Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Il bambino filosofo

Come i bambini ci insegnano a dire la verità, amare e capire il senso della vita

Di

Editore: Bollati Boringhieri

3.4
(12)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 256 | Formato: Copertina rigida

Isbn-10: 8833920593 | Isbn-13: 9788833920597 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Curatore: F. Gerla

Genere: Children , Fiction & Literature , Philosophy

Ti piace Il bambino filosofo?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Cos'hanno in mente i nostri figli quando, appena in grado di parlare, si impegnano con tutta la serietà di cui sono capaci nella costruzione di realtà immaginarie? Come si articolano i loro stati coscienti, apparentemente più simili a un magma fangoso che al trasparente flusso cartesiano di cui ci parlano i filosofi? Cosa ci può dire la loro mente sul nostro modo di pensare? Alison Gopnik si muove in una terra di confine, tra scienza, filosofia e sentimenti di una madre, per mostrarci che i nostri bambini sono tutt'altro che esseri irrazionali o limitati nelle loro capacità intellettuali. Anzi, ci sono buone ragioni per credere che siano molto più intelligenti, perspicaci e consapevoli degli adulti. Lo studio del loro comportamento ci avvicina così ai fondamenti del nostro essere uomini: gli occhi di un neonato che catturano lo sguardo del genitore ci spiegano cosa sono amore e fedeltà, mentre le esplorazioni instancabili di un bambino appena più grande nascondono le ragioni che ci muovono verso la ricerca scientifica e la scoperta di nuovi mondi. Il libro di Gopnik è destinato a trasformare il modo in cui guardiamo ai nostri figli e in cui pensiamo al nostro ruolo di adulti.
Ordina per
  • 4

    Bello nonostante la solita ridicola presupponenza degli psicologi

    Libro molto interessante. Ovviamente, come al solito, il traduttore è un cane (tra le varie chicche a un certo punto cita dei fantomatici fratelli Bronte).
    Il libro è ricco di spunti interessanti e di informazioni utili.
    Bisogna come al solito sorvolare sulla maniera di esporre tipica ...continua

    Libro molto interessante. Ovviamente, come al solito, il traduttore è un cane (tra le varie chicche a un certo punto cita dei fantomatici fratelli Bronte).
    Il libro è ricco di spunti interessanti e di informazioni utili.
    Bisogna come al solito sorvolare sulla maniera di esporre tipica degli psicologi.
    Ogni affermazione viene infatti riportata o come rivelazione apodittica dettata dal buon senso (non si capisce di chi) o come dato dimostrato inoppugnabilmente da rigorosissimi esperimenti 'scientifici'!!!
    I cosiddetti esperimenti scientifici sono in genere osservazioni statistiche sul comportamento dei bimbi e deduzioni arbitrarie sul significato di tale comportamento.
    Comunque sia i risultati degli esperimenti sono interessanti, come pure le teorie costruite a partire da quei dati.
    Basta sorvolare sul fatto che queste teorie vengono riportate come verità assolute.
    ***********************************
    Riletto ora che mio figlio ha 3 anni: ormai da un po' di tempo chiudo un occhio riguardo ai difetti di cui parlavo più sopra e mi godo di più alcuni libri, come questo, che costituiscono comunque una lettura interessante, piacevole e istruttiva.
    Leggendolo con un figlio di 3 anni si ha un aiuto notevole a dare una maggiore importanza a cose che altrimenti, con la nostra ottica da adulti, diamo per scontate. Consigliatissimo.

    ha scritto il 

  • 4

    Se ti prendi cura di un bimbo...

    ... Il bambino filosofo di Alison Gopnik è una lettura fondamentale.
    Non è mai semplice forse perché non è mai banale. Non è mai difficile perché basta spostare lo sguardo sul proprio cucciolo per ritrovare la teoria nella pratica.
    Questo libro è una lettura importante anche se ...continua

    ... Il bambino filosofo di Alison Gopnik è una lettura fondamentale.
    Non è mai semplice forse perché non è mai banale. Non è mai difficile perché basta spostare lo sguardo sul proprio cucciolo per ritrovare la teoria nella pratica.
    Questo libro è una lettura importante anche se non ci si prende cura direttamente di un bambino. Perché tutti noi siamo stati bambini. Perché tutti noi, al fondo, siamo anche un po' bambini.
    Infine, consiglio la lettura di questo libro perché, come scrive l'autrice: Per gli esseri umani, inclusi i bambini piccoli, la comprensione del mondo è inestricabilmente connessa alla possibilità di cambiarlo. E tenere a mente questo fatto è il viatico migliore per stare al mondo. Anche da adulti.

    ha scritto il 

  • 4

    Il bambino filosofo è un bel libro, che tuttavia trova a fatica il suo equilibrio fra scienza e divulgazione. In alcune occasioni, le parti più strettamente di scienza cognitiva potrebbero essere meglio approfondite, mentre si privilegiano discorsi più intuitivi e facilmente comprensibili. In ogn ...continua

    Il bambino filosofo è un bel libro, che tuttavia trova a fatica il suo equilibrio fra scienza e divulgazione. In alcune occasioni, le parti più strettamente di scienza cognitiva potrebbero essere meglio approfondite, mentre si privilegiano discorsi più intuitivi e facilmente comprensibili. In ogni caso, Alison Gopnik propone riflessioni interessanti sul modo in cui i bambini apprendono a relazionarsi con il mondo e le persone che li circondano e, soprattutto, sul modo in cui la visione del mondo dei genitori è modificata dai bambini e sul ruolo creativo che i bambini hanno nella società. Pur essendo ambientato negli USA e riflettendo gli usi e la cultura di quel paese, il libro trova la sua massima utilità per ciò che non viene scritto esplicitamente, ma è implicito nella descrizione delle relazioni fra adulti e bambini e come esse influenzino, o non riescano ad influenzare, i processi di apprendimento dei piccoli. La riflessione su questi elementi impliciti può essere molto utile anche per i genitori italiani.

    ha scritto il