Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Il bambino indaco

Di

Editore: Einaudi

3.6
(368)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 132 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8806210149 | Isbn-13: 9788806210144 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Disponibile anche come: eBook

Genere: Children , Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature

Ti piace Il bambino indaco?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Forse non è così vero che l'istinto materno non sbaglia mai. A volte scegliamo di non dare peso a una piccola crepa, un'incrinatura impercettibile, che a poco a poco scalfisce, fino a squarciare. Così succede a Carlo, che all'improvviso si ritrova inerme «come chi è rimasto dalla parte sbagliata di un fiume dopo il crollo di un ponte». Perché Isabel, sua moglie, lotta contro i propri demoni nell'accanito inseguimento di una purezza assoluta. Che svuota, logora, annienta. Anche il loro bambino. Marco Franzoso ha scritto una storia attuale e sovversiva, che sfida molti luoghi comuni. Una storia dura raccontata in punta di penna, che non ti togli piú dalla testa.
Ordina per
  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    4

    Premetto che mi aspettavo qualcosa di diverso. Insomma non si parla di bambini indaco (e questa potrebbe essere un'anticipazione sgradita!)
    Nel complesso il tema affrontato è davvero complesso: dove i ...continua

    Premetto che mi aspettavo qualcosa di diverso. Insomma non si parla di bambini indaco (e questa potrebbe essere un'anticipazione sgradita!)
    Nel complesso il tema affrontato è davvero complesso: dove il bene sfocia in una lucida follia? Dove la cura per se' stessi e per l'ambiente sfocia in fanatismo? Dove l'impotenza sfocia in aggressività estrema?
    Mi è piaciuto molto il libro nel suo complesso; come l'autore affronta certi temi "scomodi" o "difficili" e il modo in cui sono narrati (la scrittura in senso lato)...non ci sono fronzoli, ne' inutili aspetti che avrebbero potuto annoiare il lettore; tutto è riassunto in poche pagine e molte emozioni traspaiono semplicemente, senza che vengano esposte in maniera maniacale.
    Davvero un bel romanzo. Consigliatissimo!

    ha scritto il 

  • 3

    Storia di dolore, impotenza, follia

    Purtroppo queste cose possono accadere... è una storia terribile di dolore, impotenza e follia... ma anche di amore. L'ho letto quasi d'un fiato; l'ho trovato anche ben scritto.

    ha scritto il 

  • 3

    Non mi convince.

    Mah, mi ha lasciata un pò perplessa. L'inizio mi ha intrigata subito, tant'è che l'ho letto in mezza giornata. Tra i pochi personaggi spicca sicuramente Isabel, mentre il marito/padre è veramente ins ...continua

    Mah, mi ha lasciata un pò perplessa. L'inizio mi ha intrigata subito, tant'è che l'ho letto in mezza giornata. Tra i pochi personaggi spicca sicuramente Isabel, mentre il marito/padre è veramente insipido. A tratti irreale. Non ho capito come mai la storia precipiti nel giro di un paio di pagine, cioè la madre da una pagina all'altra si trasforma da "eccentrica" a pazza furiosa, solo per aver letto un paio di riviste.
    Peccato.

    ha scritto il 

  • 3

    Una storia tragica, una madre che esce fuori di testa con la sua ossessione del cibo contaminato, una nonna (paterna) molto preoccupata, ma quello che ho trovato inverosimile in questa storia è stato ...continua

    Una storia tragica, una madre che esce fuori di testa con la sua ossessione del cibo contaminato, una nonna (paterna) molto preoccupata, ma quello che ho trovato inverosimile in questa storia è stato il padre: va bene la fiducia iniziale nella moglie, la debolezza di carattere ...... ma quando vedi quello che (non) mangia tuo figlio e quando lo senti piangere per la fame e lo sfinimento, giorno dopo giorno, notte dopo notte...... ci sono mille modi per strappare questo bambino a questa sorte ingrata e non lasciarlo in balìa di una mente alienata!

    ha scritto il 

  • 5

    da tempo non leggevo un libro così avvincente, che non riesci a staccarti di mano, persaperecomevaafinire - no, perché come va a finire (più o meno) lo si sa dal primo capitolo. e nonostante l'angosci ...continua

    da tempo non leggevo un libro così avvincente, che non riesci a staccarti di mano, persaperecomevaafinire - no, perché come va a finire (più o meno) lo si sa dal primo capitolo. e nonostante l'angoscia profonda che la vicenda suscita. scrittura controllata, essenziale, efficacissima; sguardo sul presente lucido e acuto.
    l'unico dubbio potrebbe riguardare carattere dell'io narrante - coprotagonista, che a volte ci si chiede come faccia a essere così arrendevole; ma la vita è così, càpita di fare cose che non si vorrebbero fare, perché non si trova la forza o il coraggio di opporsi all'andamento degli eventi.

    ha scritto il 

Ordina per