Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Il bambino indaco

Di

Editore: Einaudi

3.6
(357)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 132 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8806210149 | Isbn-13: 9788806210144 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Disponibile anche come: eBook

Genere: Children , Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature

Ti piace Il bambino indaco?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Forse non è così vero che l'istinto materno non sbaglia mai. A volte scegliamo di non dare peso a una piccola crepa, un'incrinatura impercettibile, che a poco a poco scalfisce, fino a squarciare. Così succede a Carlo, che all'improvviso si ritrova inerme «come chi è rimasto dalla parte sbagliata di un fiume dopo il crollo di un ponte». Perché Isabel, sua moglie, lotta contro i propri demoni nell'accanito inseguimento di una purezza assoluta. Che svuota, logora, annienta. Anche il loro bambino. Marco Franzoso ha scritto una storia attuale e sovversiva, che sfida molti luoghi comuni. Una storia dura raccontata in punta di penna, che non ti togli piú dalla testa.
Ordina per
  • 3

    Una storia tragica, una madre che esce fuori di testa con la sua ossessione del cibo contaminato, una nonna (paterna) molto preoccupata, ma quello che ho trovato inverosimile in questa storia è stato ...continua

    Una storia tragica, una madre che esce fuori di testa con la sua ossessione del cibo contaminato, una nonna (paterna) molto preoccupata, ma quello che ho trovato inverosimile in questa storia è stato il padre: va bene la fiducia iniziale nella moglie, la debolezza di carattere ...... ma quando vedi quello che (non) mangia tuo figlio e quando lo senti piangere per la fame e lo sfinimento, giorno dopo giorno, notte dopo notte...... ci sono mille modi per strappare questo bambino a questa sorte ingrata e non lasciarlo in balìa di una mente alienata!

    ha scritto il 

  • 5

    da tempo non leggevo un libro così avvincente, che non riesci a staccarti di mano, persaperecomevaafinire - no, perché come va a finire (più o meno) lo si sa dal primo capitolo. e nonostante l'angosci ...continua

    da tempo non leggevo un libro così avvincente, che non riesci a staccarti di mano, persaperecomevaafinire - no, perché come va a finire (più o meno) lo si sa dal primo capitolo. e nonostante l'angoscia profonda che la vicenda suscita. scrittura controllata, essenziale, efficacissima; sguardo sul presente lucido e acuto.
    l'unico dubbio potrebbe riguardare carattere dell'io narrante - coprotagonista, che a volte ci si chiede come faccia a essere così arrendevole; ma la vita è così, càpita di fare cose che non si vorrebbero fare, perché non si trova la forza o il coraggio di opporsi all'andamento degli eventi.

    ha scritto il 

  • 0

    l'ho letto perchè ho dovuto combattere contro una collega che si era fissata con il biologico, l'integrale, il bio-dinamico, l'essere vegetariani prima, vegani poi, ecc, ecc. tutti sport che a me semb ...continua

    l'ho letto perchè ho dovuto combattere contro una collega che si era fissata con il biologico, l'integrale, il bio-dinamico, l'essere vegetariani prima, vegani poi, ecc, ecc. tutti sport che a me sembrano degni dei testimoni di geova. non ho nulla al contrario, io stesso sono al 90% vegetariano e penso che l'italia dovrebbe produrre solo bio, ma è il fanatismo salutista, l'integralismo vaquo che si impossessa di sti poveri cristi che mi fa orrore. leggete sto romanzetto, è scritto male, ma ve lo consiglio per il contenuto. lo so, sto diventando vecchio e buono

    ha scritto il 

  • 4

    Bello e struggente questo piccolo libro che racconta una storia che colpisce duro, ti toglie il fiato e fa pensare.
    Nell’epoca delle “nuove “ tendenze alimentari, dove sempre più persone vivono il rap ...continua

    Bello e struggente questo piccolo libro che racconta una storia che colpisce duro, ti toglie il fiato e fa pensare.
    Nell’epoca delle “nuove “ tendenze alimentari, dove sempre più persone vivono il rapporto con il cibo come una religione fatta di riti e purificazioni, può succedere che qualcosa sfugga pericolosamente al controllo portando dalla normalità all’ossessione. Ed è questo che capita a Isabel, moglie e futura madre, che desiderosa di mettere al mondo un figlio speciale (indaco appunto) si attiene a tutta una serie di restrizioni alimentari che si traducono in breve in pericoli per la sua salute e per quella del bambino, che una volta nato non riuscirà a crescere adeguatamente perché privato di un giusto apporto calorico.
    “Mise da parte il libro, mi prese la mano e mi chiese di ascoltarla con la massima attenzione. Mi raccontò di asceti finlandesi che non toccavano cibo da anni e stavano benissimo, di guru pachistani che praticavano la levitazione del corpo come fosse la ginnastica più naturale del mondo. Parlò di fotosintesi e mi spiegò come le piante traessero dalla luce non solo l’energia per vivere ma anche il legno stesso di cui erano costituite. – La luce è materia - concluse soddisfatta come avesse dimostrato un complicato teorema matematico. Un teorema che riguardava anche lei. Soprattutto lei, perché da qualche settimana Isabel aveva smesso di ingerire cibi solidi. Si giustificava ripetendo che nel mondo tutto era contaminato, l’aria che respiravamo, l’acqua che bevevamo, e ovviamente il cibo che mangiamo. Ogni elemento che penetrava nel nostro corpo in un tempo oscuro come quello, di caduta vertiginosa verso il nulla occidentale, non faceva che inocularvi una dose letale di malattia che a breve ci avrebbe portati tutti alla morte. Fu così che scartando ogni giorno un nuovo cibo avvelenato, non le rimase più nulla di cui nutrirsi”
    Cosa può fare un marito, un padre per evitare una catastrofe annunciata?
    Il libro è si apre come un giallo, sulla scena del crimine e ripercorrere gli eventi che portano alla tragedia

    ha scritto il 

  • 4

    è una lama penetrante, un viaggio nell'animo fragile. Ogni pagina è un precipitare in un abisso non di fantascienza ma reale: una vita qualunque e un dolore latente. Amore estremo e dolore estremo...T ...continua

    è una lama penetrante, un viaggio nell'animo fragile. Ogni pagina è un precipitare in un abisso non di fantascienza ma reale: una vita qualunque e un dolore latente. Amore estremo e dolore estremo...Tutto inizia da un appuntamento al bui...un pò come le nostre scelte quotidiane...

    ha scritto il 

Ordina per