Il cannocchiale del critico

Di

Editore: TEA

4.1
(13)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 122 | Formato: Altri

Isbn-10: 8878192996 | Isbn-13: 9788878192997 | Data di pubblicazione: 

Genere: Arte, Architettura & Fotografia

Ti piace Il cannocchiale del critico?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Il libro è composto da una serie di scritti tratti da varie opere. Oltre aitesti di argomento strettamente storico-artistico (Piero della Francesca, iltema della "vanitas", Caravaggio, Luca Giordano, Guidoriccio), il volumecomprende anche diversi testi dedicati ad altri temi come le arti minori, ilproblema dei falsi, il degrado del patrimonio artistico italiano.
Ordina per
  • 5

    Zeri ovvero il detective dell'arte

    Una gustosa e succulenta raccolta di interventi del grandissimo e leggendario storico. Zeri ha l'indubbio merito di rendere i suoi contribuit fruibili e appassionanti ai più: qui non si smentisce di c ...continua

    Una gustosa e succulenta raccolta di interventi del grandissimo e leggendario storico. Zeri ha l'indubbio merito di rendere i suoi contribuit fruibili e appassionanti ai più: qui non si smentisce di certo! Polemico e collerico? Come no, però lui può! Lui, ovviamente, visto che è (ahimè era) uno storico vero e prima di tutto un grande uomo.

    ha scritto il 

  • 5

    Una bella serie di saggetti arguti sull'arte. L'autore recensisce una mostra d'arte giapponese, critica una esposizione di pittori del Seicento a Napoli, attacca con durezza i restauri troppo invasivi ...continua

    Una bella serie di saggetti arguti sull'arte. L'autore recensisce una mostra d'arte giapponese, critica una esposizione di pittori del Seicento a Napoli, attacca con durezza i restauri troppo invasivi, compie una severa disamina del libro "Indagini su Piero" di Carlo Ginzburg, etc. etc. Insomma, il solito Zeri: polemico, coltissimo, sapiente, col dente avvelenato.

    ha scritto il