Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Il carnevale della croce

Poesie religiose. Poesie d'amore

Di

Editore: Einaudi

3.9
(35)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 96 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8806198920 | Isbn-13: 9788806198923 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Genere: Fiction & Literature

Ti piace Il carnevale della croce?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 5

    amore passionale che diventa amore mistico e viceversa.

    "Uomo che ho amato sul fare dell'alba
    e che sei diventato un'infezione d'amore
    io ti cerco in ogni albero
    e spero tu fiorisca.
    Malgrado gli anni sembravi giovane
    ma non hai dato alcun frutto.
    Triste ...continua

    amore passionale che diventa amore mistico e viceversa.

    "Uomo che ho amato sul fare dell'alba
    e che sei diventato un'infezione d'amore
    io ti cerco in ogni albero
    e spero tu fiorisca.
    Malgrado gli anni sembravi giovane
    ma non hai dato alcun frutto.
    Triste la donna che vede un germe di grano
    e spera in un campo di fiori.
    Non mi hai offerto né il pane né il colore
    e te ne sei andato prima di dirmi il tuo nome."

    ha scritto il 

  • 3

    Forgiata lei, l'Alda, a bottiglia trabocchevole, non aspettatevi di mettervi a bicchiere sulla pagina, e che le parole scorrano d'unico sapore.


    C'è la schiuma di eccessivi scalpicciamenti a piedi nudi sul cuore


    "Ho navigato con te lungo angeliche sponde",


    che gonfia d' ...continua

    Forgiata lei, l'Alda, a bottiglia trabocchevole, non aspettatevi di mettervi a bicchiere sulla pagina, e che le parole scorrano d'unico sapore.

    C'è la schiuma di eccessivi scalpicciamenti a piedi nudi sul cuore

    "Ho navigato con te lungo angeliche sponde",

    che gonfia d'aria e non sa d'acino, ma lei poi sa ricordare che poesia è il sapore del graspo inaspettato:

    "Tu sei un inetto in amore, uno che non sa discernere
    l'alba."

    A piedi nudi lei cammina sul volto di Dio, e riconosce con la bianchezza dell'ostia parola nell' Amore divino per l'uomo la morfologìa dell'imene e il dolore del parto

    "Ogni volta che nasce un uomo
    Dio è attaccato dal suo amore.
    Ogni volta che nasce un uomo
    Dio conosce i tormenti del parto."

    In questa silloge ho trovato un unico punto d'equilibrio, ma è tappo che infilare con i denti non so, perchè di tutto questo Amore non so misura.

    "Mi piaceva il tuo volto
    era un paesaggio pieno
    di rose selvagge.
    Mi piaceva vivere nella tua foresta
    dove tu uomo completamente nudo
    lottavi contro le belve
    della mia tentazione.
    Mi piaceva vivere con te
    con te e basta,
    poi sono venuti gli uomini."

    ha scritto il 

  • 4

    <<E' dentro di te
    il bosco delle mie paure,
    si è agitato per anni
    cercando radici esterne
    e coprendomi forse
    di un celere silenzio.
    Tu mi hai fatto parlare
    un gergo che non conosco,
    portavi schiavi per ogni dove
    e hai assoldato navi di i ...continua

    <<E' dentro di te
    il bosco delle mie paure,
    si è agitato per anni
    cercando radici esterne
    e coprendomi forse
    di un celere silenzio.
    Tu mi hai fatto parlare
    un gergo che non conosco,
    portavi schiavi per ogni dove
    e hai assoldato navi di intelletto.
    Siamo partiti tutti per la tua giungla
    dove abbiamo trovato la tigre
    che tu hai domato.>>

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    0

    Corpo d'amore. Un incontro con Gesù.

    Gesù,
    forse è per paura delle tue immonde spine
    ch'io non ti credo,
    per quel dorso chino sotto la croce
    ch'io non voglio imitarti.
    Forse, come fece san Pietro,
    io ti rinnego per paura del pianto.
    Però io ti percorro ad ogni ora
    e sono lì in un angol ...continua

    Gesù,
    forse è per paura delle tue immonde spine
    ch'io non ti credo,
    per quel dorso chino sotto la croce
    ch'io non voglio imitarti.
    Forse, come fece san Pietro,
    io ti rinnego per paura del pianto.
    Però io ti percorro ad ogni ora
    e sono lì in un angolo di strada
    e aspetto che tu passi.
    E ho un fazzoletto, amore,
    che nessuno ha mai toccato,
    per tergerti la faccia.

    ha scritto il