Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Il catalogo della gioia

Di

Editore: Donzelli

4.0
(16)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 115 | Formato: Altri

Isbn-10: 8879897608 | Isbn-13: 9788879897600 | Data di pubblicazione: 

Genere: Non-fiction

Ti piace Il catalogo della gioia?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 4

    F

    E' la lettera della felicità terrena del soffio che fugge dalle labbra, è la fiducia dei fiori che si flettono quando scende il sole, ma è anche la lettera del fulmine, della fiamma che fende il buio.
    «Fa freddo» diciamo e la f si raddoppia nello stesso fiato della bocca sul fuoco.

    ha scritto il 

  • 5

    IL CATALOGO DELLA GIOA Antonela Anedda

    http://books.google.com/books?id=WAQyVhmR304C&printsec=frontcover&dq=antonella+anedda&source=bl&ots=J4ikhwXQzc&sig=ppeJihRm9cp-4UID1x-4BiN1OA4&hl=it&ei=dXoFTI2RDsPt-AbkisSkCg&sa=X&oi=book_result&ct=result&resnum=11&ved=0CDUQ6AEwCg#v=onepage&q&f=false

    ha scritto il 

  • 0

    La mia recensione su kathodik (agosto 2004):


    Antonella Anedda è nata e vive a Roma. Ha pubblicato due raccolte di poesia: Residenze invernali (Crocetti) e Notti di pace occidentale (Donzelli). Ha tradotto prose e poesie di Philippe Jaccottet.


    Il “Catalogo della gioia” si apre con un ...continua

    La mia recensione su kathodik (agosto 2004):

    Antonella Anedda è nata e vive a Roma. Ha pubblicato due raccolte di poesia: Residenze invernali (Crocetti) e Notti di pace occidentale (Donzelli). Ha tradotto prose e poesie di Philippe Jaccottet.

    Il “Catalogo della gioia” si apre con una citazione che rivela il senso delle poesie che seguiranno : “A chi gli chiedeva quale differenza ci fosse tra l’essere tristi e avere il cuore spezzato, Nachman rispose che avere il cuore spezzato non impediva la gioia”.
    Il libro non è un alfabeto della gioia che avrebbe una struttura verticale e che comprenderebbe tutte le lettere, ma un catalogo che ha una struttura circolare e che “elencando sceglie. In questo ci sono solo alcune/ lettere, solo alcune gioie. Chiunque, leggendo, può aggiungere / o cancellare”.
    La prima lettera è la ‘I’: “È la lettera dell’ilarità, del riso infantile ma anche del raglio / degli asini che sembrano ridere e poi piangono o misteriosamente / invocano. Le labbra si tendono, la lingua resta immobile. La testa/ impercettibilmente si inclina indietro in un inno incompiuto”.
    Segue la ‘S’, “lettera del silenzio e dei serpenti, del loro sangue secco/ al sole, della serenità sapiente, del sussurro con cui si chiede di / tacere”.
    La Anedda ricorda nei suoi versi gli amori vissuti che ormai sono divenuti lontani: “Oggi vorrei vedervi miei amori nelle vostre cucine/ sedervi uno vicino all’altro, mangiare nudi senza imbarazzo/ come se foste meno che bambini” e poi “non vorrei più toccarvi, ma sedermi con voi su di una panca/ stringervi i polsi, seguire da vicino le vene/ quei dettagli di azzurro, quei delta trasparenti oltre le dita/ poi navigare nel sangue con cautela/ senza che voi sappiate intero il mio piacere”.
    ”In questa raccolta la consapevolezza, il ricordo e la sostanza di vita si fanno storia solida. La misura dell’immensamente grande sembra rinnovarsi nella dimensione dell’intima risonanza (talvolta impetuosa risonanza) che produce l’esperienza della vita, come se questa fosse solo un simbolo da cogliere per dare oggetti necessari al dialogo interiore. (Paola Malavasi)”

    ha scritto il