Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Il Vangelo secondo Biff

Amico d'infanzia di Gesù

By Christopher Moore

(1176)

| Paperback | 9788865830017

Like Il Vangelo secondo Biff ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Tutti sanno come è nato e come è morto Gesù. La stella cometa, la mangiatoia, i Re Magi; e poi la passione, la crocifissione. Ma che cosa ha combinato dall'infanzia ai trent'anni? Su richiesta del Messia, a duemila anni dalla sua morte, un angelo fa Continue

Tutti sanno come è nato e come è morto Gesù. La stella cometa, la mangiatoia, i Re Magi; e poi la passione, la crocifissione. Ma che cosa ha combinato dall'infanzia ai trent'anni? Su richiesta del Messia, a duemila anni dalla sua morte, un angelo fa resuscitare il suo migliore amico, Levi detto Biff, a cui spetta il compito di scrivere un nuovo Vangelo che racconti finalmente la vera storia di Gesù di Nazaret. E quella di Biff è un'epopea ricca di miracoli, viaggi, scoperte, per non parlare di demoni, morti viventi, kung fu, folli monaci tibetani e pupe da sballo. Forse nemmeno l'astuzia e la devozione del migliore amico riusciranno a risparmiare al Salvatore il suo tragico destino, ma Biff non permetterà che si sacrifichi e ascenda al cielo senza aver lottato per impedirlo!

635 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Divertente, sarcastico, tenero: questo è Biff, amico di infanzia di Gesù che ci racconta i 30 anni del messia non coperti dai vangeli canonici.

    "Non sei bravo con le resurrezioni, Gesù. [...]"
    "Ma pensa a Simone detto Lazzaro, il fratello di Mad
    ...(continue)

    Divertente, sarcastico, tenero: questo è Biff, amico di infanzia di Gesù che ci racconta i 30 anni del messia non coperti dai vangeli canonici.

    "Non sei bravo con le resurrezioni, Gesù. [...]"
    "Ma pensa a Simone detto Lazzaro, il fratello di Maddi. Sono mesi che l'ho resuscitato, ormai."
    "Si, e ha un odore strano."
    "Non è vero."
    "No, sul serio. Da vicino puzza di carne avariata."
    "Come fai a saperlo? Tu non lo avvicini perchè prima era un lebbroso"
    "Me l'ha detto Taddeo l'altro giorno. Testuali parole: "Biff, credo che questo Simone Lazzaro sia andato a male"

    Che altro posso aggiungere? :D

    Is this helpful?

    Pollon said on Aug 21, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    C'è molto di più delle risate o del finale chiuso con troppa fretta.

    Credo che Moore possa scrivere davvero su tutto. Il bello è che non si sbrodola mai addosso, riesce sempre a diffondere la sua cultura senza essere altezzoso. Riesce a far riflettere mentre si sta con le lacrime agli occhi dal ridere. Il fatto che ri ...(continue)

    Credo che Moore possa scrivere davvero su tutto. Il bello è che non si sbrodola mai addosso, riesce sempre a diffondere la sua cultura senza essere altezzoso. Riesce a far riflettere mentre si sta con le lacrime agli occhi dal ridere. Il fatto che riesca a riportare tutti i suoi pensieri, trasformandoli in storie incredibili, per narrarle in modo semplice, alla portata di tutti, è sconvolgente.

    Lode a Moore e al suo progetto di riscrivere la storia.

    Is this helpful?

    quandonehovoglia said on Aug 21, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    impresa ambiziosa riuscita a metà: perchè se trasformare il vangelo in un racconto fantasy/comico senza scadere nella blasfemia era un'opera tutt'altro che semplice, l'impressione finale è che a conti fatti non ci si sia davvero sganasciati dalle ris ...(continue)

    impresa ambiziosa riuscita a metà: perchè se trasformare il vangelo in un racconto fantasy/comico senza scadere nella blasfemia era un'opera tutt'altro che semplice, l'impressione finale è che a conti fatti non ci si sia davvero sganasciati dalle risate quando era il momento di ridere e che non ci sia commossi a sufficienza in un finale sbrigativo che, nelle premesse, poteva essere invece davvero epico e struggente.

    Is this helpful?

    Nick Molise said on Aug 19, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    lungo, lunghissimo, insolitamente verboso per un libro di Moore, e sebbene ci sia qualcuna delle sue intuizioni anche il tono generale è meno divertente. Secondo me sconta il fatto di essere un po' "a tesi" (una tesi lodevole, eh, peraltro) per cui l ...(continue)

    lungo, lunghissimo, insolitamente verboso per un libro di Moore, e sebbene ci sia qualcuna delle sue intuizioni anche il tono generale è meno divertente. Secondo me sconta il fatto di essere un po' "a tesi" (una tesi lodevole, eh, peraltro) per cui lo consiglierei più a qualcuno che abbia bisogno di aprirsi un po' la mente (e l'umorismo di Moore è un'ottimo mezzo per farlo) che ai fan veri e propri di Moore

    Is this helpful?

    Lontano said on Aug 13, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Funny at first, but it kind of gets old at some point.

    Is this helpful?

    daniele said on Jul 26, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Tre e mezzo c:

    Che notevole scoperta Christopher Moore!
    Adorabile Biff con la sua ironia e il suo saper sdrammatizzare, è il vero protagonista del libro, che accompagnerà Gesù nel suo viaggio fino in oriente per imparare ad essere il Messia. Il libro in sé può ess ...(continue)

    Che notevole scoperta Christopher Moore!
    Adorabile Biff con la sua ironia e il suo saper sdrammatizzare, è il vero protagonista del libro, che accompagnerà Gesù nel suo viaggio fino in oriente per imparare ad essere il Messia. Il libro in sé può essere diviso in tre parti: nella prima, troviamo il racconto piuttosto fantasioso dei primi trent'anni della vita di Biff e del suo amico, essendo un viaggio di pura fantasia è piuttosto facile e divertente da leggere;nella seconda i due amici ritornano a casa e poiché a questo punto le vicende inventate si mescolano con quelle raccontate nei vangeli (che Moore dimostra di conoscere molto bene) la narrazione diventa meno divertente e più lenta, si perde un po' insomma per poi riprendere nello spettacolare finale, che a mio parere non poteva e non doveva essere diverso: le cose vanno come devono andare, ma l'amarezza è alleviata dalla dolcezza dell'epilogo. Che altro dire? Sono rimasta molto soddisfatta e leggerò sicuramente altro di questa nuova scoperta!

    Is this helpful?

    Eu said on Jul 22, 2014 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book