Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Il bambino indaco

Di

Editore: Einaudi

3.6
(331)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 144 | Formato: eBook

Isbn-10: 8858405447 | Isbn-13: 9788858405444 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Disponibile anche come: Paperback

Genere: Children , Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature

Ti piace Il bambino indaco?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Forse non è cosí vero che l'istinto materno non sbaglia mai. A volte scegliamo di non dare peso a una piccola crepa, un'incrinatura impercettibile, che a poco a poco scalfisce, fino a squarciare. Cosí succede a Carlo, che all'improvviso si ritrova inerme «come chi è rimasto dalla parte sbagliata di un fiume dopo il crollo di un ponte». Perché Isabel, sua moglie, lotta contro i propri demoni nell'accanito inseguimento di una purezza assoluta. Che svuota, logora, annienta. Anche il loro bambino. Marco Franzoso ha scritto una storia attuale e sovversiva, che sfida molti luoghi comuni. Una storia dura raccontata in punta di penna, che non ti togli piú dalla testa. «Quando infine mi passarono il bambino, una fitta di felicità mi lacerò il petto. Respirai forte per non crollare. Lo tenni in braccio e pensai che ce l'avevamo fatta. Almeno fino a lí ce l'avevamo fatta».
Ordina per
  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    4

    Commovente, appassionante a tratti struggente. In questo libro si evince, in ogni sua parte, il potere di un amore (se così si può definire) malato, egoistico e borderline. Ma anche la forza e la tena ...continua

    Commovente, appassionante a tratti struggente. In questo libro si evince, in ogni sua parte, il potere di un amore (se così si può definire) malato, egoistico e borderline. Ma anche la forza e la tenacia di una donna matura che protegge il figlio e, nonostante tutto, salva la vita del nipote. Un amore incondizionato che supera ogni limite. Da leggere.

    ha scritto il 

  • 2

    Poco incisivo

    Si legge in fretta, e lascia solo stupore per il poco spessore dei personaggi. Il padre buono ma debole, la madre perfida integralista, la nonna sceriffo che prende in mano la situazione e interviene ...continua

    Si legge in fretta, e lascia solo stupore per il poco spessore dei personaggi. Il padre buono ma debole, la madre perfida integralista, la nonna sceriffo che prende in mano la situazione e interviene là dove il padre non riesce a reagire.
    Dicono che il film sia molto bello: il regista deve aver fatto miracoli.
    Come sempre: due stelle uguale deludente.

    ha scritto il 

  • 0

    [..]se da una parte questa storia mi ha lasciato senza più alcuna attesa nei confronti della vita, dall'altra mi ha fatto comprendere che proprio questa assenza è il fine ultimo della vita.

    Non do stelline a questo libricino di Franzoso perché questa non è una storia da valutare, è una storia da assimilare per cercare di comprendere il comportamento di entrambi i protagonisti, madre e pa ...continua

    Non do stelline a questo libricino di Franzoso perché questa non è una storia da valutare, è una storia da assimilare per cercare di comprendere il comportamento di entrambi i protagonisti, madre e padre. Lascia un profondo sconcerto pensare a quell'amore materno, talmente distorto da portare il proprio bambino ad un passo dalla morte per fame, così come lascia sgomenti la passività del padre, incapace di reagire di fronte ad una situazione così drammatica. Riecheggia ancora nelle mie orecchie il pianto debole e quasi rassegnato del piccolo Pietro.
    Ottimo anche il film che ne hanno tratto.

    Tutto aveva una vibrazione per lei. Tutto aveva un senso, tutto aveva un ruolo nel percorso della redenzione e della purificazione, tutto stava per qualcos'altro e tendeva a qualcos'altro. Tutto doveva rientrare nel progetto di emancipazione dell'uomo dalla volgarità dell'esistente.

    ha scritto il 

  • 4

    Leggere questo libro si è rivelato faticoso, non perché sia difficile da comprendere, anzi la storia è molto scorrevole e io non ho avuto la forza di lasciarlo fino a quando non l'ho terminato. Fatico ...continua

    Leggere questo libro si è rivelato faticoso, non perché sia difficile da comprendere, anzi la storia è molto scorrevole e io non ho avuto la forza di lasciarlo fino a quando non l'ho terminato. Faticoso perché, mentre lo leggi non riesci a stare fermo e ti assale rabbia, angoscia, impotenza, sdegno e molte altre emozioni, tutte negative. Carlo e Isabel si conoscono, si innamorano, si sposano e scoprono di aspettare un bambino tutto alla velocità della luce. Per Carlo non è un problema bruciare le tappe, Isabel è la donna perfetta per lui e costruire una famiglia con lei è ciò che desidera. Isabel durante la gravidanza si impone un regime alimentare rigido, è convinta che ogni alimento sia contaminato e rappresenti un pericolo per lei e il bambino che porta in grembo. Già questo dovrebbe rappresentare un campanello d'allarme per Carlo, che invece non contesta la decisione della moglie. Quando il bambino nasce, le cose iniziano a complicarsi, anche lui viene sottoposto a questa specie di dieta ferrea e le conseguenze non sono positive nè per la salute del bambino nè per il rapporto tra moglie e marito che inizia a inclinarsi. Mi sono chiesta più volte durante la lettura cosa spinge una madre a comportarsi in questo modo, come non riesca a non accorgersi del male che sta infliggendo al suo bambino, come viva così scollegata dalla realtà che la circonda. Le intenzioni sono buone, il ragionamento di Isabel è prodotto dal movente di voler proteggere suo figlio. Possiamo però giustificare sempre tutto con il troppo amore? Non credo. Qui si tratta di una madre che mette in pericolo la vita del figlio, e di un padre che si accorge troppo tardi di ciò che accade e nel momento in cui deve agire, lo fa' con troppa cautela, prendendo tempo che non ha. Disturba leggere un libro come questo, dove ami la storia ma non puoi fare a meno di detestare i suoi protagonisti.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    3

    Marco Franzoso

    Il bambino indaco è il romanzo del 2012 dal quale Saverio Costanzo ha tratto il (bel) film Hungry Hearts, uscito nel gennaio 2015. Il testo è breve, come una novella thriller, dove il thrilling è sopr ...continua

    Il bambino indaco è il romanzo del 2012 dal quale Saverio Costanzo ha tratto il (bel) film Hungry Hearts, uscito nel gennaio 2015. Il testo è breve, come una novella thriller, dove il thrilling è soprattutto psicologico. Ha i pregi necessari per fare dignitosamente parte di quel filone letterario: la compattezza delle idee e della scrittura, e un crescendo da incubo che ribalta la normalità dello scontato e del quotidiano; nello specifico, è il nido familiare a essere messo in discussione.

    Marco Franzoso pecca di una schematicità un po’ ingenua nella divisione dei ruoli, con i buoni da una parte (maschi, marito-padre e carabiniere buono) e le cattive dall’altra (femmine, madre sNatura e assistente sociale frustrata). Il personaggio di Isabel, giovane moglie e madre che improvvisamente palesa un disagio psichico pericoloso e incontrollabile, è caratterizzato attraverso l’ossessione per dottrine New Age e i disturbi dell’alimentazione, con un’ortoressia che si trasforma rapidamente in anoressia. Franzoso è bravo a non usare mai nessuna di queste parole, descrivendo però con puntiglio il fenomeno. Costruisce un ritratto di maternità disturbata interessante per le dinamiche che descrive: la donna da quando diventa madre è abbandonata a se stessa come se fosse infusa di un sapere magico, e ci si aspetta che sia l’unica responsabile della salute psicofisica propria e dei figli; nella storia di Franzoso è proprio Isabel ad affermare con convinzione granitica di sapere cosa è meglio per il suo bambino, e Carlo, marito e voce narrante, non riesce a controbattere a un argomento così universalmente condiviso, nemmeno di fronte all’evidente malnutrizione del suo pargolo.

    L’effetto di tensione disturbante del romanzo nasce proprio dalla contrapposizione tra Isabel e Carlo, dove Carlo, rappresentante di buon senso e razionalità, non è mai capace di trovare soluzioni efficaci. Franzoso sceglie di raccontare la vicenda in un lungo flashback, intervallato dalla cornice di una scena del delitto che è punto di partenza e di arrivo del romanzo, anticipando – forse troppo e forse inutilmente – gli esiti ovviamente tragici delle premesse narrate.

    Anche la contrapposizione suocera-nuora non è una scelta delle più originali, e l’epilogo ha parecchi vizi formali, a partire dall’improbabile leggerezza nella punizione dell’omicida. Franzoso qui cade ancora nel manicheismo che rovina parzialmente il romanzo, sottintendendo in modo non tanto velato che ai suoi personaggi non restavano altre opzioni al di fuori dell’uso della violenza.

    Il film Hungry Hearts è forse migliore, perché trova più sfumature nella psicologia di marito e moglie rendendo evidentissimo l’amore di Isabel per il figlio, e risolvendo quindi la vicenda con delle ambiguità che aprono interrogativi più interessanti (come ad esempio quale sia la reale pericolosità di Isabel per il bambino).

    ha scritto il 

  • 2

    tema: fate un breve riassunto di sta crocchia di luoghi comuni

    svolgimento: se incontri una che al primo appuntamento ordina un piatto di insalata E BASTA, scappa a gambe levate

    ha scritto il 

  • 4

    Quando ho sentito parlare per la prima volta di questo libro mi è venuta subito in mente una discussione su un forum tra mamme, in cui si affermava che il bambino indaco è un modo new age per definire ...continua

    Quando ho sentito parlare per la prima volta di questo libro mi è venuta subito in mente una discussione su un forum tra mamme, in cui si affermava che il bambino indaco è un modo new age per definire un bambino affetto da ADHD. In realtà il bel racconto di Franzoso descrive l'incubo di un'ossessione che non è poi così inverosimile. Il ritmo incalzante fa suscitare rabbia e nervosismo verso i protagonisti, forse perché, in fondo, persone come Isabel esistono, eccome, anche se per fortuna non sempre l'amore soffocante e distruttivo verso un figlio arriva a conseguenza così drammatiche.

    ha scritto il 

  • 3

    il film di Saverio Costanzo, Hungry Hearts mi ha lasciato il desiderio di saperne di più su Mina e Jude, sull’amore che li lega e sulla lotta che si consuma tra loro per l’alimentazione del figlio. H ...continua

    il film di Saverio Costanzo, Hungry Hearts mi ha lasciato il desiderio di saperne di più su Mina e Jude, sull’amore che li lega e sulla lotta che si consuma tra loro per l’alimentazione del figlio. Ho letto Il bambino indaco, il romanzo di Marco Franzoso, pubblicato da Einaudi nel 2012, che è all’origine del film. Costanzo è stato bravissimo a rendere lo spirito del racconto senza restare aggrappato alla sua fonte, e in vari casi la soluzione cinematografica da lui adottata supera in forza drammatica quella del libro. La Isabel di Franzoso è una giovane commessa di un’erboristeria di Treviso; è di origine svizzera, ama la pittura e la montagna; va a un appuntamento al buio con Carlo organizzatole da un’amica e subito lo affascina (anche se dice “godiamoci questa bella cena” e poi ordina solo un’insalata: Carlo dovevi capirlo al volo chi avevi davanti e dartela subito a gambe). Il bambino indaco comincia dal delitto e poi ricostruisce in prima persona dal punto di vista di Carlo il precipitare degli eventi; è una storia italiana in cui, oltre alla suocera, svolgono un ruolo il fratello medico che vive in America, il maresciallo dei carabinieri, un’assistente sociale stupida che si schiera dalla parte di quella che considera una moglie maltrattata. C’è anche un “cinque anni dopo”: la mia curiosità sul bambino denutrito e sui suoi genitori è stata appagata. Il film illumina il libro e viceversa.

    ha scritto il 

  • 3

    Parte molto bene, a mio giudizio. L'innamoramento, l'empatia, la condivisione. E qualcosa che si rompe in lei con l'inizio della gravidanza (o che esce da uno stato latente), come a volte accade ad al ...continua

    Parte molto bene, a mio giudizio. L'innamoramento, l'empatia, la condivisione. E qualcosa che si rompe in lei con l'inizio della gravidanza (o che esce da uno stato latente), come a volte accade ad alcune donne. M'identifico nella situazione, nella ricerca di una souzione da parte di lui. E' qualcosa che ho vissuto anch'io molti anni fa. Poi il libro cambia, lo trovo manicheo, addirittura maschilista. Il finale è deludente. Peccato.

    ha scritto il 

  • 5

    Una coltellata

    Duro, fastidioso, provoca sofferenza ed allo stesso tempo affascina. Sembra di assistere personalmente alla storia di questa famiglia e si rimane impotenti, senza poter far nulla, se non assistere. Ve ...continua

    Duro, fastidioso, provoca sofferenza ed allo stesso tempo affascina. Sembra di assistere personalmente alla storia di questa famiglia e si rimane impotenti, senza poter far nulla, se non assistere. Veramente una bella prova.

    ha scritto il 

Ordina per