Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Il bambino senza nome

Di

Editore: Piemme (Bestseller)

3.9
(554)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 448 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8856613956 | Isbn-13: 9788856613957 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: F. Genta Bonelli

Disponibile anche come: eBook

Genere: Biography , Fiction & Literature , History

Ti piace Il bambino senza nome?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Mark ha da poco iniziato la sua vita da ricercatore a Oxford quando suo padre Alex bussa alla sua porta con un angoscioso segreto da confessare. I brandelli di quel segreto sono rinchiusi in una logora valigia che custodisce i ricordi evanescenti e ossessionanti che per quasi settant’anni suo padre ha cercato di seppellire sotto il peso dell’oblio, mentre brandelli di immagini confuse riaffioravano dal buco nero della memoria. Tocca a Mark ora aiutare suo padre a ricostruire la sua storia, l’epopea tragica e assurda, incredibile eppure drammaticamente reale, di un bambino bielorusso ebreo di cinque anni che è scampato avventurosamente allo sterminio della sua famiglia e del suo villaggio, ha vagato per nove mesi da solo nei boschi, tra la neve e i lupi, è stato catturato da un’unità lettone filonazista, è stato portato davanti al plotone di esecuzione e lì, le spalle contro il muro della scuola, ha rivolto al sottoufficiale che stava per premere il grilletto una strana, perfetta domanda da bambino: “Puoi darmi un pezzo di pane, prima di spararmi?”. È stata quella strana domanda a salvargli la vita, anche se non è bastata a preservarlo dalle beffe del destino. Le SS che decidono di prendere quel bambino dai capelli biondissimi e dagli occhi cerulei come loro mascotte, per farne un modello di soldato bambino da utilizzare per la propaganda. Le giornate trascorse a lustrare scarpe. Ora vuole ricordare Alex, ritrovare le sue radici, la sua famiglia, il suo passato, vuole sapere tutto, anche il suo nome, perché quello con cui è cresciuto, si è sposato, ha generato due figli, Alex Kurzem, non è che il nome falso che gli diedero su un foglio di via.
Ordina per
  • 3

    Una storia vera, che merita il massimo rispetto, anche per tutto l'orrore di chi ha vissuto e di chi è rimasto "vivo" ..... Un bambino ebreo cresciuto dai nazisti .... un bambino che dopo sessant'anni ripercorrerà con il figlio, autore del libro, il mistero della sua vita.... del perchè sia rimas ...continua

    Una storia vera, che merita il massimo rispetto, anche per tutto l'orrore di chi ha vissuto e di chi è rimasto "vivo" ..... Un bambino ebreo cresciuto dai nazisti .... un bambino che dopo sessant'anni ripercorrerà con il figlio, autore del libro, il mistero della sua vita.... del perchè sia rimasto vivo, della sua vera identità..... IL libro a mio avviso è poco coinvolgente, lento, ripetitivo in alcune parti... le tre stelline sono all'autore... il fatto, la storia, non mi permetto di commentarli... l'orrore non si può commentare....

    ha scritto il 

  • 5

    Un bambino miracolato

    Questo libro è stato il primo che ho letto di mia volontà riguardante la Seconda guerra mondiale e mi è molto piaciuto. Una storia originale e non pesante (sono state davvero poche le scene un po' pese - ma comunque è un libro basato sulla persecuzione degli ebrei, e a confronto di altri libri è ...continua

    Questo libro è stato il primo che ho letto di mia volontà riguardante la Seconda guerra mondiale e mi è molto piaciuto. Una storia originale e non pesante (sono state davvero poche le scene un po' pese - ma comunque è un libro basato sulla persecuzione degli ebrei, e a confronto di altri libri è una passeggiata) che mi ha portato a rivalutare il genere.
    A mio parere 5 stelle meritate.

    ha scritto il 

  • 3

    Quattro stelle per la storia, veramente incredibile e avvincente.
    La narrazione però mi è parsa qua e là confusa, e l'autore non riesce nell'intento di far capire al lettore che cosa ha provato suo padre durante tutta la ricerca, e anche che cosa ha provato lo scrittore stesso. Questo aspet ...continua

    Quattro stelle per la storia, veramente incredibile e avvincente.
    La narrazione però mi è parsa qua e là confusa, e l'autore non riesce nell'intento di far capire al lettore che cosa ha provato suo padre durante tutta la ricerca, e anche che cosa ha provato lo scrittore stesso. Questo aspetto meriterebbe 2 stelline al massimo, quindi come media metto 3.

    ha scritto il 

  • 5

    La storia vista da una prospettiva diversa. La tragica vita di un bambino che diventa un uomo pieno di sensi di colpa che non dovrebbe avere. È stato un grande uomo, ma soprattutto un grande bambino.

    ha scritto il