Il caso sbagliato

di | Editore: Einaudi
Voto medio di 256
| 47 contributi totali di cui 42 recensioni , 4 citazioni , 0 immagini , 1 nota , 0 video
Fino a qualche tempo fa, Milton Chester Milodragovitch terzo, Milo per gli amici e anche per i nemici, non se la passava poi male. Tallonare coniugi infedeli gli rendeva quanto bastava a pagarsi da bere al Mahoney's, il suo bar preferito.Poi la legge ...Continua
Nelly Pepe
Ha scritto il 16/06/18

Penoso. Arrivata a metà sono andata a leggere la fine

Ccriss
Ha scritto il 08/11/16

Molto ben scritto e molto ben tradotto; Crumley è uno scrittore, incidentalmente uno scrittore di gialli.

Alessandro Canova
Ha scritto il 07/08/14

Un po' troppo lungo, si sofferma con troppa insistenza sulle sbornie del protagonista. L'avrei apprezzato di più se avesse avuto un centinaio di pagine in meno.

Baldo Giaco
Ha scritto il 02/03/14
Sconcertante
Ho sempre amato Chandler ed Hammett ed i cosiddetti hard boiiled americani così lontani dalla tradizione del thriller brittanico. Ma il troppo stroppia. Primo romanzo con l'investigatore privato Milton Chester Milodragovitch III detto "Milo". La tram...Continua
Jimbose
Ha scritto il 01/02/14
Un bell'hard-boiled pieno di robaccia. Già solo il fatto che l’investigatore si chiami Milton Chester Milodragovitch III detto Milo mi ha incuriosito. Uno con un nome così cosa accidenti può combinare nella vita se non fare il milionario e spassarsel...Continua

Pork&Cindy
Ha scritto il Sep 10, 2010, 16:52
Ma anche questo è uno dei grandi pregi del vivere in America: la superiorità morale costa un tanto al chilo.
Pag. 170
Pork&Cindy
Ha scritto il Sep 10, 2010, 16:52
Via via che assegnavo a ciascuno di loro un nome e una storia, avevo iniziato a vederli tutti quanti, nei bar e al lavoro – sì, molti ce l’avevano, un lavoro, spalavano via la merda di MariWether come negri bianchi – e più li vedevo più preferivo il...Continua
Pag. 119
Pork&Cindy
Ha scritto il Sep 10, 2010, 16:52
Per deprimersi con le questioni morali c’è sempre tempo, magari a cose fatte, quando la passione è degenerata in una sigaretta, in un interminabile drink, nel silenzio.
Pag. 13
Furettocurioso
Ha scritto il Mar 03, 2009, 15:40
- Figliolo, - mi disse senza tante storie, - non fidarti mai di chi non beve, perché è quasi sempre divorato dalla presunzione, è qualcuno che pensa di saper comunque distinguere le cose giuste da quelle sbagliate. In certi casi si tratta di brava ge...Continua
Pag. 1

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

Luigi Antonucci
Ha scritto il Apr 14, 2017, 08:27
Salvato dal finale. La terza stella è solo per le ultime dieci pagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi