Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Il barone rampante

Di

Editore: Garzanti Libri

4.1
(13362)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 262 | Formato: Altri | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Chi tradizionale , Francese , Tedesco , Galego , Spagnolo , Catalano , Portoghese , Polacco , Finlandese

Isbn-10: 8811020859 | Isbn-13: 9788811020851 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Tascabile economico , Copertina rigida , Paperback , eBook

Genere: Fiction & Literature , Humor , Science Fiction & Fantasy

Ti piace Il barone rampante?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Il narratore ripercorre la lunga vicenda del fratello, Cosimo di Rondò, vissuto nella seconda metà del XVIII secolo a Ombrosa, in Liguria. Cosimo, persfuggire ad una punizione inflittagli dai suoi educatori, decide di salire suun albero per non ridiscendere mai più. Cosimo si costruisce un mondo aereodove diversi personaggi della cultura e della politica (Napoleone compreso)lo vanno a trovare, testimoniandogli la loro ammirazione. Vive anche unatormentata storia d'amore con la volubile Viola. Cosimo muore vecchio, senzamai discendere in terra: ammalato, in punto di morte, si aggrappa allafune di una mongolfiera e scompare mentre attraversa, così appeso, il mare.
Ordina per
  • 3

    L'immobilità.

    "Solo essendo così spietatamente se stesso come fu fino alla morte, poteva dare qualcosa a tutti gli uomini."

    Di stampo chiaramente autobiografico, pur fuorviante e stucchevole in alcuni passaggi, que ...continua

    "Solo essendo così spietatamente se stesso come fu fino alla morte, poteva dare qualcosa a tutti gli uomini."

    Di stampo chiaramente autobiografico, pur fuorviante e stucchevole in alcuni passaggi, questo testo rimane un'altra testimonianza di quel genere di persone di cui ci si dimentica l'esistenza.
    Dopotutto, come dice l'autore:

    "Capì questo: che le associazioni rendono l'uomo più forte e mettono in risalto le doti migliori delle singole persone, e danno la gioia che raramente s'ha restando per proprio conto, di vedere quanta gente c'è onesta e brava e capace e per cui vale la pena di volere cose buone (mentre vivendo per proprio conto capita più spesso il contrario, di vedere l'altra faccia della gente, quella per cui bisogna tener sempre la mano alla guardia della spada)."

    ha scritto il 

  • 4

    "viviamo in un paese dove si verificano sempre le cause e non gli effetti" pp.219

    In questo libro viene raccontata dal fratello l'origine della vicenda di Cosimo, il barone rampante, un personaggio che ora come ora non potrebbe più esistere, non quì, tra queste mura di mattoni dove ...continua

    In questo libro viene raccontata dal fratello l'origine della vicenda di Cosimo, il barone rampante, un personaggio che ora come ora non potrebbe più esistere, non quì, tra queste mura di mattoni dove gli alberi nascono solo dalla mano dell'uomo in posti prestabiliti. Molto bello questo racconto anche se, devo dire, nella parte centrale l'ho trovato a tratti noioso visto che il libro non segue propriamente una trama ma prosegue con aneddoti sul barone rampante, di volta in volta interessanti ed alcuni non troppo, nel complesso mi è piaciuto, e mi è piacuta la morale che ne ho ricavato se mai ce n'è una, come disse l'autore stesso

    ha scritto il 

  • 2

    Diciamo che in un libro "per bambini" avrei evitato di mettere carbonari, illuminati, giansenisti ed impresentabili.
    Ho aspettato per buona metà del libro la scintilla, salvo rassegnarmi poi a finirlo ...continua

    Diciamo che in un libro "per bambini" avrei evitato di mettere carbonari, illuminati, giansenisti ed impresentabili.
    Ho aspettato per buona metà del libro la scintilla, salvo rassegnarmi poi a finirlo. Noioso nella parte finale.

    ha scritto il 

  • 4

    si fanno a volte di impulso scelte che poi abbracciate coerentemente diventano uno stile di vita. Cosimo per una ribellione testarda sale sull'albero e dai rami declina la vita. e sono gli alberi e i ...continua

    si fanno a volte di impulso scelte che poi abbracciate coerentemente diventano uno stile di vita. Cosimo per una ribellione testarda sale sull'albero e dai rami declina la vita. e sono gli alberi e i rami a fargli la via ma come nella vita reale sono i libri e la voglia di risolvere i problemi in modo concreto ma anche astratto a dare un senso. ed io in questo libro ho trovato un alter ego: Gian dei brughi.

    ha scritto il 

  • 0

    “Il Barone Rampante”, scritto da Italo Calvino, è stato pubblicato 1957 dalla casa editrice Einaudi ed è il secondo romanzo della Trilogia Araldica “I nostri antenati”.
    Calvino nasce a Santiago de Las ...continua

    “Il Barone Rampante”, scritto da Italo Calvino, è stato pubblicato 1957 dalla casa editrice Einaudi ed è il secondo romanzo della Trilogia Araldica “I nostri antenati”.
    Calvino nasce a Santiago de Las Vegas nel 1923. Cresce in Italia in un ambiente antifascista e colto. Partecipa alla Resistenza e si unisce alle brigate partigiane. Nel 1944 entra nel PCI (Partito Comunista Italiano) e alla fine della seconda guerra mondiale ne diventa militante. Si iscrive e si laurea alla facoltà di lettere di Torino. Entra a lavorare all'Einaudi e nel 1950 viene assunto come redattore e in questi anni iniziano le prime uscite dei suoi romanzi, tutti accolti con grande stima dalla critica internazionale.
    Nel 1964 sposa all'Avana Esther Judith Singer e l'anno successivo nasce la figlia Giovanna. L'anno successivo si trasferisce a Parigi con la famiglia.
    Inizia poi a collaborare con il Corriere della Sera, quindi con La Repubblica su cui scriverà fino al 1984.
    Muore a Siena nella notte fra il 18 e il 19 settembre del 1985.
    Tra le sue opere principali troviamo: Il visconte dimezzato, Il barone rampante, Il cavaliere inesistente, Le città invisibili, Se una notte d'inverno un viaggiatore.

    La storia de “Il Barone rampante” è ambientata nel Settecento in un paese di fantasia chiamato Ombrosa, in Liguria, e abbraccia tutto il periodo della Rivoluzione francese. Il personaggio principale è Cosimo ma all’interno della storia, oltre al fratello minore Biagio (che narra l’intera storia), ci sono diversi personaggi: i genitori, la sorella, l’amministratore della tenuta, l’abate e Viola, la sua amata. All’età di dodici anni, Cosimo, dopo un litigio con il padre, decide di salire su un albero e di non scendere mai più. Trascorre così tutta la sua vita sugli alberi in modo avventuroso, riuscendo a mangiare, studiare ed innamorarsi. Stringe rapporti di amicizia con diverse persone: briganti, contadini e nobili ed incontrerà personaggi importanti come Napoleone Bonaparte.
    Il racconto è pieno di descrizioni e si legge con qualche difficoltà. La storia è avvincente piena di fantasia e di personaggi, il lettore rimane infatti coinvolto da questo giovane che riesce a vivere la sua vita al di fuori delle normali convenzioni ed a andare da tutte le parti rimanendo sempre sugli alberi. Cio’ che all’inizio sembra solo un capriccio mano a mano che si va avanti con la storia si capisce che diventa qualcosa di più importante.

    ha scritto il 

  • 2

    il libro non mi è piaciuto molto. Ho trovato la narrazione un po' troppo episodica, mi è sembrato quasi una serie di racconti con protagonista Cosimo il cui filo conduttore sia poco più che cronologic ...continua

    il libro non mi è piaciuto molto. Ho trovato la narrazione un po' troppo episodica, mi è sembrato quasi una serie di racconti con protagonista Cosimo il cui filo conduttore sia poco più che cronologico. Alcuni episodi mi sono piaciuti, ho apprezzato la sua rivolta, la decisione di salire sugli alberi, il rapporto con Viola, ma anche con la sorella terribile, però non mi ha entusiasmata come altre opere di Calvino.

    ha scritto il 

  • 4

    Italo Calvino, Il barone rampante

    Romanzo scritto nel 1957. E' la storia della vita di Cosimo Piovasco di Rondò, nella tenuta di Ombrosa, paesino ligure immaginario. La sua vita, raccontata dal fratello minore Biagio, si svolgerà, dop ...continua

    Romanzo scritto nel 1957. E' la storia della vita di Cosimo Piovasco di Rondò, nella tenuta di Ombrosa, paesino ligure immaginario. La sua vita, raccontata dal fratello minore Biagio, si svolgerà, dopo un litigio con il padre, sugli alberi.
    E' l'esaltazione della diversità e la condanna dei pregiudizi e dei luoghi comuni.
    Che dire? Uno dei più noti romanzi di Calvino. Da leggere con molta attenzione.

    ha scritto il 

  • 0

    È bella già l'immagine di partenza: un ragazzo decide di vivere tutto il resto della sua vita solo sugli alberi. Poi Calvino si lascia trasportare dall'immaginazione e si mette a fantasticare: di come ...continua

    È bella già l'immagine di partenza: un ragazzo decide di vivere tutto il resto della sua vita solo sugli alberi. Poi Calvino si lascia trasportare dall'immaginazione e si mette a fantasticare: di come quest'uomo si organizza la vita sugli alberi, di come vivendo lì acquisisce un'ottica speciale che unita all'amore per lo studio lo rende un uomo sapiente, indipendente e anticonformista; di come la sua vita tocca rivoluzioni, grandi personaggi storici, guerre, briganti e pirati.
    È una bella storia, scritta leggera, esatta e rapida come dice Calvino nelle Lezioni americane, che può diventare occasione per guardare le cose con un po' di ironia.
    Da leggere sognando a occhi aperti, ma con i piedi per terra, anzi sugli alberi.

    ha scritto il 

  • 5

    Da ascoltare

    L'ho scaricato in mp3 dal podcast di radiotre (Il terzo anello-Ad alta voce). ora c'è solo in altro formato, ma si può comunque ascoltarlo. Consiglio a tutti l'ascolto di questa magnifica lettura di M ...continua

    L'ho scaricato in mp3 dal podcast di radiotre (Il terzo anello-Ad alta voce). ora c'è solo in altro formato, ma si può comunque ascoltarlo. Consiglio a tutti l'ascolto di questa magnifica lettura di Manuela Mandracchia, che rende questo romanzo, se possibile, ancora più straordinario di quanto sia.

    ha scritto il 

Ordina per