Il cacciatore di teste

Di

Editore: Einaudi

3.6
(968)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 304 | Formato: eBook | In altre lingue: (altre lingue) Francese , Tedesco , Olandese , Norvegese , Inglese , Portoghese , Catalano , Spagnolo , Danese , Chi tradizionale , Polacco

Isbn-10: 8858408152 | Isbn-13: 9788858408155 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Maria Teresa Cattaneo

Disponibile anche come: Paperback

Genere: Criminalità , Narrativa & Letteratura , Mistero & Gialli

Ti piace Il cacciatore di teste?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
A Roger Brown non manca nulla. Ha un lavoro rispettabile come cacciatore di teste per le grandi multinazionali e un hobby segreto, i furti d'arte, grazie ai quali foraggia lo spropositato stile di vita che conduce. E non appena gli viene presentato Clas Greve, proprietario di un meraviglioso Peter Paul Rubens, un dipinto andato disperso durante la Seconda guerra mondiale, comincia immediatamente ad accarezzare l'idea del colpo. Ma niente in questa storia va mai come previsto. E nell'appartamento di Greve, Roger Brown trova sí il prezioso Rubens, ma anche qualcosa che non cercava affatto. E ben presto appare evidente che lo scaltro cacciatore di teste altro non è che una povera preda... *** «Un libro che dovete leggere assolutamente. A confronto, Ellroy sembra un boy-scout ed Ellis uno scolaretto». Helsingin Sanomat
Ordina per
  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    1

    Una mezza delusione.

    Era diverso tempo che, entrando in libreria, vedevo il nome di Jo Nesbo campeggiare sugli scaffali ma per un motivo o per un altro non avevo mai letto un suo romanzo. Due settimane fa cercavo un libro ...continua

    Era diverso tempo che, entrando in libreria, vedevo il nome di Jo Nesbo campeggiare sugli scaffali ma per un motivo o per un altro non avevo mai letto un suo romanzo. Due settimane fa cercavo un libro tra la saggistica da leggere durante una trasferta di lavoro ma non avendo trovato nulla di interessante mi sono imbattuto di nuovo in Nesbo e così ho cercato un suo romanzo che non fosse troppo lungo (circa 300 pagine) da poter leggere, così da potermi fare una prima idea sulla sua scrittura. Il romanzo che ho scelto è stato Il cacciatore di teste appunto, primo perchè era un romanzo a sé stante e non collegato ad altri e secondo perchè rispondeva al requisito si non eccessiva lunghezza.
    Il romanzo parla di un cacciatore di teste (di quelli aziendali e non il più classico bounty killer) che è chiamato a scegliere l’amministratore delegato di una nota azienda di navigatori satellitari e su imbeccata della moglie, collezionista ed espositrice di opere d’arte, decide di puntare su un ex amministratore delegato olandese ora in pensione. Inizialmente la scelta sembra azzeccatissima e il nostro protagonista è felice del consiglio della moglie, finchè, durante uno dei suoi furti in casa di quest’ultimo (si, il nostro protagonista ha una doppia vita, cacciatore di teste e ladro di quadri) non si accorge che questo lo tradisce con la moglie….
    Ora da qui partirà una storia tra l’assurdo ed il surreale, che vedrà il nostro cacciatore di teste per svariate volte in fin di vita e ad un secondo dalla morte ma che alla fine riuscirà a cavarsela sempre nei modi più assurdi e disparati, fino ad arrivare alla per nulla richiesta spiegazione finale, da parte di un commissario di polizia, fatta durante uno show televisivo in prima serata.
    Insomma come avrete capito non mi è piaciuto per nulla, sebbene per le prime 50 pagine promettesse bene. Il protagonista sembra un Patrick Bateman (American Psycho) più preciso ma senza dubbio meno interessante, oltretutto la storia della seconda vita, cioè lui ladro di opere d’arte, regge solo per le prime 100 pagine (diciamo solo per far scoprire il tradimento della moglie) perchè poi scompare del tutto. Infine per ben 4 volte si salva da morti praticamente certe (ad un certo punto in una macchina con 4 persone in 3 muoiono dopo un incidente ma lui ne esce miracolosamente illeso). E poi lo “spiegone” finale è veramente noioso e scontato, il punto è che se la storia fosse stata minimamente credibile non ci sarebbe stato bisogno di rimettere a posto i pezzi per 15 pagine punto per punto, ma essendo totalmente campata in aria serve qualcuno che ci dica come questa storia riesca a giungere ad una parvenza di conclusione credibile…
    Salvo però lo stile che mi sembra veloce, istintivo ed avvincente, e sono molto interessanti anche le varie spiegazioni che da sull’ambiente circostante (soprattutto quando parla di arte e quadri d’epoca). Per il resto una storia scapestrata e senza senso.
    Probabilmente darò un’altra possibilità a Nesbo, spero che si riprenda perchè mi aspettavo molto di più da quello che avevo letto su internet.

    ha scritto il 

  • 5

    Primo libro che leggo di Jo Nesbø al di fuori della saga di Harry Hole (che ho amato).
    Promosso a pieni voti, trama e intreccio ottimi, colpi di scena inaspettati, e tutto scorre a meraviglia. ...continua

    Primo libro che leggo di Jo Nesbø al di fuori della saga di Harry Hole (che ho amato).
    Promosso a pieni voti, trama e intreccio ottimi, colpi di scena inaspettati, e tutto scorre a meraviglia.

    ha scritto il 

  • 5

    Bello! È il primo romanzo di Nesbø che leggo, mi ha piacevolmente sorpreso. La storia è un po' intricata ma avvincente, e per niente banale: tanti i colpi di scena che mi hanno davvero spiazzato! Dire ...continua

    Bello! È il primo romanzo di Nesbø che leggo, mi ha piacevolmente sorpreso. La storia è un po' intricata ma avvincente, e per niente banale: tanti i colpi di scena che mi hanno davvero spiazzato! Direi che le cinque stelle se le merita tutte ^^

    ha scritto il 

  • 3

    Non uno dei migliori di Jo Nesbø, che ogni tanto ama prendersi una pausa dalla saga di Harry Hole, con romanzi non sempre azzeccati. Personaggi ben fatti, un ambiente, quello del cacciatore di teste d ...continua

    Non uno dei migliori di Jo Nesbø, che ogni tanto ama prendersi una pausa dalla saga di Harry Hole, con romanzi non sempre azzeccati. Personaggi ben fatti, un ambiente, quello del cacciatore di teste descritto con precisione, una trama intrigante che però appare assolutamente irrazionale, improbabile, a tratti futurista.

    ha scritto il 

  • 2

    Non mi ha preso

    E' il primo libro di Nesbo che leggo, spinta dai pareri positivi sull'autore.
    Questo libro non mi ha convinto a pieno. Scritto sicuramente bene, ma la storia l'ho trovata troppo surreale per seguirla ...continua

    E' il primo libro di Nesbo che leggo, spinta dai pareri positivi sull'autore.
    Questo libro non mi ha convinto a pieno. Scritto sicuramente bene, ma la storia l'ho trovata troppo surreale per seguirla con passione. Sicuramente darò un'altra possibilità a Nesbo, ma per me questo libro è un no!

    ha scritto il 

Ordina per