Ci sono romanzi brevi più densi di emozioni e di vicende di certi romanzoni da ottocento pagine e passa. Ed è esattamente il caso di "Il calore del sangue". Questa volta Irène Némirovsky punta il suo obiettivo non già sul milieu dell'alta ... Continua
Ha scritto il 19/07/17
Iperproteico
Leggendo questo romanzo viene da chiedersi se la Némirovsky non sia stata un tantino sopravvalutata negli ultimi anni, anche dalla sottoscritta. Di sicuro, questa non è fra le sue opere più riuscite.Parte lenta, tanto da risultare quasi noiosa, ..." Continua...
  • 10 mi piace
  • 13 commenti
  • Rispondi
Ha scritto il 09/02/17
Strana follia! L'amore a vent'anni somiglia a una crisi di febbre, a un attacco di delirio. Quando è finito, si fa fatica a ricordare... Il calore del sangue è destinato a spegnersi presto. Di fronte a quella fiammata di sogni e desideri, mi ..." Continua...
  • 1 mi piace
  • Rispondi
Ha scritto il 13/01/17
Tra le tante prove eccelse di questa autrice straordinaria, questo romanzo breve non si colloca ai primi posti. Gli spunti tematici sono molteplici e di grande interesse, ma vengono appena accennati e presentati da una prosa acerba e priva di quei ..." Continua...
  • Rispondi
Ha scritto il 05/11/16
"È arrivata una macchina piena di parigini. Stanotte attraverseranno un gran numero di paesini tranquilli, di villaggi sonnolenti, e passeranno accanto alle grandi case silenziose e scure perdute nella campagna: non immagineranno nemmeno che ogni ..." Continua...
  • 1 mi piace
  • 1 commento
  • Rispondi
Ha scritto il 30/09/16
Chaleur du sang (1937-38)
La Némirovsky che, come Hitchcock, inserisce se stessa come personaggio fugace nel libro"< < Se si conoscesse in anticipo il raccolto, chi mai seminerebbe il proprio campo?>< < Ma tutti, Silvio, tutti quanti. [...] La vita è questo: gioia e pianti. Tutti hanno voglia di vivere, tranne voi." p. 35"Non che la gente della regione cerchi l'approvazione altrui: sono persone troppo selvatiche e orgogliose. Hanno piuttosto timore che ci si occupi di loro: ..." Continua...
  • 2 mi piace
  • Rispondi

Ha scritto il Jul 19, 2017, 20:14
La carne ci vuol poco a soddisfarla. E' il cuore a essere insaziabile, il cuore che ha bisogno di amare, di disperarsi, di ardere di un fuoco qualunque.
  • Rispondi
Ha scritto il Jul 11, 2017, 06:31
A volte ho la sensazione che la vita mi abbia respinto, come una marea troppo alta. Mi sono arenato su una sponda triste, come una barca che, sebbene vecchia, è ancora solida, ma i suoi colori sono stinti dall'acqua e rosi dal sale.
  • Rispondi
Ha scritto il Feb 09, 2017, 14:33
Non so se gli esseri umani siano in grado di foggiare la propria vita, ma di certo ciò che un uomo ha vissuto finisce col trasformarlo
Pag. 35
  • Rispondi
Ha scritto il Feb 09, 2017, 11:54
Di nuovo l’inverno, stagione monotona. Non c’è un altro luogo al mondo in cui valga quanto qui il proverbio orientale secondo cui i giorni si trascinano e gli anni volano. Di nuovo la notte che scende alle tre, il volo dei corvi, la neve sui ... Continua...
Pag. 23
  • Rispondi
Ha scritto il Feb 09, 2017, 10:06
Da giovani si è così impazienti! Ogni giorno che passa, ed è perso per l’amore, è uno strazio.
Pag. 10
  • Rispondi

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi