Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Il bacio e il sortilegio

Di

Editore: Nord (Narrativa Nord)

4.2
(202)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 375 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8842918229 | Isbn-13: 9788842918226 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: G. Zuddas

Disponibile anche come: eBook

Genere: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Science Fiction & Fantasy

Ti piace Il bacio e il sortilegio?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Dopo aver vendicato la morte della moglie, Imriel è libero di tornare a casa, dove lui e Sidonie rendono finalmente pubblica la loro relazione. La regina Ysandre, però, non può permettere che la delfina di Terre D'Ange si fidanzi col figlio della famigerata Mélisande Shahrizai, la donna che per ben due volte aveva cercato d'impadronirsi del regno e che poi era svanita nel nulla. Perciò, come segno della propria fedeltà, Imriel dovrà consegnare la traditrice alla giustizia, altrimenti Sidonie sarà diseredata. Grazie ai suoi legami con la Gilda Invisibile - una setta segreta ramificata in tutto il mondo - il giovane riesce a scoprire il nascondiglio della madre, ma proprio quando si prepara a partire, giunge a corte Astegal, l'ambizioso principe di Cartagine. Con un subdolo incantesimo, Astegal assoggetta al suo volere tutti gli abitanti di Terre D'Ange, compresa Sidonie, che accetta persino di sposarlo. Essendo l'unico rimasto immune, il principe Imriel si trova quindi costretto a chiedere aiuto al solo uomo che possa spezzare il potentissimo sortilegio: Ptolemy Solon, governatore della remota isola di Cytherea, nonché amante di Mélisande Shahrizai...
Ordina per
  • 4

    Kushiel's Mercy, pt.1

    Questa prima parte è stata un parto.
    Mi spiace, Mrs.Carey, ma a questo giro mi sono annoiata sul serio.
    Solo dall'arrivo a Cythera in poi la narrazione comincia a scorrere, e tutta la seconda metà del libro (Cartagine), l'ho letta in praticamente poche ore.
    Ma per arrivarci, Elu ...continua

    Questa prima parte è stata un parto.
    Mi spiace, Mrs.Carey, ma a questo giro mi sono annoiata sul serio.
    Solo dall'arrivo a Cythera in poi la narrazione comincia a scorrere, e tutta la seconda metà del libro (Cartagine), l'ho letta in praticamente poche ore.
    Ma per arrivarci, Elua, che fatica.
    E come si arriva al dunque, bam!, finisce il libro.
    Nord, chi nei sette Inferni vi ha fatto credere che spaccare la storia in due sia una buona idea?
    Comunque, quattro stelle perché la parte finale (centrale?) è bella davvero. Tutta la faccenda sull'incantesimo fatto a Imriel e la situazione successiva è stata davvero interessante, e anche se nemmeno a Cartagine succede nulla di particolarmente rilevante - all in the next, immagino - il ritmo è buono e la lettura diventa più scorrevole.
    Come al solito, anche se è un po' lenta, quando si tratta di tirare fuori buone idee Carey non delude mai, e non è stato nemmeno questa volta.
    Nonostante tutto, promosso a pieni voti anche questo.

    ha scritto il 

  • 5

    Da http://labellaeilcavaliere.blogspot.it/2013/01/il-bacio…

    È veramente difficile parlare di un’autrice come la Carey e non solo perché è in assoluto una delle mie preferite, ma anche perché non riesco a trovare parole adeguate per renderle giustizia.
    Prima di dar ...continua

    Da http://labellaeilcavaliere.blogspot.it/2013/01/il-bacio-e-il-sortilegio.html

    È veramente difficile parlare di un’autrice come la Carey e non solo perché è in assoluto una delle mie preferite, ma anche perché non riesco a trovare parole adeguate per renderle giustizia.
    Prima di darvi la mia opinione su Il bacio e il sortilegio, vorrei parlarvi brevemente degli altri libri di questa meravigliosa serie. Infatti questo è solo il penultimo libro della saga concentrata su Imriel, personaggio presente anche nella prima trilogia di questa autrice. I primi tre titoli della Carey, incentrati sulla figura sensuale e travolgente di Phèdre nò Delaunay, anguisette e spia della regina, sono: Il dardo e la rosa, La prescelta e l’erede, La maschera e le tenebre. La seconda trilogia concentrata, come ho già scritto, sul personaggio di Imriel è stata inspiegabilmente divisa a metà nella versione italiana, dando origine così a ben sei libri, di cui Il bacio e il sortilegio è il penultimo. Tutta questa introduzione non era per tediarvi a morte e scoraggiarvi dal leggere questi libri meravigliosi, ma per spiegarvi la mia difficoltà nel parlarvi dei libri senza fare spoiler. Un consiglio che mi sento in obbligo di darvi, nel caso foste interessati a leggerli, è quello di non leggere le quarte di copertina originali, soprattutto della seconda trilogia. Quello che svelano è al limite della denuncia per spoiler reiterati.
    Ma arriviamo finalmente a parlare del libro! (Pericolo spoiler)
    Inutile dire che mi ha catturata dall’inizio, come e più degli altri. Nonostante il personaggio di Imriel non possa essere paragonato a quello di Phèdre, ho sempre apprezzato la capacità della Carey di rendere i suoi conflitti interiori con disarmante semplicità. Imriel sa bene di non essere all’altezza dei suoi genitori adottivi, Phèdre nò Delaunay e Joscelin Verreuil, eroi del regno di Terre d’Ange, e la sua unica aspirazione è fare ammenda per le terribili azioni della madre naturale, colpevole di aver tradito la propria patria e averla gettata sull’orlo dell’invasione Skaldi. Ma il fato decide di gettare ancora scompiglio nella sua vita facendolo innamorare dell’unica ragazza a lui preclusa: la delfina di Terre d’Ange, Sidonie. In questo libro finalmente i due rendono pubblica la relazione ottenendo reazioni violente e contrastanti. Ysandre, regina e madre di Sidonie, dà un ultimatum a Imriel: se vorrà sposare Sidonie, dovrà prima riportare in patria sua madre perché venga giustiziata.
    Non mi sento di svelarvi altro della trama, soprattutto perché vi rivelerei colpi di scena che meritano di essere assaporati senza anticipazioni. Ho già detto che questo libro mi è piaciuto più degli altri, e il motivo è l’incredibile complessità delle trame che si dipanano dall’inizio alla fine, lasciando sempre la sensazione che ci sia qualcosa che sfugge. Ma, soprattutto, sono rimasta ammaliata dalla forza dei personaggi e dai risvolti imprevisti. Un personaggio che mi ha sorpreso è stata proprio la madre di Imriel, Mélisande. Nella prima trilogia è la cattiva della situazione, priva di scrupoli e ambiziosa, riesce a sconvolgere l’intero regno con le sue trame. Ne Il bacio e il sortilegio diventa una madre preoccupata per la sorte del figlio (metamorfosi che era già avvenuta ne La maschera e le tenebre, ma che ora raggiunge una profondità nuova e inaspettata). Nonostante sappia che il figlio vuole la sua morte, o almeno è rassegnato a riportarla in patria perché venga eseguita la condanna, il suo intervento nella vicenda sarà essenziale per la salvezza della stessa terra che ha tradito.
    Come negli altri libri della Carey, anche in questo è sempre presente il fulcro di tutta la vicenda: il precetto del Beato Elua e dei suoi compagni. Elua era il figlio di dio che camminò tra gli uomini diffondendo un unico insegnamento: Ama a tuo piacimento. Tutta Terre D’Ange segue questo insegnamento, ognuno a modo proprio, e il rapporto sessuale è vissuto come qualcosa di sacro, tanto che nel regno novizi di tutte le età e si dedicano a servire le arti di Naamah, giacendo con chi chiede i loro servigi. Trovo che proprio questo sia il punto di forza delle due trilogie. Il mondo creato dalla Carey non è solo incantevole, ma indaga aspetti profondi e oscuri della personalità umana, ignorando i tabù e riuscendo a creare personaggi che restano nel cuore. Ancora adesso, nonostante abbia letto la prima trilogia diversi anni fa, ogni volta che leggo il nome di uno di personaggi mi commuovo.
    Come avrete intuito, ho già iniziato a leggere l’ultimo libro e sono sull’orlo della disperazione, sapendo che presto dovrò abbandonare personaggi che mi hanno tenuto compagnia per tanti anni.
    Se volete iniziare questa saga siete avvisati: crea dipendenza!

    Alaisse

    ha scritto il 

  • 3

    Non c'è niente da fare...Imriel non è Phèdre. Continuo ad aspettare che torni il pathos della prima trilogia, ma anche se l'atmosfera è quella giusta, Terre d'Ange è ancora la terra degli angeli e Elua e i suoi Compagni rimangono affascinanti come sempre, la storia non riesce a decollare...Per da ...continua

    Non c'è niente da fare...Imriel non è Phèdre. Continuo ad aspettare che torni il pathos della prima trilogia, ma anche se l'atmosfera è quella giusta, Terre d'Ange è ancora la terra degli angeli e Elua e i suoi Compagni rimangono affascinanti come sempre, la storia non riesce a decollare...Per dare un giudizio definitivo però aspetto il secondo volume, perchè non si può giudicare il pasto solo dalla prima portata...speriamo...

    ha scritto il 

  • 5

    Con questo capitolo della saga la Carey si è giocata la condizionale. La prima metà del libro sembra un romanzo rosa da quattro soldi: oltre cento pagine di smancerie e lagnanze insostenibili. Onestamente, dei ripetuti momenti di passione tra Imriel e la sua amata me ne frega solo fino ad un cert ...continua

    Con questo capitolo della saga la Carey si è giocata la condizionale. La prima metà del libro sembra un romanzo rosa da quattro soldi: oltre cento pagine di smancerie e lagnanze insostenibili. Onestamente, dei ripetuti momenti di passione tra Imriel e la sua amata me ne frega solo fino ad un certo punto. Un po' ci può stare, troppo diventa fastidioso.
    Cinque stelle per la fiducia, perchè una piccola caduta di stile può capitare a qualsiasi scrittore, e soprattutto perchè dalla partenza per Cartagine in avanti la storia torna ad essere appassionante e coivolgente, in accordo con il perfetto stile a cui l'autrice ci ha ormai abituato. La trama promette molto bene e confido in una degna conclusione nell'ultimo volume.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    5

    Il bacio e il sortilegio e la Spada e la Promessa sono state, a mio avviso, la degna conclusione di una saga che ha unito il coraggio, il fascino del proibito, la passione, la rabbia in un mix da tenere sempre nel cuore.. Grazie a questi due libri ho continuato a sognare e a combattere insieme a ...continua

    Il bacio e il sortilegio e la Spada e la Promessa sono state, a mio avviso, la degna conclusione di una saga che ha unito il coraggio, il fascino del proibito, la passione, la rabbia in un mix da tenere sempre nel cuore.. Grazie a questi due libri ho continuato a sognare e a combattere insieme a Imriel de la Courcel, un ragazzo che, a soli 22 anni, ha affrontato molte prove e ha dimostrato di non essere solo il figlio di una traditrice, ma una persona che sa amare e che sa tenere alle cose che ama... A partire dal suo più grande amore, la principessa reale, Sidonie de la Courcel..
    Nel primo libro, o per meglio dire nella prima parte, sembrava che finalmente Sidonie e Imriel possono finalmente amarsi.. Imriel esce distrutto dalla morte di Dorelei e dalla morte del figlio e meriterebbe un pò di serenità... Ma cosa fare quando subdolo principe cartaginese assoggetta il cuore e la mente di un'intera città e tu sei l'unico a risolvere tutto? Ed ecco così che Imriel, grazie anche all'aiuto della sua scaltra madre, la famosa Melisande, fuggita tempo fa per evitare la condanna a morte, dovrà dare inizio a un sacco di avventure, l'una più coinvolgente dell'altra, in cui i nemici di un tempo diventano amici, e gli amici diventono nemici...Sidonie è stata presa da Astegal e Imriel viene considerato pazzo.. Ma che cosa faresti per far recuperare il tuo amore perduto? E da qui l'idea di trasformarsi in un altro personaggio,Leander, un suo lontano parente,e cerca di far recuperare la memoria a Sidonie... Molto bella e commovente il momento in cui entrambi recuperano la memoria e si accorgono di essere stati ingannati...

    ha scritto il 

Ordina per