Il buio oltre la notte

Di

Editore: Piemme

3.8
(1024)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 431 | Formato: Altri | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Olandese , Francese , Spagnolo , Tedesco , Svedese , Thai , Ceco

Isbn-10: 8838483000 | Isbn-13: 9788838483004 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: F. Pinchera

Disponibile anche come: Copertina rigida , Paperback

Genere: Criminalità , Narrativa & Letteratura , Mistero & Gialli

Ti piace Il buio oltre la notte?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Harry Bosch è impegnato in un caso che ha sconvolto l'intera Los Angeles: unfamoso regista è accusato di aver assassinato una giovane attrice dopo averlaviolentata. Nel frattempo Terry McCaleb è costretto a interrompere il suosoggiorno sull'isola di Catalina, richiamato da una sua collega per un nuovocaso: un omicidio firmato, il cui unico indizio sembra essere la statua diplastica di un gufo trovata sul luogo del delitto. Seguendo il filo delle sueindagini, McCaleb arriva a collegare questo caso con l'assassinio dell'attricea cui lavora Bosch e capisce di avere a che fare con uno dei serial killer piùspietati degli ultimi decenni. Ma qualcosa gira storto e Bosch si trova, suomalgrado, a doversi difendere dal più atroce dei sospetti.
Ordina per
  • 3

    3.5 stelle

    Questo Connelly con buona trama offre quache ora di dignitoso svago. Rispetto agli altri che ho letto dello stesso autore, le vicende giudiziarie prevalgono sull'azione. Si astengano i non adepti dei ...continua

    Questo Connelly con buona trama offre quache ora di dignitoso svago. Rispetto agli altri che ho letto dello stesso autore, le vicende giudiziarie prevalgono sull'azione. Si astengano i non adepti dei tribunali.

    ha scritto il 

  • 4

    Harry Bosch resta a mio parere il miglior personaggio di Michael Connelly e il più vero e autentico poliziotto mai descritto nella letteratura contemporanea. Bosch è un uomo tormentato dal suo lavoro, ...continua

    Harry Bosch resta a mio parere il miglior personaggio di Michael Connelly e il più vero e autentico poliziotto mai descritto nella letteratura contemporanea. Bosch è un uomo tormentato dal suo lavoro, dagli orrori che deve vedere ogni giorno, e soprattutto dalla corruzione che dilaga anche dalla parte dei buoni, da chi dovrebbe "difendere e servire". Stavolta Bosch sta testimoniando in un processo contro un famoso regista hollywoodiano, quando un ex detective viene chiamato in causa per aiutare a dipanare il mistero intorno all'uccisione di un uomo accusato di stupro. E ciò che verrà fuori dalle prime indagini sarà sconvolgente. Possibile che Bosch sia arrivato al punto di non ritorno, facendosi giustizia da solo? Possibile che sia affondato nell'oscurità che sembra sempre circondarlo? Tutti gli indizi portano a lui, e se così fosse, come può un poliziotto testimoniare contro un uomo che viene accusato del suo stesso crimine? Come sempre, Connelly è il maestro assoluto del thriller poliziesco.

    ha scritto il 

  • 5

    Molto bello

    Davvero ben scritto, anche se meno Bosch del solito. Harry è un coprotagonista, e non ci siamo abituati. Comunque ottimo thriller, come al solito.
    Consigliatissimo

    ha scritto il 

  • 2

    deludente. senza infamia e senza lode. si è ripreso sul finale ma si è decisamente perso per strada in inutili dettagli. o forse sono io che mi aspettavo qualcosa di più "noir"!

    ha scritto il 

  • 4

    Connelly ci prova con un legal thriller...

    ...e gli riesce in pieno. Stavolta i ruoli sono invertiti con un ex agente dell'FBI che indaga e con un Bosh, che sembra avere un ruolo marginale, impegnato in tribunale in un processo. Due parti del ...continua

    ...e gli riesce in pieno. Stavolta i ruoli sono invertiti con un ex agente dell'FBI che indaga e con un Bosh, che sembra avere un ruolo marginale, impegnato in tribunale in un processo. Due parti del romanzo che si intrecceranno tra di loro alla grande. Un esperimento di Connelly che funziona, non c'è che dire. Inoltre è un capitolo della saga di Bosh che si può leggere da solo, senza cioè aver letto tutti i romanzi precedenti. Consigliatissimo.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    4

    " disse Bosch con calma. ...continua

    "<Facciamo quello che dobbiamo fare> disse Bosch con calma. <Qualche volta si può scegliere e qualche volta non c'è scelta. Vedi che le cose succedono, sai che sono sbagliate, ma in un certo senso sai anche che sono giuste.>"

    "A ogni azione corrisponde una reazione uguale e contraria. Non puoi addentrarti nell'oscurità senza che essa ti invada"

    Terry Mc Caleb, ex agente dell'FBI si è ritirato dopo aver subito un trapianto di cuore, si è sposato e vive con la moglie il nipote di lei e la figlia su un'isola in tutta tranquillità. Viene però interpellato da una sua ex-collega perchè la aiuti a tracciare il profilo dell'assassino di un uomo, ben noto alle forze dell'ordine per i continui arresti per reati minori.
    Terry si addentra nel caso e trova la pista che stava cercando. Dettagli sulla scena del delitto lo spingono a pensare che colpevole dell'omicidio sia Bosh, un poliziotto della omicidi impegnato in un processo contro un regista famoso di HOllywood accusato di aver ucciso due ragazze.

    Un po lento in alcuni punti, ma.. Connelly è sempre Connelly! Voto: 8.5

    ha scritto il 

  • 3

    Per un po' ammetto di averci sperato. Come tutti sanno, non ho nessuna simpatia per Bosch , uno dei personaggi fissi di Michael Connelly, e questa volta il poliziotto in pensione McCaleb (già visto i ...continua

    Per un po' ammetto di averci sperato. Come tutti sanno, non ho nessuna simpatia per Bosch , uno dei personaggi fissi di Michael Connelly, e questa volta il poliziotto in pensione McCaleb (già visto in Debito Di Sangue) sembra che possa incastrarlo per un omicidio. Purtroppo si capisce fin dalle prime battute che il colpevole non può essere lui, ma che è tutta un'orchestrazione per vederlo incastrato. Abbiamo quindi due personaggi ben costruiti e abbastanza forti strutturalmente che fanno a gara a levarsi l'un l'altro il ruolo di protagonista principale del libro. La trama è fitta e rocambolesca, ma mentre vai avanti sai anche quanto sia scontato il finale e l'unica cosa che ti manca è il tassello per scoprire come Connelly vuole arrivarci. Alla fine tutto torna sebbene con alcuni accorgimenti che minano la fluidità della lettura. Tutto sommato, però si va a vanti bene, specie nella seconda parte del romanzo, in cui ormai hai fatto l'occhio ai due personaggi che vedono congiungersi piano piano. Ormai aspettiamo la prossima volta per vedere Bosch morto o in prigione, in questa puntata è comunque meno odioso del solito.

    ha scritto il 

Ordina per