Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Il bel cavaliere se n'è andato

Di

Editore: Bompiani

3.2
(28)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 156 | Formato: Altri

Isbn-10: 8845248496 | Isbn-13: 9788845248498 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: M. Dallatorre

Ti piace Il bel cavaliere se n'è andato?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Una famiglia, in una piccola città del Missouri dove il crimine è routine,dove le mura di una casa possono diventare prigione piuttosto che rifugio, conun padre la cui furia serpeggia pronta a infrangere la quotidianità domesticae una madre che risponde al cinismo della vita con la sua prorompentesensualità. Attraverso lo sguardo di Shuggie, "mio bel cavalier", come lochiamava teneramente la madre, tredicenne cresciuto in fretta nellabirinto delle psicologie familiari, l'autore ricostruisce un'implacabilegeometria delle passioni, un triangolo in cui fluttua l'ambiguità deisentimenti, dove la tenerezza può diventare violenza, l'affetto maternopossesso, la gelosia violenza.
Ordina per
  • 2

    Se questo è il country-noir, allora il country-noir non mi piace. In realtà mi ha infastidito principalmente il linguaggio, che vorrebbe essere secco e graffiante ma che ho trovato soprattutto antiquato: troppi 'caspita', 'accidenti', 'dannazione', alla maniera di Tex Willer che già parlava così ...continua

    Se questo è il country-noir, allora il country-noir non mi piace. In realtà mi ha infastidito principalmente il linguaggio, che vorrebbe essere secco e graffiante ma che ho trovato soprattutto antiquato: troppi 'caspita', 'accidenti', 'dannazione', alla maniera di Tex Willer che già parlava così agli albori, giusto sessant'anni fa.

    ha scritto il 

  • 2

    Avrò letto poco di Faulkner ma sinceramente il paragone di qualche critico mi sembra a dir poco esagerato...
    Per me è stata una lettura davvero inutile, lo rilascerò sperando trovi qualcuno che possa apprezzarlo.

    ha scritto il