Il buio oltre la siepe

di | Editore: Feltrinelli
Voto medio di 12131
| 1.585 contributi totali di cui 1.238 recensioni , 338 citazioni , 6 immagini , 3 note , 0 video
marcomaffei12
Ha scritto il 20/01/18
'atticus diceva che con la gente bisogna sempre parlare di ciò che interessa loro e non di ciò che interessa a noi' un racconto visto con gli occhi dell'infanzia coi miti (il padre) e paure (lo sconosciuto "diverso") che la caratterizzano. ritmo lent...Continua
61PAT
Ha scritto il 07/01/18

Mancava alla mia collezione, ho ritenuto opportuno porvi rimedio..Completamente diverso da come me lo aspettavo lo paragonerei ad un onda del mare. Parte in sordina, poi un crescendo e poi di nuovo la calma. Sicuramente da leggere.

Penelope48
Ha scritto il 02/01/18
SIEPI
Arrivata all’ultima pagina mi è venuto spontaneo dire “ma perché diamine la Lee non ha mollato Capote e si è messa ha scrivere un libro all’anno???”. Accidenti la signora scrive benissimo, non si riesce a lasciare le pagine. Sotto l’apparente storia...Continua
  • 4 mi piace
  • 1 commento
Mrs Bluthner
Ha scritto il 29/12/17
Non solo un libro sul razzismo
Per evitare la delusione che ho letto da parte di molti vi avviso, se non avete ancora letto Il buio oltre la siepe, che questo non è un libro contro il razzismo. È il racconto della crescita di una bambina straordinaria, Scout, e della visione del m...Continua
Alessandro Ferretti
Ha scritto il 16/12/17
Un racconto dei buoni sentimenti, delle brave persone contro l'ottusità, il pregiudizio, l'ignoranza, ma, in fin dei conti, un tentativo di comprensione del diverso, di chi non è come noi. E non è detto poi che noi siamo sempre i buoni...To kill a mo...Continua

Giulia
Ha scritto il Jan 03, 2018, 23:45
Quasi tutti sono simpatici, Scout, quando finalmente si riesce a capirli.
Giulia
Ha scritto il Jan 03, 2018, 23:42
A volte fa più male la Bibbia in mano a un uomo qualunque che una bottiglia di whisky in mano a... A tuo padre, per esempio.
Yle
Ha scritto il Oct 29, 2017, 13:26
Fino al giorno in cui mi minacciarono di non lasciarmi più leggere, non seppi di amare la lettura: si ama, forse, il proprio respiro?
Pag. 25
Ulysse78
Ha scritto il Sep 11, 2017, 17:17
Atticus aveva ragione. Una volta aveva detto che non si conosce realmente un uomo se non ci si mette nei suoi panni e non ci si va a spasso.
Pag. 291
Furettocurioso
Ha scritto il Jul 30, 2017, 15:02
"Tu pensaci", dice va miss Maudie. "Non è stato un caso, sai. Stavo seduta sotto il portico, ieri sera, ad aspettare. Aspettai e aspettai, sperando sempre di vedervi comparire alla curva, e intanto pensavo: Atticus Finch non vincerà, non può vincere,...Continua
Pag. 240

matela
Ha scritto il Nov 20, 2017, 09:59

"Jem mi disse: - Scout, perchè gli uomini non riescono ad andare d'accordo fra loro? - . Fece una pausa. - Mi pare di cominciare a capire qualcosa. Mi pare di cominciare a capire perchè Boo Radley se n'è rimasto chiuso in casa tutto questo tempo. E p...Continua
  • 4 mi piace
matela
Ha scritto il Nov 20, 2017, 09:55

"- Se in quella giuria ci fossero stati dodici ragazzi come te, figliolo, Tom sarebbe un uomo libero - disse Atticus. - Fino ad oggi nella tua vita nulla è venuto a interferire coi tuoi processi logici. Nei nostri tribunali invece, quando si tratta d...Continua
  • 2 mi piace
matela
Ha scritto il Nov 19, 2017, 08:57

"Gli usignoli non fanno nient'altro che donare musica agli uomini. Non divorano gli orti della gente, nè fanno il nido nei covoni; non fanno altro che cantare per noi con tutta l'anima. Ecco perchè è peccato uccidere un usignolo."
Scricciolina
Ha scritto il Jan 23, 2017, 17:12
Un passo che mi é particolarmente piciuto
Un passo che mi é particolarmente piciuto
Pag 122
Ladyoceano
Ha scritto il Nov 25, 2016, 10:19
Siamo nel cuore dell'America del sud, razzista e bigotta, dove tutti si conoscono solo attraverso le lenti del pregiudizio; dove le siepi non hanno un valore estetico ma sono muri insormontabili che dividono le persone e le lasciano in ombra.  Qui si intrecciano avvenimenti che insegneranno a tre giovani "non si conosce realmente un uomo se non ci si mette nei suoi panni e non ci si va a spasso . Un uomo, Tom, processato per una presunta violenza carnale,  viene condannato e ucciso solo perché nero;  un altro,  terrore e mistero di una comunità perché malato, salverà  la vita di due bambini. E poi loro, Atticus e Calpurnia, eroi quotidiani, che educano e lo fanno non dal pulpito di chi sa, ma con l'umiltà di chi é : il primo padre sui generis, uomo retto, asciutto, di poche parole e verità solide, capace di difenderle fino alla fine, che non cerca scorciatoie neppure quando gli vengono offerte su un  piatto d'argento, che, in qualità di avvocato,  difende Tom pur sapendo che gli costerà l'alienazione della simpatia dei suoi concittadini; Calpurnia, domestica di colore che accetta la condizione di "negra" con una dignità e una consapevolezza del proprio valore da  far impallidere qualsiasi bianco suo concittadino. Infine Schout e Jem, i veri protagonisti, che crescono in questo mondo, che esplorano attraverso il gioco, le sfide, le paure da superare, i tabù  da svelare, i limiti da spostare e che, con l'aiuto di un padre eccezionale quale Atticus, e una governante di grande spessore, si affacciano ad un mondo complicato, contraddittorio, a volte incomprensibile e imparano una  lezione enorme sul coraggio, il quale non é "rappresentato da un uomo col fucile in mano. Aver coraggio significa sapere di essere sconfitti prima ancora di cominciare, e cominciare egualmente e arrivare fino in fondo, qualsiasi cosa succeda. È raro vincere, in questi casi, ma qualche volta si vince.“Personaggi umani,  belli,  veri, vittime che finiranno con il riscattarsi, un riscatto che dura una notte, perché affinché  le cose possano cambiare veramente ci vorrà molto più tempo...e forse, nonostante tanta strada sia stata fatta, neppure oggi, è  ancora arrivato quel tempo!
Siamo nel cuore dell'America del sud, razzista e bigotta, dove tutti si conoscono solo attraverso le lenti del pregiudizio; dove le siepi non hanno un valore estetico ma sono muri insormontabili che dividono le persone e le lasciano in ombra. Qui si intrecciano avvenimenti che insegneranno a tre giovani "non si conosce realmente un uomo se non ci si mette nei suoi panni e non ci si va a spasso . Un uomo, Tom, processato per una presunta violenza carnale, viene condannato e ucciso solo perché nero; un altro, terrore e mistero di una comunità perché malato, salverà la vita di due bambini. E poi loro, Atticus e Calpurnia, eroi quotidiani, che educano e lo fanno non dal pulpito di chi sa, ma con l'umiltà di chi é : il primo padre sui generis, uomo retto, asciutto, di poche parole e verità solide, capace di difenderle fino alla fine, che non cerca scorciatoie neppure quando gli vengono offerte su un piatto d'argento, che, in qualità di avvocato, difende Tom pur sapendo che gli costerà l'alienazione della simpatia dei suoi concittadini; Calpurnia, domestica di colore che accetta la condizione di "negra" con una dignità e una consapevolezza del proprio valore da far impallidere qualsiasi bianco suo concittadino. Infine Schout e Jem, i veri protagonisti, che crescono in questo mondo, che esplorano attraverso il gioco, le sfide, le paure da superare, i tabù da svelare, i limiti da spostare e che, con l'aiuto di un padre eccezionale quale Atticus, e una governante di grande spessore, si affacciano ad un mondo complicato, contraddittorio, a volte incomprensibile e imparano una lezione enorme sul coraggio, il quale non é "rappresentato da un uomo col fucile in mano. Aver coraggio significa sapere di essere sconfitti prima ancora di cominciare, e cominciare egualmente e arrivare fino in fondo, qualsiasi cosa succeda. È raro vincere, in questi casi, ma qualche volta si vince.“Personaggi umani, belli, veri, vittime che finiranno con il riscattarsi, un riscatto che dura una notte, perché affinché le cose possano cambiare veramente ci vorrà molto più tempo...e forse, nonostante tanta strada sia stata fatta, neppure oggi, è ancora arrivato quel tempo!
  • 1 mi piace

Yle
Ha scritto il Nov 19, 2017, 14:15
Il vero coraggio, tu che credi che sia rappresentato da un uomo col fucile in mano. Aver coraggio significa sapere di essere sconfitti prima ancora di cominciare, e cominciare egualmente e arrivare sino in fondo, qualsiasi cosa succeda. È raro vincer...Continua
Biblioteche...
Ha scritto il Apr 19, 2016, 14:42
813.54 LEE 9521 Letteratura Americana
Biblioteca...
Ha scritto il Dec 10, 2015, 10:23
Collocazione : NR 266 (2 copie )

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi