Il cacciatore di aquiloni

!! SCHEDA INCOMPLETA !!

Di

Editore: Piemme

4.3
(30246)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Chi tradizionale , Chi semplificata , Tedesco , Francese , Norvegese , Spagnolo , Portoghese , Olandese , Giapponese , Svedese , Danese , Catalano , Sloveno , Lettone , Croato , Basco , Finlandese , Ceco , Farsi , Galego , Arabo , Polacco

Isbn-10: A000028964 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Altri , Copertina rinforzata scuole e biblioteche , Copertina rigida , Tascabile economico , CD audio , Copertina morbida e spillati , eBook

Genere: Famiglia, Sesso & Relazioni , Narrativa & Letteratura , Storia

Ti piace Il cacciatore di aquiloni?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
ATTENZIONE: Questa scheda è incompleta e non identifica una particolare edizione: non aggiungerla o, se già presente, rimuovila dalla tua libreria, sostituendola con una delle edizioni Piemme (tutte dotate di codice ISBN) presenti su aNobii!
Ordina per
  • 5

    Ottima trama e stupenda ambientazione

    Un libro che si legge veramente in pochi giorni. Una storia di amicizia tradita e di redenzione/riscatto ambientata in Afghanistan. Da leggere sicuramente.

    ha scritto il 

  • 4

    Frasi dal libro

    “Improvvisamente sentii la voce di Hassan che mi sussurrava: Per te qualsiasi cosa. Hassan, il cacciatore di aquiloni.”

    https://frasiarzianti.wordpress.com/2017/05/15/il-cacciatore-di-aquiloni-khaled- ...continua

    “Improvvisamente sentii la voce di Hassan che mi sussurrava: Per te qualsiasi cosa. Hassan, il cacciatore di aquiloni.”

    https://frasiarzianti.wordpress.com/2017/05/15/il-cacciatore-di-aquiloni-khaled-hosseini/

    ha scritto il 

  • 4

    Una finestra su un mondo che non conosciamo.

    Bellissimo, quasi un capolavoro se non fosse stato per il protagonista che ho odiato per tutto il tempo e per il finale (ottimo ma) allungato per 50 pagine.
    Però il romanzo è attuale, profondo, scritt ...continua

    Bellissimo, quasi un capolavoro se non fosse stato per il protagonista che ho odiato per tutto il tempo e per il finale (ottimo ma) allungato per 50 pagine.
    Però il romanzo è attuale, profondo, scritto bene, pieno di sentimenti, di colpi di scena, di storia... e ha soprattutto il merito di farci conoscere un mondo che non conosciamo, quindi non posso che parlarne bene.
    L'unico vero difetto, come dicevo, è il protagonista troppo imbecille: Hosseini ha davvero calcato troppo la mano. Dopo la lettera di Hassan e la richiesta di Rahim avrebbe dovuto restituire un minimo di dignità al protagonista, e invece lui con la sua prima reazione (ancora prima della "rivelazione") dimostra di essere ancora un personaggio disgustoso (glielo si poteva perdonare quand'era bambino, non a quarant'anni), tanto che neanche il finale riesce a riscattarlo. O quasi.

    ha scritto il 

  • 4

    riluttante

    l'ho letto con riluttanza, non amo i libri troppo pubblicizzati, sono prevenuta, lo ammetto....e invece ho trovato un mondo che non conoscevo e un'umanità comune.. Molto bello.

    ha scritto il 

  • 4

    Un romanzo molto coinvolgente che trasmette nel lettore il bisogno d'attenzione e riflessione sui grandi sentimenti che muovono il nostro vivere quotidiano: amicizia, amore, dolore, odio.
    Un romanzo c ...continua

    Un romanzo molto coinvolgente che trasmette nel lettore il bisogno d'attenzione e riflessione sui grandi sentimenti che muovono il nostro vivere quotidiano: amicizia, amore, dolore, odio.
    Un romanzo che apre il cuore del lettore alla fiducia che, al connaturato e motivato senso di colpa, esiste sempre e comunque la possibilità della redenzione di tutti gli uomini dalle miserie che essi portano indelebili nel proprio spirito.
    Un romanzo che ci dice moltissimo sul significato di cosa sia il concetto di paternità al di sopra di un solo valore biologico.
    Un romanzo che, pur nell'apparente sentimentalismo, ci dice in modo crudo e spietato che i primi danneggiati dalla follia della storia sono i bambini con i loro affetti e il loro vissuto affettivo distrutto dall'insano egoismo di noi adulti.
    Dall'inizio alla fine della storia è l'aquilone il filo conduttore su cui si dipana tutta la vicenda. Prima cementa l'amicizia, poi mette in luce da una parte il lato eroico e dall'altro la meschinità e crudeltà della natura umana e infine apre alla speranza di una vitalità e gioia di vivere in un futuro migliore.
    Un libro da leggere, da rileggere e poi, ancor più, riflettere su noi stessi e i nostri limiti, il più delle volte, meschini.

    ha scritto il 

  • 5

    Ingredienti: 25 anni di storia afghana dalla monarchia alla repubblica, dal comunismo ai talebani, 2 amici d’infanzia che la vita separerà tragicamente, l’amore per gli aquiloni come speranza in un fu ...continua

    Ingredienti: 25 anni di storia afghana dalla monarchia alla repubblica, dal comunismo ai talebani, 2 amici d’infanzia che la vita separerà tragicamente, l’amore per gli aquiloni come speranza in un futuro di libertà e di pace, una ferita del passato da far guarire nel presente.
    Consigliato: a chi da adulto vuole scacciare le ombre dell’infanzia, a chi vuole riscoprire dentro un libro la fiducia in un mondo migliore.

    ha scritto il 

  • 3

    Amir è il figlio di un ricco faccendiere di Kabul, adora leggere e il suo migliore amico è il suo servo Hassan. Dopo una gara di aquiloni, che vede Amir trionfare, Hassan subisce una violenza sfrenata ...continua

    Amir è il figlio di un ricco faccendiere di Kabul, adora leggere e il suo migliore amico è il suo servo Hassan. Dopo una gara di aquiloni, che vede Amir trionfare, Hassan subisce una violenza sfrenata. La vita privata di questi due ragazzini si intreccia alla storia dell'Afghanistan, preda prima dei russi e poi dei talebani. Solo Amir e il padre fuggono negli Stati Uniti, dove con impegno e fatica riescono a riconquistare la dignità. Solo molti anni dopo Amir rientra in Afghanistan e fa una scoperta sconvolgente, che mina il suo passato.

    Non è brutto, ma non sono riuscita a entrare con Amir, non mi sono sentita coinvolta. Troppo sensazionalistici alcuni capitoli mentre il resto langue, fino a un finale frettoloso.

    * «Se uccidi un uomo, gli rubi la vita» continuò. «Rubi il diritto di sua moglie ad avere un marito, derubi i suoi figli del padre. Se dici una bugia a qualcuno, gli rubi il diritto alla verità. Se imbrogli, quello alla lealtà. 
    * I figli non sono album da colorare come piace a noi.
    * Le persone che dicono solo quello che pensano veramente credono che tutti facciano come loro.
    * È meglio essere feriti dalla verità che consolati da una menzogna.
    * Sfruttare gli altri per pagarsi una vacanza alle Hawaii è un conto. Farlo per sfamare i propri figli è tutt'altro.
    * Il futuro era un lusso per un bambino che aveva la mente abitata dai demoni.

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per