Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Il bambino di cioccolato

Dieci storie di bambini e adolescenti nella narrazione esemplare del loro psicoterapeuta

Di

Editore: Ponte alle Grazie

4.0
(13)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 224 | Formato: Altri

Isbn-10: 8862200196 | Isbn-13: 9788862200196 | Data di pubblicazione: 

Ti piace Il bambino di cioccolato?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
I fatti di cronaca hanno sempre più spesso per protagonisti bambini ed adolescenti; e non solo nelle vesti di vittime, ma anche di carnefici.
Il disagio, la sofferenza possono tradursi in mutismo ed estraneazione come in violenza e bullismo, oppure - sotto forme meno eclatanti - in uno scarso rendimento scolastico o un generale atteggiamento di sfida nei confronti dei genitori. Allarmati, questi ultimi e sovente le scuole chiedono l'intervento degli psicoterapeuti.
Roberto Grande è uno di questi psicoterapeuti. Le storie che narra in questo libro, che sulla scia di Oliver Sacks è prima di tutto un'opera narravia imbastita su una scrittura di sicura qualità, sono i casi esemplari di cinque bambini e cinque adolescenti.
In primo piano ci sono loro, e con loro la voce del terapeuta, dei suoi dubbi, delle sue ansie, della sua rabbia di fronte a ciò che sta attorno a a questi bambini e adolescenti: un mondo di fretta, di soldi, di consumi, di parole mal dette o mai dette, di emozioni soffocate, di paure. Di genitori distratti che, per un figlio "malfunzionante", chiedono solo una rapida riparazione. Di un mondo adulto solo in apparenza, al quale bisogna chiedere di crescere per i suoi figli, insieme a loro, affinchè diventi un mondo migliore di questo.
Ordina per
  • 3

    Spunti interessanti di riflessione, stile troppo tranchant

    Interessante spunto per genitori, un po' troppo pieno di sè dall'alto delle citazioni erudite e del punto di vista pieno di giudizio con cui analizza i genitori.

    ha scritto il