Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Il canto della missione

Di

Editore: Mondadori

3.2
(191)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 351 | Formato: Altri | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Tedesco , Spagnolo , Finlandese , Svedese , Catalano , Francese , Olandese , Portoghese

Isbn-10: 8804567813 | Isbn-13: 9788804567813 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: S. Bertola

Disponibile anche come: Tascabile economico , Copertina rigida

Genere: Crime , Fiction & Literature , Mystery & Thrillers

Ti piace Il canto della missione?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Il protagonista ha una storia particolare alle spalle. "Figlio del peccato" diun missionario bianco e di una donna congolese, dopo una sofferta infanzia inAfrica è stato cresciuto in Inghilterra, dove ha anche compiuto gli studi eincontrato sua moglie. A 29 anni è uno stimato e preziosissimo interprete dilingue africane e la sua rara esperienza è spesso di aiuto anche al governobritannico. È in occasione di un incontro tra alcuni misteriosi finanzieri,membri dei servizi segreti di Sua Maestà e Signori della Guerra del suo nativoCongo che la sua esistenza prenderà una drammatica piega. Si troverà infattidi fronte a una verità fatta di voraci multinazionali, governi collusi esordide macchinazioni di potere. E per lui si tratterà di decidere tra lafedeltà assoluta alla Corona o alla propria coscienza.
Ordina per
  • 3

    Aquest és un dels autors que més llegeixo, possiblement hagi anat llegint tots els seus darrers llibres, encara que alguns siguin amb una mica de retard, com aquest (aproximadament un any de retard). Sempre que surten els compro i se que els acabo llegint, per dir-ho d'alguna manera, em vaig raci ...continua

    Aquest és un dels autors que més llegeixo, possiblement hagi anat llegint tots els seus darrers llibres, encara que alguns siguin amb una mica de retard, com aquest (aproximadament un any de retard). Sempre que surten els compro i se que els acabo llegint, per dir-ho d'alguna manera, em vaig racionant els llibres de cada autor. Feia poc que havia llegit "Amics absoluts" i per això aquest ha esperat una mica més. I és que per aquells que hagin llegit llibres darrerament d'aquest autor, són llibres més lents, elaborats, són llibres d'intriga però també de denuncia. El que més ressò ha tingut darrerament ha estat El jardiner constant, bàsicament pel fet que se n'ha fet una pel.lícula amb en Ralph Fiennes com a protagonista, on denuncia les practiques de les farmacèutiques a l'Àfrica (com sempre, la pel.lícula està molt per sota del llibre). Ara ho fa amb l'espoliació dels recursos d'aquest mateix continent per part dels grans lobbies politico-empresarials del món occidental i la seva obvia falta d'escrúpols per aconseguir-los Recomanable

    ha scritto il 

  • 4

    Il passaggio dalla lotta al nemico russo dei romanzi con protagonista Smiley (e l'indimenticabile "decent hunan being" de la Casa Russia)non ha fatto perdere classe e stle narrativo a Le Carrè, in cambio gli ha fatto incontrare una nuova causa, troppo spesso dimenticata, la sistematica spoliazion ...continua

    Il passaggio dalla lotta al nemico russo dei romanzi con protagonista Smiley (e l'indimenticabile "decent hunan being" de la Casa Russia)non ha fatto perdere classe e stle narrativo a Le Carrè, in cambio gli ha fatto incontrare una nuova causa, troppo spesso dimenticata, la sistematica spoliazione, e i suoi devastanti effetti, di un intero continente da parte dei soliti predatori. Aveva cominciato col "Giardiniere tenace" e prosegue con "Il canto della missione". Pur essendo una spy story racconta in maniera assolutamente verosimile, probabilmente perchè copia la realtà, una storia che, purtroppo, è di tutti i giorni. E lo lo fa con l'eleganza che ha sempre caratterizzato le sue opere.

    ha scritto il 

  • 4

    appartenere al mondo

    Quando guarda la schiuma del mare rabbioso dalla scogliera sotto la sua proprietà in Cornovaglia, Le Carrè vede in realtà tutta l’agitazione, la confusione, la sporcizia della politica internazionale. E i peggiori soggetti (politici vigliacchi e creduloni, terroristi, fanatici, mafiosi, affaristi ...continua

    Quando guarda la schiuma del mare rabbioso dalla scogliera sotto la sua proprietà in Cornovaglia, Le Carrè vede in realtà tutta l’agitazione, la confusione, la sporcizia della politica internazionale. E i peggiori soggetti (politici vigliacchi e creduloni, terroristi, fanatici, mafiosi, affaristi) che pescano a piene mani nel tentativo di ricavarne il più possibile per i propri interessi. Eppure, in quel caos, ogni tanto affiora un galantuomo, uno qualunque, che insegue con coraggio, ingenuità e incoscienza il sogno di far prevalere, una volta tanto, i principi, l’ideale, gli interessi di un popolo oppresso o la pace. E lo racconta, nella lotta impari contro sistemi e poteri ben più grandi di lui. E’il caso del protagonista di questo romanzo e dei suoi amici. Il grande scrittore, il migliore in questo campo,ci dice che ci sono problemi veri là fuori e che forse la situazione migliorerebbe, se tutti ce ne interessassimo un po’. Magari a qualcuno piacerà invece vedere il solito tipo tutto muscoli-tecnologia-verità assoluta che fa a pezzi i cattivoni ogni due anni, e la cosa non mi disturba, perché è pure simpatico, di tanto in tanto. Ma sono favolette. Ogni tanto dobbiamo pure rimettere i piedi per terra. Le Carrè ce lo ricorda,oltre che con temi interessanti, con la sua qualità narrativa e di scrittura. Ci sarà chi continuerà a divertirsi solo con quell’altra roba:padroni di farlo, padroni di non appartenere a questo difficile mondo.

    ha scritto il 

  • 4

    Che le Carré sia considerato il maggior scrittore di spionaggio al mondo non è un caso. Che poi in questo libro, a ben vedere, spie e servizi segreti abbiano un ruolo marginale è significativo: il Maestro riesce benissimo, anche quando si discosta un poco dal suo terreno d'elezione.
    Sono qui misc ...continua

    Che le Carré sia considerato il maggior scrittore di spionaggio al mondo non è un caso. Che poi in questo libro, a ben vedere, spie e servizi segreti abbiano un ruolo marginale è significativo: il Maestro riesce benissimo, anche quando si discosta un poco dal suo terreno d'elezione. Sono qui miscelati insieme una vasta conoscenza dei sanguinosi e sconosciuti conflitti che infuriano in Africa, dei protagonisti ideati magnificamente e uno stile inimitabile. La qualità della prosa, in particolare, è il tratto che distingue le Carré da quella grande abbondanza di scrittori di successo che, per stare dietro a trame avvincenti, tralasciano di curarne la forma.

    ha scritto il