Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Il campo del vasaio

Di

Editore: Sellerio

4.0
(3031)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 280 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Spagnolo

Isbn-10: 8838922853 | Isbn-13: 9788838922855 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Copertina rigida , eBook

Genere: Crime , Fiction & Literature , Mystery & Thrillers

Ti piace Il campo del vasaio?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Su un terreno nei dintorni di Vigàta, buono solo per ricavarne creta per i vasai, viene trovato il cadavere di un uomo. Sfigurato, squartato, chiuso in un sacco affiorato dopo una forte pioggia. Non si sa chi sia lo sconosciuto, ma nel frattempo una donna del paese denunzia la scomparsa del marito, un colombiano di origini siciliane, imbarcato su navi di lungo corso che fanno la spola tra il Sud America e l'Italia. E' a quel punto che il commissario Montalbano si ricorda del racconto del Vangelo - il tradimento di Giuda, il pentimento, i trenta denari scagliati a terra e poi utilizzati per comprare il "campo del vasaio" per dare sepoltura agli stranieri. Semplici coincidenze? Il corpo della vittima è stato smembrato in trenta pezzi, il terreno in cui è stato ritrovato è buono per i vasai, il colpo di pistola alla nuca nel codice d'onore sta a significare tradimento, senza contare che il morto era uno straniero. Ma le convergenze sembrano costruite con troppa arte e anche se il delitto ha tutte le caratteristiche di un omicidio di mafia, Montalbano sente odore di bruciato. I tradimenti nel romanzo non si contano: quello di Mimì, nei confronti di Beba ma anche dell'amico e "superiore" Salvo con cui sgomita per avere un ruolo da protagonista nelle indagini, quello di Dolores, la bellissima moglie del morto ammazzato, quello dello stesso commissario che è costretto a barcamenarsi tra segreti e bugie per giungere alla verità.
Ordina per
  • 4

    Era da tanto che non leggevo un libro di Montalbano ed ho fatto un po’ fatica a riprendere confidenza con tutti i termini siciliani utilizzati dall’autore. Per il resto un bel libro.

    ha scritto il 

  • 3

    Il mistero ruota intorno al ritrovamento di un corpo in un campo di creta, simile al campo dove si consuma il tradimento di Giuda nel Vangelo. E' una storia di contrasti fra sentimenti, teorie e personalità, sullo sfondo di una Sicilia che non può dimenticare la mafia. Sempre un ottimo Camilleri. ...continua

    Il mistero ruota intorno al ritrovamento di un corpo in un campo di creta, simile al campo dove si consuma il tradimento di Giuda nel Vangelo. E' una storia di contrasti fra sentimenti, teorie e personalità, sullo sfondo di una Sicilia che non può dimenticare la mafia. Sempre un ottimo Camilleri.

    ha scritto il 

  • 0

    Non è sicuramente il Montalbano più lirico, più ironico o più legato all'attualità ma è quello che più inganna il lettore e, per questo, lo coinvolge. Per buona parte del testo, notando gli evidenti indizi, ti dici che Montalbano è davvero invecchiato se non riesce a collegare i puntini per trova ...continua

    Non è sicuramente il Montalbano più lirico, più ironico o più legato all'attualità ma è quello che più inganna il lettore e, per questo, lo coinvolge. Per buona parte del testo, notando gli evidenti indizi, ti dici che Montalbano è davvero invecchiato se non riesce a collegare i puntini per trovare una soluzione tanto evidente. Poi ti accorgi che a non aver capito niente sei tu che ti sei lasciato guidare verso una soluzione scontata e, per giunta, hai tralasciato quella più ovvia. Che dire, geniale!

    ha scritto il 

  • 3

    Un po' meno del solito

    Non so bene definire il motivo, ma mi è piaciuto meno del solito, questo Montalbano. Meno iterazione con gli altri personaggi, forse, e troppa introspezione. Non so.

    ha scritto il 

  • 5

    Il titolo e la trama si ispirano alla vicenda di Giuda nel Vangelo. Il nostro commissario preferito alle prese con un altro mistero e con un'altra donna bellissima che lo sconvolge (questo mi fa sempre innervosire, la povera Lidia mi è tanto simpatica, e poi sopporta un soggetto problematico come ...continua

    Il titolo e la trama si ispirano alla vicenda di Giuda nel Vangelo. Il nostro commissario preferito alle prese con un altro mistero e con un'altra donna bellissima che lo sconvolge (questo mi fa sempre innervosire, la povera Lidia mi è tanto simpatica, e poi sopporta un soggetto problematico come lui!)

    ha scritto il 

  • 3

    Traición

    El campo del alfarero es el título de la primera novela de la serie del comisario Montalbano que leo. Como es sabido, el veterano escritor siciliano Andrea Camilleri fue un novelista tardío y casi con 70 años publicó la primera novela del personaje Salvo Montalbano (nombre que homenajeaba a Manue ...continua

    El campo del alfarero es el título de la primera novela de la serie del comisario Montalbano que leo. Como es sabido, el veterano escritor siciliano Andrea Camilleri fue un novelista tardío y casi con 70 años publicó la primera novela del personaje Salvo Montalbano (nombre que homenajeaba a Manuel Vázquez Montalbán), un inspector de policía de Vigata, localidad siciliana de nombre ficticio donde desarrolla su trabajo entre costumbrismo italiano, el gusto por la gastronomía y la literatura y el cine, la mafia, y una organización policial funcionarial.

    Camilleri es sobre todo, y creo que por eso se le lee, un autor muy divertido. Aunque su Montalbano tiene paralelismos con el Carvalho de Vázquez Montabán, no he podido evitar recordar de continuo el tono humorístico descreído de Eduardo Mendoza, aunque el loco detective a la fuerza de éste es un personaje muy distinto. Como autor noir, Camilleri es más costumbrista que social, lo que permite que el humor encaje más fácilmente en los contrastes dialectales de una sociedad inculta o las, tampoco muy elegantes, diferencias sexuales.

    El campo del alfarero es el lugar de Vigata donde aparece un cadáver mutilado en treinta pedazos en lo que aparentemente es un asesinato ritual de la Mafia, siempre que alguien no haya querido que precisamente parezca eso. El título del libro incluye una referencia bíblica con la que Camilleri inunda el libro y su tema: la traición, que es continua en varias de las relaciones de los personajes del texto.

    Sigo sin disfrutar del todo el género negro, a cuyos cánones de resolución se encamina El campo del alfarero con esperada profesionalidad algo churrera. Se produce también un compadreo habitual en el género entre autor y protagonista, que se permite dibujar al lector el cuadro creativo de personajes a los que sabe manejar, que realza una sombra demiúrgica un tanto subrayada. El libro arranca carcajadas sobre todo al principio, pero una vez leídos los primeros chistes, rara vez hay renovación o profundidad. De Camilleri, para resarcirse, me permito recomendar otra novela de 1998, La concesión del teléfono, que me pareció muy brillante y me dejó mucho mejor sabor de boca.

    http://banquetealatropa.blogspot.com.es/2013/05/traicion.html

    ha scritto il 

  • 5

    Stavolta è Mimì Augello che attira tutta l'attenzione di Montalbano: è irascibile, distratto, assente. Il motivo diventerà palese alla fine della storia, quindi non ne parlo qui. Fatto sta comunque che Camilleri è bravissimo a dare ancora più spessore ai suoi personaggi.

    ha scritto il 

Ordina per