Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Il caso di Charles Dexter Ward

Di

Editore: Sugarco

4.1
(655)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 156 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Spagnolo , Inglese , Tedesco , Polacco , Francese , Svedese , Portoghese , Catalano

Isbn-10: A000026144 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Tascabile economico , Copertina morbida e spillati , Altri

Genere: Fiction & Literature , Horror , Science Fiction & Fantasy

Ti piace Il caso di Charles Dexter Ward?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 5

    "Se scruterai a lungo in un abisso, anche l'abisso scruterà dentro di te." (F.W. Nietzsche, Al di là del bene e del male)


    Il celebre aforisma del filosofo tedesco potrebbe essere la cornice alla lettura di questo romanzo, nato dalla penna di uno dei maestri della letteratura fantastica e h ...continua

    "Se scruterai a lungo in un abisso, anche l'abisso scruterà dentro di te." (F.W. Nietzsche, Al di là del bene e del male)

    Il celebre aforisma del filosofo tedesco potrebbe essere la cornice alla lettura di questo romanzo, nato dalla penna di uno dei maestri della letteratura fantastica e horror. Perché è proprio di una discesa nel seducente oscuro ignoto, a partire da un'irrefrenabile levatoia sete di conoscenza, che qui si tratta.

    Charles Ward è un ragazzo con la passione per l'antico, per civiltà scomparse, per dimenticati saperi. Nel corso delle sue ricerche si imbatte nei carteggi riguardanti un suo antenato, Joseph Curwen, temuto negromante ed esperto di occulto. La crescente curiosità per i risultati delle ricerche dell'oscuro mago condurrà lentamente per mano il giovane su una strada di lucida follia, di eventi terribili, descritti con una omissione di dettagli sempre più claustrofobica per il lettore, sui quali indagherà il dottor Willett, psichiatra e medico della famiglia Ward.

    Lovecraft ci consegna con questo libro l'inquietante spaccato di una innocente, seppur cupa, spinta all'erudizione di una mente la cui fragilità si rivelerà la porta per il ritorno di mostri. Dal passato, da sé stessi, da lontano, ogni lettore potrà decidere la corrispondenza con la propria fonte di dannazione.

    ha scritto il 

  • 4

    Romanzo breve e anche semplice nella trama, ma intenso. L'avidità di conoscenza e la passione per le antichità, sarà causa, per il protagonista, della sua discesa verso il baratro; e questo lento percorso si percepisce pagina dopo pagina.
    Stile horror con ambientazione storica che ben rende l'id ...continua

    Romanzo breve e anche semplice nella trama, ma intenso. L'avidità di conoscenza e la passione per le antichità, sarà causa, per il protagonista, della sua discesa verso il baratro; e questo lento percorso si percepisce pagina dopo pagina. Stile horror con ambientazione storica che ben rende l'idea di esoterismo, negromanzia, che permeano il romanzo. Primo approccio con Lovecraft, per cui mancano termini di paragone con altri suoi scritti, l'inizio tuttavia è promettente.

    ha scritto il 

  • 3

    Abominevoli creature provenienti dall'orrore infinito di un abisso di un al di fuori non meglio precisato, empie parole pronunciate da uomini malvagi, mostruose violazioni, illeciti commerci, inspiegabili mutamenti... tutto condito da acri fetori, miasmi, catacombe, una strizzatina d'occhio al ri ...continua

    Abominevoli creature provenienti dall'orrore infinito di un abisso di un al di fuori non meglio precisato, empie parole pronunciate da uomini malvagi, mostruose violazioni, illeciti commerci, inspiegabili mutamenti... tutto condito da acri fetori, miasmi, catacombe, una strizzatina d'occhio al ritratto di Dorian Gray e una frustrante impossibilità per il lettore di mettere a fuoco fatti e personaggi narrati. La prosa di HPL come al solito è scorrevole, nonostante gli inciampi della traduzione, grande la sua capacità evocativa. Forse però alcuni racconti restano insuperabili nel creare inquietudine nel lettore. Sfiziosa l'introduzione di Valerio Evangelisti.

    ha scritto il 

  • 3

    Ho sempre letto solamente i racconti di Lovecraft, così questa è la prima volta che leggo un suo romanzo e...beh, mi ha deluso.
    Molte pagine erano di una noia mortale: praticamente mi è sembrato di leggere un racconto ma allungato a dismisura per poter essere un romanzo.
    La storia è molto bella e ...continua

    Ho sempre letto solamente i racconti di Lovecraft, così questa è la prima volta che leggo un suo romanzo e...beh, mi ha deluso. Molte pagine erano di una noia mortale: praticamente mi è sembrato di leggere un racconto ma allungato a dismisura per poter essere un romanzo. La storia è molto bella e avvincente, però ci sono davvero tante parti noiose

    ha scritto il 

  • 4

    La magia di Lovecraft, il motivo per cui l'orrore da lui evocato persiste nella mente come una luce eccessiva sulla retina dietro le palpebre chiuse, è che nulla è descritto, ma tutto è evocato, e fa riusonare gli archetipi che ciascuno di noi si porta dentro.
    Qui non siamo ancora alla perfezione ...continua

    La magia di Lovecraft, il motivo per cui l'orrore da lui evocato persiste nella mente come una luce eccessiva sulla retina dietro le palpebre chiuse, è che nulla è descritto, ma tutto è evocato, e fa riusonare gli archetipi che ciascuno di noi si porta dentro. Qui non siamo ancora alla perfezione, ma l'orrore puro è vicinissimo.

    ha scritto il 

  • 4

    Un Lovecraft perso tra le antichità di Providence

    Charles Dexter Ward è un giovane appassionato di antiche dimore che viene a conoscere la storia di un suo antenato ucciso in strane circostanze, uno studioso di chimica e alchimia che trafficava con i "sali" dei morti evocando cose che non andrebbero mai evocate. La storia avrà un effetto funesto ...continua

    Charles Dexter Ward è un giovane appassionato di antiche dimore che viene a conoscere la storia di un suo antenato ucciso in strane circostanze, uno studioso di chimica e alchimia che trafficava con i "sali" dei morti evocando cose che non andrebbero mai evocate. La storia avrà un effetto funesto sulla vita del giovane Ward, che si farà irretire dalla trama di un passato pieno di misteri e di orrori sino farsi consumare e trasformare profondamente nell'aspetto oltre che nell'anima...

    Pubblicato postumo sulla mitica Weird Tales per la scarsa considerazione da parte del suo autore, "Il Caso di Charles Dexter Ward" è una storia di orrore soprannaturale persa fra le stradine oscure di Providence, la stessa Providence dove Lovecraft vive e scrive e all'ombra della quale si svolge una vicenda narrata in terza persona come resoconto di uno strano caso di pazzia che ha gettato scompiglio nella vita di un giovane studioso, in quella della sua famiglia e dell'intera città.

    Lovecraft è maestro nel descrivere l'orrore senza mai mostrarlo se non attraverso gli occhi distorti della pazzia, e "Il Caso ecc." non fa che confermare ulteriormente questa sua abilità. Gli "Antichi", empie divinità che vivono in un piano di realtà alieno a qualsiasi possibile umanità fanno per l'occasione da sfondo a una storia che ha più a che fare con la negromanzia e il satanismo che con le "sfere esterne" di Cthulhu & compagnia.

    ha scritto il 

  • 4

    Primo incontro con questo autore. Non conosco la sua produzione e quindi non so se questo romanzo sia tra le sue opere migliori. So solo che l’ho terminato in due giorni, che ho provato davvero il terrore che lo scrittore voleva provocare e che di sicuro considero questo romanzo breve una gran be ...continua

    Primo incontro con questo autore. Non conosco la sua produzione e quindi non so se questo romanzo sia tra le sue opere migliori. So solo che l’ho terminato in due giorni, che ho provato davvero il terrore che lo scrittore voleva provocare e che di sicuro considero questo romanzo breve una gran bella lettura. Inizialmente si tende a perdersi, la trama è macchinosa ed estremamente intrecciata, con dei balzi nel passato ricostruiti tramite racconti, dicerie e diari deliranti di personaggi secondari, ma poi pian piano la tensione sale, i misteri si fanno più cupi e inquietanti e la storia procede veloce, lineare, in un turbinio di orrori e colpi di scena. Il caos di Charles Ward è quello di un giovane divenuto folle in seguito alle sue ricerche su un suo oscuro antenato, certo Joseph Curwen sospettato di negromanzia, e rinchiuso in un manicomio prima che commetta tragiche azioni. Ma Ward scappa e l’unico a sapere la verità su quello che realmente è accaduto è il suo dottore che lo segue dall'infanzia, Mr Willett, il quale è il vero protagonista del romanzo. Nel corso del racconto, Willett, infatti, sarà colui a cui fin da subito viene affidato il giovane Charles per riportarlo alla sanità e allontanarlo dalle sue ossessioni verso l’antico e l’occulto. Willett è l’unico dotato di una mente aperta (alla stregua di Van Helsing in Dracula e in effetti nel romanzo non mancano riferimenti alla tradizione gotica, Stoker incluso) e, come lui stesso afferma, un pizzico di fantasia, che gli permettono di sondare le profondità dell’incubo in cui Ward è caduto, affrontare gli orrori che nasconde e arrivare alla soluzione del terrificante mistero che avvolge Charles e il suo antenato. Una storia che davvero vi lascerà con il fiato sospeso fino al’ultimo. Ideale per una notte all’insegna del brivido…

    ha scritto il 

  • 4

    Molto scorrevole, considerando i tempi in cui è stato scritto. Allo stesso tempo può diventare tortuoso e forzato, visto che è in chiave resoconto giornalistico. Ma se piace il genere... lo si finisce presto e con piacere.

    ha scritto il 

Ordina per