Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Il canto di Acchiappacoda

Di

Editore: A. Mondadori (Oscar Bestsellers, 233)

4.1
(171)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 370 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8804352833 | Isbn-13: 9788804352839 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Marco Papi ; Illustrazione di copertina: Braldt Bralds

Disponibile anche come: Copertina rigida

Genere: Fiction & Literature , Humor , Science Fiction & Fantasy

Ti piace Il canto di Acchiappacoda?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 4

    Un libro decisamente surreale. Il protagonista, Acchiappacoda, parte alla ricerca di un'amica scomparsa, ma lungo la sua strada incontra numerose insidie ed è costretto a battersi persino con animali crudeli e fantastici, mai esistiti in natura.

    ha scritto il 

  • 4

    L'avventura di Fritti Acchiappacoda - un bel micio arancione - inizia il giorno in cui scopre la scomparsa della sua amica più cara, la micia Zampafelpata. Qualcosa di strano si agita ai confini del bosco, strano notizie vengono riportate da altri gatti...e Fritti si incammina deciso a ritrovare ...continua

    L'avventura di Fritti Acchiappacoda - un bel micio arancione - inizia il giorno in cui scopre la scomparsa della sua amica più cara, la micia Zampafelpata. Qualcosa di strano si agita ai confini del bosco, strano notizie vengono riportate da altri gatti...e Fritti si incammina deciso a ritrovare la sua amica, convinto che qualcosa di terribile possa esserle capitato.
    Accompagnato dal micino Balzalesto, Fritti si recherà prima alla corte della regina della Gente (i gatti, appunto) e poi sempre più avanti, verso l'abominevole collina, dove qualcosa di terribile cova sottoterra...

    Un romanzo fantasy in ogni sua caratteristica (il viaggio, la quest, il cattivissimo nemico, le creature spaventose, le alleanze inaspettate), con protagonista un gatto. Lettura deliziosa, se non per qualche difetto nella narrazione (a mio parere, descrizioni poco chiare e noiose, che rallentano notevolmente il ritmo, troppi spostamenti da parte dei personaggi e nomi simili che confondono le idee). Tracce di un epos felino, sulla scia di Watership Down, arricchiscono la storia e caratterizzano l'ambientazione, ma trovo che il libro di Adams sia inarrivabile.

    Comunque una lettura piacevole con un bel finale inaspettato

    ha scritto il 

  • 4

    Un fantasy sui gatti da non sottovalutare

    L'autore ha creato un mondo e un'avventura vissuta in tutto e per tutto da gatti, con i loro rituali, usi ed espressioni. Si tratta di un romanzo fantasy di buona fattura, scorrevole nonostante la mole, consigliato a chi ama il genere e ha simpatie per i nostri amici felini. I concetti chiave son ...continua

    L'autore ha creato un mondo e un'avventura vissuta in tutto e per tutto da gatti, con i loro rituali, usi ed espressioni. Si tratta di un romanzo fantasy di buona fattura, scorrevole nonostante la mole, consigliato a chi ama il genere e ha simpatie per i nostri amici felini. I concetti chiave sono lo scoprire se stessi, la voglia di avventura, l'amicizia, la ricerca di qualcosa che forse è solo nella nostra testa, o che forse ci passa sotto gli occhi senza accorgersene. Noi uomini abbiamo un ruolo marginale, descritti come una razza in decadenza al servizio dei gatti, e se ci pensa bene questo si avvicina molto alla realtà più di quanto possa sembrare. Consigliato.

    ha scritto il 

  • 4

    Storie di gatti che sembrano uomini: amori, gelosie, battaglie, con l'avventuroso gatto-eroe Acchiappacoda, protagonista principale della storia. Fa sorridere e commuovere.

    ha scritto il 

  • 4

    La magia dei Gatti :)

    Divertentissima la storia di questo libro, che donai 2/3 anni fa alla mia biblioteca e, che qualche giorno fa mi son ritrovata nel loro banchetto dei libri fuori corso e quindi prelevabili da chiunque.
    Me lo son ripreso e prima o poi lo rileggerò! ehehehe
    ===========
    infatti l'h ...continua

    Divertentissima la storia di questo libro, che donai 2/3 anni fa alla mia biblioteca e, che qualche giorno fa mi son ritrovata nel loro banchetto dei libri fuori corso e quindi prelevabili da chiunque.
    Me lo son ripreso e prima o poi lo rileggerò! ehehehe
    ===========
    infatti l'ho ri-iniziato da poco ^^

    AVVISO SPOILER
    ... dapprima gli fu sterminata la famiglia dall'Uo-mo, poi anche la sua bella Zampa-Felpata sparì dal mondo in cui era cresciuto, infine molte altre sparizioni lo portarono a decidere di partire per ritrovare Lei.
    Acchiappacoda arrivò sino in cima al mondo e venne inghiottito nelle tenebre oscure della Madre Terra dove scoprì l'esistenza di Dei e Demoni, li affrontò e grazie agli amici vecchi e nuovi sopravvisse.
    Poi Zampa di Fuoco, il Dio che lui aveva risvegliato e salvato gli indicò il punto dove avrebbe ritrovato Zampa-Felpata, il suo amore perduto e il viaggò ricominciò.
    E alla fine la ritrovò. Sì, la ritrovò, la sua Zampa-Felpata, la Gatta con cui si sarebbe legato per la vita... ma... e c'è sempre un ma. Dopo tante stagioni il suo amore era cambiato, era pigra, addormentata e completamente dipendente dall'Uo-mo e lui era ormai un cacciatore, un gatto selvaggio. Zampa-Felpata lo aveva tradito?
    No, forse no. A pochi è dato di sapere come andranno le cose e Acchiapacoda era maturato in breve tempo, grazie all'esperienze tragiche che aveva vissuto per ritrovarla. ma lei, lei in tutto questo tempo non aveva mai corso dei pericoli, Zampa-Felpata non era più la sua Fela e Acchiapacoda fuggì via, senza nemmeno essere ferito più di tanto. Fece la via a ritroso per ritrovare gli amici con cui aveva davvero vissuto e con cui aveva profondamente legato e così ritrovò anche lei... Ombra-di-Tetto... già... Ombra...
    -----------

    Non ricordavo assolutamente nulla di questo libro, che lessi nella mia infanzia, ma ri-leggerlo è stato un qualcosa di speciale. E' un libro degli anni '80 ma non credo che lo darò più via.

    ha scritto il