzando quindi la parola fatale. Ogni cosa a suo tempo: ben altri, credete, sono i documenti e i particolari da leggere. E NON si trovano certo in libreria, o da IBS o BOL... o nei supermercati come le artificiose zozzerie e cialtronate metafisiche di un Corona ...

    Ciò detto e ribadito, per chi *NON SA NULLA* del Vajont e quindi IGNORA (cfr. "ignorante") può essere di aiuto/conforto astratto. Nel solco, va da sè, delle pubblicazioni *anestetiche* (in ogni senso) diciamo 'autorizzate' (e lucrate) e concesse/imposte come in questo caso dalla cricca/confraternita longaronese.
    Quella che si fregia di una "Fondazione Vajont ONLUS" che nasce presieduta da un delinquente (Pierluigi De Cesero) con interessi "di famiglia" da occultare; con per direttore e segretario un ladro e diffamatore -fino in Cassazione-, e sponsorizzata da a) un faccendiere/pluri-sfruttatore del Vajont, e b) + c): due delinquenti condannati.

    Detta "ONLUS per la Memoria", nacque il 18 ottobre 2004. Il giorno successivo, e come primo atto formale della giornata (ore 10.00) il suo Presidente (De Cesero Pierluigi) in veste di Sindaco darà lo sfratto al Comitato dei Sopravvissuti del Vajont.
    Guadagnando nel suo palmarès una interrogazione parlamentare cui NON verrà mai data risposta, ma sufficiente a non realizzare quest'ONTA: ri-buttare sotto le stelle per la seconda, feroce volta, i Sopravvissuti... a Longarone. A 'soli' dieci giorni dalle commosse "celebrazioni ipocrite" ufficiali.

    AMEN
    ..........

    Postilla
    *********************
    «E' quasi come in Sicilia, mi creda; a Longarone si configurano gli elementi tipici della mafia. Non è questione di partito A o B; c'è un determinato giro fatto di poche persone all'interno del quale non entra nessuno. Il potere è in mano a costoro, cinque o sei persone a Longarone, e poi qualche diramazione fuori, cioè altre persone nei posti giusti, perché un sistema del genere non può sopravvivere se non c'è corruzione».
    Fonte: Giampaolo Pansa, Corriere della Sera, 9 ottobre 1973; sta sul libro della Vastano. Pagina 69, per la precisione.

    ****************************
    Comune di Longarone, mafioso dal dicembre 1964 e da me OGGI denunciato (gestione De Cesero 1999/2009) per associazione mafiosa e FALSO IDEOLOGICO (23 dicembre 2009). Sindaco, e 5 suoi consiglieri.
    E delinquente avvocato Paniz. Quello, per capirci, del caso Zornitta/Unabomber
    http://www.vajont.info/querMafiaDeCeseroPierluigi.jpg

    http://www.vajont.info/processo1Udine09PCiv.html
    ::::::::::::::::
    Aggiornamento luglio 2010:
    il tomo sta qui http://www.vajont.info/libri.html colla motivazione, e più specificamente, qui:
    http://www.vajont.info/vdv/1indice.html
    A seguire - ma ho molto, molto tempo - le "pagelle" saggio per saggio. E un paio di esposti alla magistratura da pubblicare e COMMENTARE.
    Ad maiora

    ha scritto il